Windows 10: con Creators Update arrivano anche le novità per le aziende

Windows 10 Creators Update è arrivato in anteprima assoluta tramite l’utility Update Assistant anche per le aziende. Ecco le novità più in vista.

Windows 10 Creators Update sarà rilasciato attraverso il canale ufficiale Windows Update a partire dalla data dell’11 Aprile 2017 per tutti gli utenti, tramite la classica formula del cosiddetto progressive roll-out, che come al solito concretizzerà gli aggiornamenti per tutti nel giro di pochi giorni.

Ad ogni modo, come già saprete, è possibile procedere al download del pacchetto in aggiornamento Windows 10 già dalla giornata di oggi, grazie all’utility proprietaria Update Assistant, che presuppone un intervento manuale da parte dell’utente.

Windows 10 Creators Update punta espressamente alla creatività. Una creatività che spazia dall’azione sugli ambienti grafici 3D fino alla realtà virtuale. Nel corso di questi ultimi mesi, inoltre, abbiamo avuto modo di saggiare tutti quelli che sono i cambiamenti più in vista, rilevati attraverso le varie build release distribuite nel periodo.

Le novità ci saranno, e saranno molte sia per gli utenti comuni che per il comparto aziendale, che pur potrà contare su un’ottimizzazione ad ampio raggio delle piattaforme lato privacy e funzioni.

Windows 10 – Più privacy e sicurezza per le aziende

Windows 10 è un sistema molto discutibile sotto il profilo del volume di dati raccolti sul funzionamento dei Personal Computer. Microsoft, di fatto, utilizza questi dati per il tracciamento delle abitudini di utilizzo e per la risoluzione di vari ed eventuali altri problemi tecnici o di incompatibilità software.

Se i computer in questione sono gestiti attraverso il platform aziendale è possibile avere un certo margine di controllo sui dati che la software house di Redmond raccoglie, in caso contrario è possibile soltanto intervenire a livello di OS tramite il pannello di gestione delle opzioni per la Privacy che, ad ogni modo, non è risolutivo.

Con il Creators Update, tutte le polemiche di coloro che ritengono inefficace il sistema di gestione della privacy vengono meno, a favore di nuovi criteri di trasparenza e controllo specifico sulle informazioni da inviare, come la posizione, i dati per la pubblicità, le funzioni vocali di Cortana e così via.Windows 10 enterprise privacy

Per quanto concerne, invece, le informazioni sulla diagnostica, la scelta si riduce rispetto al passato, consentendo la scelta di soli due livelli (Basic e Full) anziché tre. Il profilo Basic non invia i dati sull’utilizzo delle app e le interazioni, cosa che invece si realizza con il profilo Full, che può contribuire a risolvere eventuali problemi tecnici riscontrati in fase di utilizzo dei prodotti.

Ulteriori miglioramenti specifici si riscontrano anche nella gestione della suite di sicurezza Microsoft Windows Defender, che con Windows 10 Creators Update offre un sistema di rilevamento migliorato. In ambito aziendale, per la versione Windows 10 Enterprise sarà possibile collegare il sistema di sicurezza ad alert predefiniti, in modo tale da avere un riscontro immediato su nuove minacce rilevate. Tra l’altro, la software house di Redmond ha previsto anche l’opzione di Refresh di sistema, che reinstalla l’OS da zero.

Windows 10 Update –  Aggiornamenti migliorati

Il sistema di aggiornamento automatico Windows Update è stato più volte preda di critiche serrate, proprio per il fatto di operare senza il consenso dell’utente, con riavvi indesiderati dopo l’installazione degli update. Con Windows 10 CU la situazione migliora leggermente, potendo rimandare gli aggiornamenti sino ad un mese, e con la possibilità di indicare che questi non comprendano i driver, cosa che evita eventuali malfunzionamenti per le periferiche. In aggiunta, è possibile definire una finestra temporale massima di 18 ore in cui il PC non deve installare gli aggiornamenti, così da poter lavorare senza il rischio di riavvi improvvisi e congestioni della rete.

Con l’ultimo update, inoltre, si passa alla cosiddetta Unified Update Platform (UUP), un meccanismo che scarica sul nostro PC solo gli aggiornamenti di cui ha effettivamente bisogno, riducendo di conseguenza la dimensione del pacchetto in download fino al 35%.

Windows 10 – Microsoft Edge aggiunge nuove funzioniWindows 10 enterprise Microsoft Edge

Microsoft Edge non è di certo in cima alle classifiche di preferenza per la navigazione online, visto che la sua prima implementazione non poteva contare su funzionalità al pari delle concorrenti di mercato. Con il Creators Update, Windows 10 introduce novità interessanti anche per Edge, con l’aggiunta delle barre di Preview che, appunto, mostrano l’anteprima di tutti i pannelli aperti.

Ulteriori miglioramenti riguardano la capacità di salvare un gruppo di pannelli e poi ripristinarlo, bloccare i contenuti Flash di default ed effettuare pagamenti online tramite Microsoft Wallet.

Windows 10 – Funzioni specifiche per aziende

Per le aziende saranno introdotte anche feature specifiche come il Dynamic Lock, che blocca il nostro PC quando ci allontaniamo valutando la posizione tramite il nostro smartphone su protocollo Bluetooth. Migliora, tra l’altro, anche il supporto UEFI per la migrazione di sistemi Windows 7 con sistemi BIOS.

L’ultima revisione di Windows, inoltre, apporta degli upgrade anche alla virtualizzazione delle macchine Hyper-V in esecuzione, bloccando eventualmente l’installazione delle app Win32 e lasciando in primo piano PowerShell, che sostituisce il vecchio Prompt dei Comandi (che sarà nascosto, ma comunque disponibile).

Sono queste le novità del nuovo Windows 10 Creators Update in arrivo anche per le aziende a partire dal prossimo 11 Aprile 2017. Che cosa ve ne pare delle ottimizzazioni disposte all’OS? Avete installato l’update? Lasciateci qui tutte le vostre personali impressioni.

FONTE


Approfondisci con: in
FONTE: