Visore VR LG: ecco perché potrebbe ancora migliorare

LG Electronics ha annunciato il suo nuovo prototipo di visore per la realtà virtuale. Un clone dell’HTC Vive? Non proprio. Ecco perché.

Per il momento è solo un prototipo, ma ovviamente le specifiche sono ancora in fase di continuo cambiamento e potrebbero, di fatto, variare totalmente da qui al mercato di commercializzazione di massa. Stiamo parlando del nuovo visore LG per la realtà virtuale, un clone 1:1 dell’attuale e costoso HTC Vive.

Come per HTC Vive, il nuovo visore interattivo basa la propria efficacia operativa sulle specifiche di Valve – colosso del segmento gaming ed attuale proprietario di Steam – dove si renderanno inoltre disponibili i titoli compatibili. Come il Vive ci si trova in presenza delle più recenti tecnologie di tracciamento, che consentono un movimento libero e l’interazione con gli oggetti virtuali. Il tutto reso possibile grazie ad un coppia di emettitori laser.

Il risultato, come nel caso di HTC Vive, è davvero sbalorditivo ed appagante. Coloro che per primi hanno avuto modo di provare il nuovo LG VR Headset hanno riferito di trovarsi di fronte ad un sistema davvero straordinario.

“Ho preso un arco, ho incoccato una freccia e schioccato il colpo come se fosse vero. Sentivo l’arco tra le mie mani”

Si tratta, in tal senso, di un serio passo avanti rispetto al flop dovuto all’introduzione di un pessimo LG 360 VR. Ma allora, perché prendere in considerazione il visore LG se si tratta fondamentalmente di un clone HTC Vive?

In primo luogo c’è da dire che l’apparecchiatura risulta decisamente ben bilanciata. Confortevole come un Playstation VR, nonostante sia ancora decisamente troppo pesante. Ma non serve saltare a conclusioni affrettate, visto che la società ha in programma una decisa riduzione del peso e dell’ingombro.LG VR controller

In aggiunta a questa prima considerazione si aggiungono anche i nuovi controller, decisamente più solidi e maneggevoli rispetto ai Vive. Inoltre si conta anche su un display proprietario LG in tecnologia AMOLED con risoluzione 1440×1280 pixel per occhio ed un refresh rate a 90Hz con campo di visione fino a 110°.

Gli utenti riferiscono che, nonostante l’alta risoluzione, è stato possibile vedere i pixel ma che, ad ogni modo, ciò non ha causato alcun problema e che è stato possibile operare in ambiente Windows su testi senza affaticare tanto la vista. LG VR visore

L’intero display è ribaltabile in ogni momento, il che è utile se ci si vuole prendere una pausa. Davvero comodo e bello. Qui di seguito abbiamo anche alcuni dettagli che potrebbero essere interessanti:

  • Il sistema non ha cuffie incorporate in dotazione, ma un semplice jack analogico da 3.5mm per il collegamento di sistemi di ascolto esterni.
  • Telecamera Passthrough sulla parte anteriore (non ancora abilitata)
  • Auricolare con lenti di tipo non-Fresnel. Il sistema, infatti, utilizza lenti a rifrazione che, secondo LG, offrono un miglior contrasto cromatico.
  • Nessun sistema di regolazione PID. Lo si avrà nella versione consumer definitiva.
  • Cavo Standard USB Type-C per la connessione al box esterno, il quale ha USB e DisplayPort per la connessione ad un Personal Computer.
  • HDMI assente. L’azienda ha giustificato il fatto con l’impossibilità dello standard di gestire la risoluzione del pannello.

Analisti del settore hanno riferito che l’adozione di singoli display video AMOLED rispetto a due schermi potrebbero portare ad una notevole riduzione del prezzo. Ad ogni modo è stato possibile constatare come Oculus abbia appena provveduto ad una minorazione del prezzo di vendita per un totale di $200.

In realtà non si hanno ancora informazioni in merito al prezzo, ne tanto meno alla data di uscita per la versione consumer. Resteremo in attesa di ulteriori indicazioni tecniche e di vendita. LG VR headset

L’azienda dice di essere alla GDC allo scopo di ottenere quanti più feedback possibile da parte degli sviluppatori. Di fatto, come così espresso, si potrebbe prevedere un radicale cambiamento in relazione all’eventuale aumento della dimensione del display, alla riduzione del peso ed all’aggiunta di un sistema integrato di cuffie che consenta di realizzare una piattaforma all-in-one ergonomica e completa.

E voi che cosa vorreste dal prossimo visore VR? Spazio a tutti i vostri personali commenti al riguardo.

LEGGI ANCHE: LG G6: le nuove caratteristiche in video


Approfondisci con: in ,
FONTE: