Xiaomi non ha ancora novità per il 2017

Tra poche settimane si terrà l’edizione 2017 del Mobile World Congress di Barcellona, uno degli eventi fieristici più importanti per il mondo della telefonia. Tra i grandi assenti della manifestazione ci sarà la casa cinese Xiaomi, uno dei principali costruttori di smartphone al mondo, che non solo non presenterà alcuna novità ma non avrà nemmeno uno stand per esporre i prodotti già ufficializzati. Dopo un 2016 in cui sono stati svelati tantissimi smartphone, in questa prima parte di anno Xiaomi, che ha recentemente perso il vice presidente Hugo Barra, passato a Facebook, non ha intenzione di seguire lo stesso andamento frenetico.

Come confermato da diversi rumors, la casa cinese sta lavorando da tempo al nuovo top di  gamma Xiaomi Mi 6, che potrà contare sul SoC Qualcomm Snapdragon 835, il nuovo top di gamma  di Qualcomm. A rallentare lo sviluppo del flagship potrebbero però essere stati i problemi di fornitura dello Snapdragon 835 che, come noto, non sarà disponibile sino ad aprile, visto e considerato che tutte le prime unità prodotte saranno utilizzate, in esclusiva, da Samsung per il suo nuovo top di gamma, il Galaxy S8, in uscita proprio ad aprile.

Per Xiaomi, che nei mesi scorsi ha già annunciato il  Mi Note 2 e il Mi 5s con Snapdragon 821, le principali novità del 2017 dovrebbero essere rimandate alla prossima primavera. La scelta di non partecipare al Mobile World Congress 2017 non avendo particolari novità da presentare potrebbe, inoltre, essere legata allo scarso desiderio dell’azienda di espandersi in Europa.

Leggi anche:  Xiaomi Mi 5C certificato in Cina: nuove info sulle specifiche

Nel corso dei prossimi giorni dovrebbero emergere ulteriori dettagli sui piani di Xiaomi per i prossimi mesi. Al momento sarà importante capire le tempistiche di presentazione ed arrivo sul mercato del nuovo Xiaomi Mi 6 che, come detto, sarà la principale novità dell’azienda cinese per il primo semestre dell’anno in corso. Continuate, quindi, a seguirci per saperne di più.


Approfondisci con: in
FONTE: