Xiaomi MI 6 rappresenta il terminale next-gen dell’omonima software house cinese sul quale pendono, al momento, un gran numero di indiscrezioni. La settimana ha visto l’avvento del suo nuovo SoC proprietario Surge S1 ed i nuovi smartphone per la serie Xiaomi Mi 5C e Redmi 4X. Ad ogni modo, pare che la società non abbia alcuna intenzione di registrare una battuta d’arresto.

Recenti indiscrezioni, provenienti dalla lontana Cina, ipotizzano una presentazione del nuovo terminale per il prossimo 16 Aprile 2017. Si tratterebbe di un device equipaggiato con SoC Qualcomm alla sua ultima revisione, ovvero sia lo Snapdragon 835 realizzato con processo produttivo a 10nm (lo stesso dei futuri Samsung Galaxy S8).

Il nuovo processore, introdotto in modo grossolano nel contesto del Mobile World Congress 2017 appena conclusosi, condurrebbe inevitabilmente ad un considerevole aumento del limite delle prestazioni e ad una gestione ottimizzata delle risorse nel comparto energetico.

La fonte, inoltre, avvalora la tesi inerente la presentazione di tre diversi terminali per la nuova line-up Xiaomi MI 6. Il top di gamma, come le altre soluzioni, manterrà invariata la versione del SoC ma introdurrà una quantitativo di memoria da 6GB per la RAM e da 128GB per lo storage interno. Inoltre, quest’ultimo si distinguerà dagli altri per la presenza di un corpo macchina realizzato in ceramica. XIaomi MI 6 uscita

Le altre due varianti dovrebbero riportare valori di 4/32GB e 4/64GB nel reparto memoria. La cosa più interessante riguarda però la versione base. Di fatto, si è detto che questa non dovrebbe  presentare alcun downclock alle frequenze del processore rispetto alle proposte top-end, dalle quali si differenzierà soltanto per la quantità di memoria disponibile sia in storage che per il sistema.

In tal caso, a parità di condizioni, ci si troverà di fronte a degli smartphone Xiaomi con egual prestazioni, sia nei modelli entry che in quelli top. A questa novità di rilievo si aggiunge anche il supporto alle fotocamera Sony Motion Eye, vista in questi giorni a bordo dei device della casa giapponese per le line-up di prodotti Xperia XZs ed XZ Premium. In tal caso sarà quindi possibile registrare video HD in slow motion fino a 960fps.

Non è una novità del tutto inattesa, ma è senz’altro curioso notare come Xiaomi si stia impegnando per portare l’esperienza di utilizzo con i suoi terminali al pari delle più blasonate proposte concorrenti. Ad ogni modo non basta un’ottima fotocamera per avere prestazioni al top, ma occorre anche prestare particolare cura al comparto software, spesso sottovalutato dal produttore.

Il prossimo top di gamma della casa cinese ha tutte le carte in regola per sfidare a viso aperto i competitor di settore. I presupposti sono decisamente interessanti. In linea con le specifiche del fortunato MI 5, il nuovo smartphone dovrebbe introdurre un sistema di visualizzazione basato su pannello LCD da 5,2 pollici ed un vetro con processo di finitura 2.5D.

A questo punto, volendo prendere per buoni gli ultimi rumor, l’unica incognita resta il prezzo, sebbene la fonte suggerisca in tal caso l’adozione standard per la fascia dei 1999 Yuan sugli entry-level e dei 2.500 Yuan per i top in ceramica, ovvero sia rispettivamente €275 e €340 circa.

In attesa di ulteriori informazioni ufficiali non possiamo che prendere per buone queste dichiarazioni, sebbene le argomentazioni restino comunque da verificare. Che cosa ve ne pare di questa prima panoramica sullo smartphone? A voi tutti i commenti al riguardo.

LEGGI ANCHE: Xiaomi Mi 5c: annunciato ufficialmente con SoC Surge S1