La Xbox One X è l’ultima console lanciata da Microsoft disponibile sul mercato ormai da diversi giorni. Il noto sito web iFixit non ha esitato a smontarla pezzo per pezzo per scoprire quali componenti hardware sono presenti all’interno e per valutare il grado di riparabilità. Nel video presente a fine articolo, postato proprio da iFixit su YouTube, vengono mostrati tutti i componenti presenti nella nuova console Microsoft.

La parte hardware che ha destato maggior attenzione è l’hard disk interno. Si tratta di un Seagate da 1 TB da 5400 RPM. Nell’articolo, pubblicato assieme al teardown, iFixit ha specificato che per rimuovere l’HDD è necessario staccare un bollino adesivo piuttosto resistente che a quanto pare potrebbe invalidare la garanzia della Xbox One X.

xbox one x sostituzione hard disk garanzia

Xbox One X: la nuova console Microsoft protagonista di un teardown

A giudicare da quanto mostrato nella clip, inoltre, la rimozione dell’hard disk Seagate risulta abbastanza complessa. Questo perché bisogna effettuare delle operazioni non molto agevoli e che non tutti gli utenti possono fare prima di arrivare all’alloggiamento del disco rigido. Il tutto viene complicato da una disposizione che iFixit valuta come complessa.

Anche se la Xbox One X consente di installare HDD esterni, comunque potrebbe rappresentare un problema per quegli utenti che magari vogliono sostituire il disco rigido interno con uno più prestante da 7200 RPM o più capiente. In un recente articolo abbiamo visto i dettagli su consumi e temperature ottenuti dalla console Microsoft dopo 1 ora di utilizzo.

xbox one x sostituzione hard disk garanzia

Il sistema di smaltimento del calore interno sviluppato dalla società di Redmond è davvero buono mentre il consumo su presa non riesce mai a raggiungere i 245W di potenza del caricatore incluso nella confezione.

I vari recensori e utenti, che hanno potuto provarla, sono rimasti alquanto soddisfatti delle performance che la Xbox One X è in grado di offrire. Tuttavia, ci sono ancora pochi titoli a sfruttare pienamente la potenza del dispositivo e a supportare sia il 4K che l’HDR10, senza considerare che bisogna per forza possedere una TV adatta.