Dopo aver discusso a lungo circa l’arrivo di una funzione che ricalcasse le fattezze di quelle dei competitor diretti del segmento IM, il team di sviluppo Whatsapp Messenger ha concesso in uso l’esclusiva sulle funzionalità Revoke introdotta con l’ultimo aggiornamento di sistema.

Si tratta, così come visto e di certo intuibile, di una feature che consente di ottemperare la richiesta di cancellazione per un messaggio non ancora letto dall’utente anche se regolarmente inoltrato in chat. Il tutto entro una finestra temporale utile di 7 minuti, più che sufficienti per operare la cancellazione.

Una funzione senz’altro utile a molti sbadati ed a coloro che, presi dall’ira o dalla frenesia del momento, desiderano tornare indietro sui loro passi. Ma siamo davvero sicuri che non vi sia modo, per il destinatario, di leggere comunque i nostri messaggi anche se eliminati?

La domanda ovviamente sorge spontanea e la risposta scoraggerà senz’altro molti utenti Whatsapp che avevano visto in questo nuovo sistema una via utile per ovviare ad eventuali secondari inconvenienti. Di fatto, attraverso procedure alternative o applicazioni specifiche, è verosimilmente possibile che l’utente possa comunque leggere il messaggio inviato. Whatsapp Revoke messaggioAggirare il sistema di deleting concepito dagli ideatori della piattaforma non richiede particolari procedure e conoscenze, ed il tutto si riconduce a metodi decisamente alla portata di tutti. L’unico requisito essenziale per la buona riuscita del recupero messaggi Whatsapp cancellati è quello di non aver riavviato il telefono. Inoltre, la lettura del messaggio integrale si limita a 100 caratteri. Se il eccederà tale limite, infatti, non saremo in grado di ottenere la lettura in chiaro.

Come funziona allora il sistema di recupero dei messaggi chat cancellati? Innanzitutto, fermo restando il sussistere delle condizioni di partenza, sappiamo che alla ricezione di un messaggio (se non diversamente previsto) il nostro telefono ci informa dell’avvenuta ricezione di una notifica attraverso una segnalazione visiva tramite LED di notifica.

Il fatto che il LED stesso segnali la presenza dell’alert è segno che il messaggio in arrivo è stato memorizzato necessariamente in un’area specifica di memoria, ed è proprio in quest’area che possiamo intervenire ai fini delle lettura del messaggio. In tal caso, nonostante la cancellazione lato mittente, possiamo prevedere la lettura dei messaggi attraverso l’installazione di un launcher alternativo o di un’app con permessi di accesso alle notifiche.

Un esempio pratico di una simile applicazione ci è fornito da “Notification History”, disponibile gratuitamente sul Play Store attraverso il badge che troviamo qui di seguito. 

Notification History
Price: Free

In tal caso, concedersi la lettura dei messaggi cancellati è cosa facile e, al riguardo, viene da chiedersi se il team di Whatsapp non avesse potuto prevedere un simile scenario con netto anticipo. In merito, di fatto, si erge la voce di un’utenza che chiede ulteriori chiarimenti ed un adeguamento delle funzionalità applicative che consenta di bypassare questo annoso e di certo inaspettato inconveniente. Spazio a tutta la vostra indignazione.