in ,

Vodafone e Tre Italia dovranno rimborsare i clienti per l’accesso involontario alle segreterie telefoniche

Vodafone Italia e Tre Italia dovranno rimborsare gli utenti ai quali sono stati indebitamenti sottratti crediti per l’accesso involontario ai servizi di segreteria telefonica. Questo quanto è stato deliberato dal Garante per le Comunicazioni italiano (AGCOM) che ha così disposto un paletto alla scorrettezza delle azioni perpetrate dai due operatori di telefonia mobile nazionale.

Ai due vettori, nello specifico, viene richiesto non soltanto il rimborso pecuniario nei confronti dei propri clienti ma anche l’immediata cessione di questa condotta, nel’interesse del consumatore che, in molti casi, otteneva l’accesso alla segreteria telefonica dal semplice sfiorare l’indicazione a schermo della funzione senza possibilità di ulteriore intervento.

L’istruttoria si è aperta proprio a causa di ciò, Di fatto, un utente Vodafone, aveva portato all’attenzione del Garante i continui addebiti provocato dallo sfioramento in involontario del pulsante in riferimento all’accesso ai servizi di segreteria telefonica sul suo iPhone. Rilevato l’effettivo deficit nel sistema di connessione alla segreteria Vodafone, lo stesso vale per Tre Italia H3G, l’AGCOM non ha potuto fare altro che formalizzare le accuse richiedendo l’immediato reintegro dei crediti sui conti utente.vodafone segreteria

Gli operatori di rete nazionale hanno adottato degli accorgimenti a seguito dell’indicazione del Garante, il quale ha però ritenuto insufficiente l’intervento rispetto ai criteri minimi sanciti dalla carta dei Diritti dell’Utente. Proprio a ragion di ciò, il Garante ha consigliato l’utilizzo di soluzioni tecniche mirate, tutt’ora al vaglio dei rispettivi organismi di competenza.

Si ricordi, a titolo di completezza, che l’esborso previsto per i relativi servizi di segreteria telefonica hanno richiesto €0.20 per Tra H3G a contatto e ben €1.50 al giorno da parte di Vodafone IT. Risulta chiara, in tale ottica, la portata del problema e la necessità di procedere ad adeguate contromisure tecniche e di rimborso.

Anche voi avete subito le angheria degli operatori? Come ritenete il comportamento dei vettori nazionali di rete mobile? Lasciamo a voi l’onere di riportare tutte le vostre esperienze ed i pareri sul caso.

LEGGI ANCHE: AGCOM: nuove misure di tutela contro il teleselling per utenti di telefonia fissa e mobile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…