tesla-roadster

Elon Musk ha vissuto ieri uno dei suoi giorni più felici: Space X è riuscito a lanciare con successo il Falcon Heavy dalla 39A piattaforma presso il Kennedy Space Center in Florida, lo stesso impianto che una volta era utilizzato per le missioni della navetta spaziale Apollo e in seguito dello Shuttle. 

Il decollo del più potente razzo attivo del mondo – che ha una capacità di carico di quasi 64 tonnellate in bassa orbita terrestre – ha stupito tutti coloro che hanno seguito la trasmissione in diretta attraverso YouTube, uno streaming che è già diventato il secondo più visto nella storia con 2,3 milioni di concorrenti.

tesla-roadster

Space X è riuscito a recuperare le due fasi laterali del razzo

Il successo del lancio del Falcon Heavy è stato riconosciuto dai politici e anche dai concorrenti diretti di Musk nella corsa allo spazio, dando un segno dei buoni risultati conseguiti da Space X. Il Presidente Donald Trump e il vicepresidente Mike Pence, oltre Jeff Bezos, fondatore di Blue Origin, si sono congratulati con Elon Musk per il successo del lancio da Cape Canaveral.

Sempre in Florida sono stati recuperati i due stadi laterali, una volta separati dal razzo e atterrati all’unisono sulle piattaforme LZ-1 e LZ-2 della Base Aerea. Un’immagine per la storia spaziale che sembrava uscire da un film di fantascienza. Il lancio di Space X, tuttavia, è stato rovinato dal fallito recupero del palco centrale di Falcon Heavy, che non è riuscito a raggiungere la chiatta navale. E’ la prima volta che l’azienda di Elon Musk cercava di reimballare tre moduli di un razzo alla volta. Quindi, Space X è soddisfatta di aver salvato le due fasi laterali, nonostante il fatto che l’ultimo colpirà l’acqua a quasi 500 chilometri all’ora. 

Roadster, una convertibile elettrica nello spazio

Qualche minuto più tardi, Space X è riuscita a far raggiungere la sua orbita con un carico utile potente: l’auto di Musk. La rossa Tesla Roadster era stata modificata per resistere al vuoto dello spazio e le immagini del manichino all’interno del veicolo hanno suscitato stupore e sorpresa da parte degli spettatori. Il manichino ha anche un nome, Starman, con il quale Space X ha onorato il compianto David Bowie

La missione, oltre all’ovvia campagna pubblicitaria gratuita che si suppone si rovescerà su Tesla, ha un programma ben preciso. Tuttavia, l’auto non è la prima ad essere spedita dalla Terra verso l’orbita. Nei test di lancio di un razzo è normale trasportare carichi di acciaio o di cemento. L’idea di portare una cabriolet rossa elettrica è una grande strategia pubblicitaria per Musk. 

Installare una Tesla Roadster come carico di Falcon Heavy non era, ovviamente, una strategia scelta a caso. “Il trambusto che crei con un trucco del genere va oltre ciò che i dollari della pubblicità possono ottenere“, hanno commentato alcuni.