Cos’è l’effetto bokeh e come possiamo usarlo per rendere artistiche le nostre foto

Date:

Share post:

E’ un effetto che molti di noi conoscono, ma che pochi sanno usare: stiamo parlando dell’effetto bokeh. Inizialmente, il suo nome potrebbe non dirci molto, ma è una delle risorse chiave che dobbiamo imparare a utilizzare per sfruttare appieno il potenziale delle nostre foto.

Grazie all’effetto bokeh, possiamo guidare lo sguardo del nostro spettatore. Allo stesso modo, ci aiuterà a dare risalto agli elementi che vogliamo evidenziare nell’immagine. Come se non bastasse, può anche essere perfetto per dare a qualsiasi immagine quel “tocco artistico” che la aiuta a passare dall’essere una semplice immagine a un pezzo che provoca contemplazione.

 

Cos’è esattamente l’effetto bokeh?

Molto brevemente, possiamo dire che l’effetto bokeh è la sfocatura che possiamo applicare a una fotografia. Il suo nome deriva dalla parola giapponese “boke” che può essere tradotta come “nebbioso” o sfocato.

Possiamo pensare, ad esempio, a fotografie come ritratti o scatti dettagliati di piccoli oggetti, in cui lo sfondo è solitamente sfocato per evitare che attiri l’attenzione sugli elementi principali della composizione. Tuttavia, uno dei modi più semplici per immaginare l’effetto bokeh è pensare a cosa succede quando vediamo le luci notturne di una città catturate in una foto. Invece di vedere un punto luce, vengono creati particolari dischi luminosi che possono sovrapporsi tra loro.

In generale, i nostri occhi non vedono questi dischi di luce perché il nostro cervello elabora le informazioni visive e le traduce in una struttura tridimensionale in cui i cerchi di luce non si adattano. Tuttavia, se utilizziamo gli occhiali, potremmo essere in grado di toglierli e, in alcuni casi, apprezzare l’effetto bokeh nelle luci.

L’effetto bokeh è particolarmente riconoscibile nel caso delle luci notturne. Ma ciò non implica che solo con esse sia possibile ottenere l’effetto sfocato. Infatti, non è necessario che ci sia una fonte di luce direttamente all’interno della cornice dell’immagine per vedere il bokeh. Uno sfondo esteticamente sfocato della natura, di una stanza, di una strada o qualunque cosa venga in mente ci proietta nell’effetto bokeh.

 

Quanto è utile l’effetto bokeh?

Come accennato in precedenza, l’effetto bokeh può essere utilizzato sia per evidenziare elementi di una composizione sia per aggiungere una qualità estetica ad essa. Nel primo caso, di solito lo sfondo è sfocato in modo che la figura principale nell’immagine risulta meglio definita e c’è meno “rumore visivo” che può distrarre i nostri occhi. Nella seconda, è possibile applicare l’effetto bokeh per aggiungere drammaticità a una foto o per cambiarne la dinamica. Ad esempio, l’immagine di una tazza lasciata da una finestra mentre piove può dire cose completamente diverse a seconda di dove applichiamo il bokeh. Da un lato, se offuschiamo la finestra e ci concentriamo sulla tazza, con il caffè fumante, la fotografia potrebbe darci un’atmosfera calda e casalinga. D’altra parte, se offuschiamo la tazza e prestiamo attenzione alla finestra con le gocce di pioggia che vi scendono, l’immagine assume una sfumatura nostalgica e struggente.

Pertanto, è fondamentale sapere quando e come applicare l’effetto bokeh a ciascuna fotografia. Tutto perché solo con esso possiamo cambiare completamente ciò che l’immagine ha da dirci.

 

Come posso applicare l’effetto bokeh nella mia fotografia?

Semplice, tutto dipenderà da due fattori, la velocità di acquisizione dell’obiettivo della fotocamera e l’apertura del diaframma. Il primo sarà ciò che consentirà all’effetto bokeh di diventare visibile in una fotografia; il secondo determinerà quanto sarà intenso e quali forme si possono vedere in esso. Ad esempio, se avessimo un diaframma ad apertura circolare (il più comune), ci imbatteremmo nei dischi di luce di cui abbiamo già parlato. D’altra parte, se l’apertura si inclina maggiormente verso forme esagonali o ovali, l’effetto bokeh della fotografia tenderà a imitare quella figura.

In generale, oltre a quel dettaglio, la cosa più importante è notare quanta apertura offre la fotocamera. Più è alto, più forte ed evidente sarà il bokeh. L’apertura minima e la velocità del diaframma che dovrebbero avere gli obiettivi sarebbero circa f/2.8, ma l’ideale sarebbe tra f/2, f/1.8 e f/1.4.

Una volta compiuto quel passaggio, arriva il momento della verità: lo scatto della foto. In questi casi, se abbiamo la fotocamera in modalità automatica, dobbiamo selezionare l’opzione “Priorità diaframma” nelle modalità di scatto. In questo modo possiamo regolare la sua apertura al massimo possibile. Allo stesso modo, possiamo anche semplicemente scegliere la modalità “Manuale” e impostare noi stessi le impostazioni.

Quando non dovremmo usarlo

In generale, l’uso o meno dell’effetto bokeh è principalmente nelle mani di chi si occuperà della fotografia. In altre parole, non ci sono regole specifiche che determinino quando sarebbe “corretto” usarlo e quando non lo sarebbe.

L’effetto bokeh è principalmente una “decisione artistica” che può essere presa per dare sfumature diverse alla stessa immagine. Dopotutto, a seconda di ciò su cui decidiamo di concentrarci (o di non concentrarci), cambieremo completamente quello che sarebbe il punto focale della nostra cattura.

Ora, come consiglio generale, vale la pena imparare a riconoscere alcune situazioni in cui l’effetto bokeh potrebbe sottrarre più di quanto aggiunge alle nostre immagini. Ad esempio, quando l’immagine sbiadita o sfocata è meno interessante o “attraente” dell’elemento focalizzato. Inoltre, se l’effetto bokeh è molto intenso, le forme nella composizione potrebbero perdersi di più. Di conseguenza, potrebbe generare un risultato non ben definito e confuso alla vista.

Chiaramente, ci possono essere occasioni in cui l’obiettivo è la deformazione di un particolare elemento o la miscela di più nella composizione. Quindi vale la pena ribadire che non si tratta di regole ferree da seguire alla lettera, ma piuttosto di semplici linee guida che potrebbero essere utilizzate all’inizio dei nostri primi passi nel mondo della fotografia.

Federica Vitale
Federica Vitalehttps://federicavitale.com
Ho studiato Shakespeare all'Università e mi ritrovo a scrivere di tecnologia, smartphone, robot e accessori hi-tech da anni! La SEO? Per me è maschile, ma la rispetto ugualmente. Quando si suol dire "Sappiamo ciò che siamo ma non quello che potremmo essere" (Amleto, l'atto indovinatelo voi!)

Related articles

Obesità e fertilità: il preoccupante e attuale collegamento

La fertilità a livello globale è in calo nella maggior parte dei paesi, soprattutto in quelli più ricchi....

Il Sole Artificiale della Cina: Un Passo Avanti Nella Fusione Nucleare

La Cina ha recentemente raggiunto un importante traguardo nella ricerca sulla fusione nucleare con il suo reattore "sole...

Come gli antiossidanti rallentano la perdita della vista nella AMD secca avanzata

L'AMD (degenerazione maculare legata all'età) è una delle principali cause di perdita della vista nelle persone anziane. Esistono...

Ansia al risveglio: cause, implicazioni e strategie per una giornata serena

L'ansia al risveglio è un fenomeno comune che affligge molte persone, rendendo difficoltoso l'inizio della giornata. Questo tipo...