Artemis I: Orion si sgancia dalla Luna e intanto ci invia meravigliose immagini

Date:

Share post:

Nell’ottavo giorno missione Artemis I, la navicella Orion continua a viaggiare allontanandosi dalla Luna mentre si prepara ad entrare in una lontana orbita retrograda. Ovvero un orbita che si trova ad un’altitudine elevata rispetto alla superficie della Luna, e che Orion percorrerà nella direzione opposta alla direzione in cui la Luna viaggia intorno alla Terra.

 

La navicella Orion non è più sotto l’influenza della gravità lunare

Preparandosi ad entrare oggi in questa orbita, Orion è uscita dalla sfera di influenza gravitazionale della Luna il 23 novembre alle 04:49, ora italiana, mentre si trovava ad un’altitudine lunare di oltre 64300. Il veicolo spaziale raggiungerà la sua massima distanza dalla Luna proprio oggi, poco prima di eseguire la prossima manovra per immettersi nell’orbita retrograda.

L’inserzione dell’orbita retrograda distante è la seconda di un paio di manovre necessarie per spingere Orion nell’orbita altamente stabile che le permetterà di avere un consumo minimo di carburante durante il suo viaggio intorno alla Luna.

Tutto sembra dunque procedere bene, nonostante la paura per la perdita di segnale, fortunatamente breve, avvenuta ieri. Il Mission Control Center della NASA presso il Johnson Space Center dell’agenzia a Houston ha infatti perso inaspettatamente i dati da e verso il veicolo spaziale per circa 47 minuti durante la riconfigurazione del collegamento di comunicazione tra Orion ed il Deep Space Network.

Fortunatamente il team ha velocemente risolto il problema ed il veicolo spaziale rimane in una configurazione ottimale. Nel frattempo gli ingegneri del team di Artemis I, analizzano i dati per determinare la causa della perdita di segnale.

 

Alcuni test importanti per la missione Artemis I

Durante il transito verso la lontana orbita retrograda, gli ingegneri hanno condotto la prima parte del test di volo per ottenere dati fondamentali sullo slosh, ovvero lo sciabordio del propellente nel serbatoio. Si tratta di un test che richiede l’attivazione dei propulsori del sistema di controllo quando i serbatoi di propellente vengono riempiti a diversi livelli.

Gli ingegneri misurano l’effetto che lo sciabordio del propellente ha sulla traiettoria e sull’orientamento del veicolo spaziale mentre Orion si muove nello spazio. Il test viene eseguito dopo il flyby burn in uscita e di nuovo dopo il flyby burn di ritorno per confrontare i dati in punti della missione con diversi livelli di propellente a bordo.

Si tratta di un test molto importante per la missione Artemis I, in quanto il movimento del propellente nello spazio è difficile da modellare nei laboratori sulla Terra perché il propellente liquido si muove in modo diverso nei serbatoi nello spazio rispetto alla Terra, a causa della mancanza di gravità.

 

Le immagini del passaggio ravvicinato sulla Luna

E mentre Orion lascia la Luna, invia alcune delle fantastiche immagini che ha scattato alla superficie lunare durante il suo passaggio ravvicinato del 21 novembre. Ve ne proponiamo solo alcune, ma nella gallery ufficiale di Artemis I potrete trovare molte altre immagini e video emozionanti.

artemis I foto superficie lunare
Il sesto giorno della missione Artemis I, il 21/11/2022. la telecamera di navigazione ottica di Orion ha catturato immagini in bianco e nero dei crateri sulla Luna sottostante. Orion utilizza la telecamera di navigazione ottica per acquisire immagini della Terra e della Luna in diverse fasi e distanze, fornendo un corpus di dati potenziato per certificare la sua efficacia in diverse condizioni di illuminazione come un modo per aiutare a orientare il veicolo spaziale nelle future missioni con l’equipaggio. Ph. Credit: NASA – Artemis I
Immagine in bianco e nero della Luna con i suoi crateri che si staglia sullo sfondo nero dello spazio, sotto la navicella Orion, scattata con la telecamera di navigazione ottica. Data di creazione: 21-11-2022; Ph. Credit: NASA – Artemis I
Un’altra immagine in bianco e nero dei crateri sulla Luna scattata con la telecamera di navigazione ottica. Data di creazione: 21-11-2022; Ph. Credit: NASA – Artemis I

Immagine di copertina: NASA – Artemis I

Valeria Magliani
Valeria Magliani
Instancabile giramondo, appassionata di viaggi, di scoperte e di scienza, ho iniziato l'attività di web-writer perché desideravo essere parte di quel meccanismo che diffonde curiosità e conoscenza. Dobbiamo conoscere, sapere, scoprire e viaggiare, il più possibile. Avremo così una vita migliore, in un mondo migliore.

Related articles

Ruolo del yogurt nella salute mentale: una connessione insospettabile

Il legame tra la nostra dieta e la salute mentale è un campo di studio sempre più esplorato,...

7 previsioni di Baba Vanga per il 2024: dal tecnologico al tragico

La profetessa bulgara Baba Vanga, conosciuta come il "Nostradamus dei Balcani", ha lasciato in eredità alcune visioni per...

Intolleranza Alimentare: come riconoscerla, conseguenze e test attendibili

L'intolleranza alimentare è una condizione che colpisce molte persone in tutto il mondo e può avere effetti significativi...

Demenza e la consapevolezza della condizione

La demenza, il termine più generico per raggruppare diverse patologie con sintomi sostanzialmente uguali, è una condizione che...