Whatsapp Messenger: le migliori alternative Android

In questa nuova guida scopriremo le migliori app alternative a Whatsapp Messenger. Ecco un nuovo modo di comunicare. Scoprilo anche tu.

Whatsapp Messenger è senz’altro la più utilizzata app di messaggistica sui sistemi desktop e mobile. Di fatto mette in comunicazione miliardi di persone ogni giorno ed offre un parco funzioni davvero apprezzabile.

Ad ogni modo al continua minaccia di nuovi attacchi e Catene di Sant’Antonio sta spingendo sempre più utenti ad affidarsi a piattaforme concorrenti che offrano i medesimi servizi ma con la garanzia della sicurezza e della riservatezza dei dati. Ma come scegliere la migliore applicazione Android alternativa a Whatsapp Messenger? Ve lo spieghiamo noi. Ecco le soluzioni di messaggistica più interessanti per Android.

Le migliori alternative a Whatsapp Androidapp alternative Whatsapp

Whatsapp è gratuita, funzionale ed in continuo aggiornamento, Consente di effettuare chiamate, videochiamata, creare gruppi e condividere file e GIF animate. Ad ogni modo i difetti non mancano e ve ne sono alcuni sui quali non tutti possono sorvolare, come l’impossibilità di accedere a due diversi telefoni o tablet con lo stesso account ed un processo di backup non sempre a portata d’utente.

Ecco perciò quali sono le migliori app Android alternative per messaggiare.

Facebook Messenger

Un’app in perenne aggiornamento. Ha dalla sua un’interfaccia grafica user-friendly semplice, intuitiva e completa di tutto ciò di cui si può avere bisogno per condividere un semplice messaggio o anche un contenuto multimediale. Un servizio che ad oggi connette miliardi di persone e che rispetto a Whatsapp ha il pregio di consentire una comunicazione anche verso coloro che non possiedono un account Facebook ma sono registrati al servizio attraverso il proprio numero di telefono.

Sticker ed emoji non mancano di certo, così come la possibilità di essere utilizzato da dispositivi diversi e con messaggi sempre pronti, grazie alla sincronizzazione delle chat. Anche qui troviamo le videochiamate. Punto a sfavore? L’eccessiva richiesta energetica.

Messenger
Price: Free

Telegram

Se continui messaggi fake e attacchi hacker non rientrano certo nei vostri piani di utilizzo per le app di messaggistica allora non dovete fare altro che scaricare Telegram Messenger. Forte di un servizio che opera tramite cloud server offre un accesso rapido alla rete ed all’invio/recapito dei messaggi.

Il team di sviluppo ha permesso inoltre la creazione di un’apposita applicazione Windows, Mac e Linux da utilizzare anche in assenza del telefono cellualre, contrariamente a quanto invece avviene per Whatsapp Web e relativa applicazione standalone. Di fatto l’utilizzo dei servizi cloud consente un accesso da qualsiasi posizione sulla base della sola indicazione del proprio numero di telefono, Ogni chat, ogni gruppo, ogni contenuto viene sincronizzato sul PC senza ricorrere al telefono o a sistemi di pairing.

La possibilità di poter condividere file di grandi dimensioni è poi per molti un surplus necessario che chiaramente non si ha ancora con Whatsapp, benché ci si stia muovendo verso un’ampliamento dei servizi di condivisione. Gli allegati possono avere qui dimensione massima di 1,5GB ed i gruppi possono annettere fino a 2.000 partecipanti.

Il tutto è gestito in sicurezza ed a prova di hacker. L’unico punto debole è rappresentato al momento dall’assenza di un servizio integrato di videochiamate, anche se secondo le rivelazioni del CEO rilasciate la settimana scorsa le funzioni potrebbero non tardare il loro arrivo.

Telegram
Price: Free

Skype

Applicazione di Microsoft considerata capostipite dei servizi di videochiamata. Si rivela un validissimo alleato nella gestione degli impegni lavorativi in fase di comunicazione e non richiede in questo caso l’accesso al numero di telefono ma un semplice nome utente ed una password che si ottengono attraverso una semplicissima fase di registrazione al servizio.

L’aggiunta dei contatti non avviene quindi per numero di telefono ma per identificativo. Il servizio è totalmente gratuito e permette di avere un numero personale da utilizzare per ricevere ed effettuare chiamate con canone mensile o attraverso l’acquisto di credito. Le tariffe sono davvero vantaggiose ed offrono una valida alternativa al telefono fisso di casa.

Lo si ricorda per il gran numero di emoticon disponibili ed immagini in formato animato (GIF). Permette di creare gruppi e condividere file e contenuti multimediali in modo semplice ed efficace e consente al pari di Telegram di sfruttare il proprio account su dispositivi diversi.

WeChat

Il funzionamento di WeChat ricalca appieno lo stile degli altri servizi di messaggistica con qualche comoda aggiunta. Tra le funzionalità di rilievo sicuramente quella più in vista è relativa alla possibilità di interagire con le persone all’interno della vostra zone. basta fare uno shake per trovare qualcuno nelle vicinanze. Starà poi a voi decidere o meno se inserire il nuovo contatto nella lista degli amici o meno.

Grazie alla funzione Trova Amico, tra l’altro, sarà possibile attivare il radar che permette di ottenere un suggerimento sui contatti che si trovano nelle vostre immediate vicinanze. L’unico neo consiste nel fatto che alcune funzioni sono strettamente utilizzabili all’interno del mercato cinese, dove l’app ha raggiunto ora l’apice della sua popolarità.

WeChat
Price: Free+

Viber

Nasce come alternativa a Skype e diviene nel tempo la diretta concorrente di Whatsapp. Le chiamate ed il numero esorbitante di adesivi contraddistinguono l’applicazione dalla massa. Vi sono in tal caso sia contenuti Free che a pagamento: Si possono registrare messaggi vocali e chiamare qualsiasi numero di telefono attraverso un servizio del tutto simile a quello offerto da Skype (Viber Out).

Il profilo del prodotto si completa attraverso una UI semplice ed efficace che consente inoltre di realizzare anche sondaggi. Come per il diretto competitor si conta su un livello di crittografia end-to-end che garantisce la riservatezza della comunicazione.

Viber Messenger
Price: Free+

Tango

Tango non differisce dalle popolari app di messaggistica alternative a Whatsapp viste finora. Offe di fatto un ricco parco funzioni che implica la possibilità di inviare e ricevere messaggi, chiamate di gruppo, chat di gruppo, sticker ed anche videochiamate. Integra tra l’altro anche un News Feed attraverso cui rimanere sempre aggiornati sulle notizie dei canali di interesse.

Tango preleverà la lista dei contatti dalla vostra rubrica rendendosi però disponibile soltanto per quegli utenti che appartengono già al servizio. Possiamo usare l’app per trovare amici nelle vicinanze o anche invitare direttamente i nostri contatti non ancora iscritti al servizio. Una funzione interessante è data in questo caso dalla presenza dei mini giochi.

Google Hangouts

Con Hangouts possiamo agilmente gestire sia il canale di messaggistica istantanea che quello SMS del nostro telefono a partire da Android Kitkat versione 4.4. Se impostata di default per la visualizzazione dei messaggi integrerà i contenuti IM agli SMS nella sua interfaccia. Nel momento in cui si seleziona un nuovo contatto l’app richiede la preferenza per la conversazione. Starà a noi scegliere se contattare tramite app o tramite SMS. In quest’ultimo caso si deve però mettere in conto l’eventuale costo di servizio se non incluso in bundle con la vostra attuale offerta telefonica.

Da Hangouts possiamo anche gestire le nostre chiamate e le nostre videochiamate in tutta semplicità.

Hangouts
Price: Free

Signal

La meno conosciuta del gruppo ma non per questo meno impostante. Offre grosso modo le stesse funzioni previste dalle moderne app di messaggistica con l’aggiunta di un solido profilo di sicurezza. Ogni messaggio viene criptato ed è anche possibile impostare una password di accesso alle chat.

Dall’app si può inoltre programmare la cancellazione dei messaggi in automatico, gestire gli SMS come per Hangouts e salvare tanto i messaggi in chat che gli SMS.

E voi avete scelto la vostra alternativa Android a Whatsapp? Che app state utilizzando al momento per gestire la comunicazione e la condivisione delle informazioni nella sfera privata e lavorativa?


FONTE:
Approfondisci con: in ,