Una Supernova ha colpito la Terra da vicino e le ha fatto la radiografia

Immaginare l’impatto di una Supernova è uno scenari apocalittico, ma è già successo in passato. La Terra ha avuto a che fare con questo fenomeno, ma a una distanza superiore a quella necessaria per l’estinzione della vita.

Una supernova ha impattato l’atmosfera del pianeta Terra, su questo non sembrano esserci più dubbi e ormai i ricercatori sono concordi. Lo scorso anno, sulla rivista Nature, è stato pubblicato uno studio secondo il quale l’impatto risalirebbe alla bellezza di 2.6 milioni di anni fa.

La scienza non si ferma e i ricercatori si danno da fare per chiarire i misteri del cosmo, in questi giorni è stato pubblicato un nuovo lavoro, che conferma in parte le tesi precedentemente espresse ma aggiunge alcuni dettagli di grande interesse. Scopriamo insieme di cosa si tratta.

Nuovi studi sulla Supernova che ha “schiaffeggiato” la Terra

Adrian Melott ha guidato un gruppo di studiosi dell’Università del Kansas per fare luce su questo impatto, la teoria che abbiamo esposto in precedenza trova riscontro anche in questo lavoro ma un dato cambia sensibilmente.

terra supernova

Lo studio, pubblicato su Astrophysical Journal, cambia parzialmente la prospettiva circa il fenomeno, come sottolinea il capo del team. “Attualmente abbiamo ulteriori prove circa il transito della supernova in questione – afferma – quello che cambia è la distanza dalla Terra: secondo noi si tratta di circa 150 anni luce”.

Una distanza tale da non determinare eventuali estinzioni di massa, la “zona di uccisione” – come dichiara Melott, va considerata a ridotto dei 25 anni luce dal nostro pianeta, ma non per questo bisogna pensare che il transito in questione non abbia avuto effetti anzi.

I raggi della supernova sono scesi, a livello dell’atmosfera inferiore del nostro pianeta, con effetti che hanno riguardanto soprattutto la troposfera. Come se ogni organismo del pianeta avesse subito “molte radiografie all’anno”, questo genere di radiazioni ovviamente non sono salubri ma tuttavia non bastano per causare la fine della vita.

Fonte: asi.it


FONTE:
Approfondisci con: in ,
whatsapp truffa

Nuovi colori su WhatsApp, Occhio a questo messaggio è una truffa!

Vi abbiamo presentato robot di ogni tipo, dai robot giganti che si daranno battaglia ad agosto fino ad arrivare alla piccola robo-teiera che balla a tempo di musica, questo genere di prodotti hanno già cambiato la nostra vita e lo faranno sempre di più nel corso dei prossimi anni. Siamo soliti collegare l'idea di un robot a scenari futuri, ma forse non tutti sanno che già 240 anni fa è stato costruito quello che potremo definire un robot. Sembra strano ma è così, scopriamo insieme una delle curiosità tecnologiche più affascinanti della storia. Una macchina con sembianze umane in grado di svolgere autonomamente operazioni, idea vecchia, ma in realtà è ancora più antica di quanto si possa pensare. Un meccanismo composto da circa 6000 pezzi con 40 componenti interne sostituibili che consentono una sorta di "programmazione". Ecco a voi Lo Scrittore, opera dell'orologiaio Pierra Jaquet-Droz. Siamo alla fine del 1700, un lavoro certosino per dare vita a questo ragazzo artificiale, non solo un esercizio di stile ma una vera e propria macchina in grado di scrivere a seconda della programmazione. Affascinante e al contempo inquierante, il movimento di testa e occhi è davvero raffinato. Sembra quasi che il ragazzo sia concentrato su quello che sta scrivendo, Jaquet Droz ha costruito numerose macchine di questo tipo, ma Lo Scrittore è unanimemente riconosciuto come il suo grande capolavoro. 40 sono le lettere programmabili, questa macchina non ha alcun problema a scrivere brevi messaggi. Ecco a voi Lo Scrittore all'opera

Il primo ‘robot’ della storia ha 240 anni e funziona ancora perfettamente