Malattie cardiache: mangiare le verdure potrebbe non proteggerci

Date:

Share post:

Inserire delle verdure nella propria dieta non protegge dalle malattie cardiache, secondo un nuovo studio. I risultati mettono in discussione gli studi precedenti che affermavano il contrario, ossia che maggior quantità di verdure danno una protezione maggiore riguardo le malattie cardiache. Queste malattie possono portare a molti effetti collaterali come ictus, attacchi di cuore e persino la morte.

Gli studi precedenti potrebbero non aver preso in considerazione alcuni fattori del nostro stile di vita come il fumo, il consumo di alcolici e l’assunzione eccessiva di carne rossa; altri fattori socio economici come istruzione, reddito e ricchezza di una persona. Ciò conferma che le prove precedenti risultano essere incoerenti.

 

Assumere maggior quantità di verdure non protegge da malattie cardiache

Il nuovo studio su larga scala nel Regno Unito ha rilevato che è improbabile che il consumo di verdure cotte e crude influisca sulle malattie cardiovascolari. Tuttavia gli esperti evidenziano che una dieta sana ed equilibrata e una regolare di perdita di peso rimangono importanti per evitare il rischio di malattie importanti. Il nuovo studio non ha trovato prove di un effetto protettivo dell’assunzione di verdure sull’insorgere delle malattie cardiache. I ricercatori hanno utilizzato i dati di 399.586 persone iscritte allo studio sulla biobanca britannica.

Quando hanno iniziato lo studio è stato chiesto ai pazienti del loro piano alimentare, il loro stile di vita e della loro vita medica. Sono state analizzate le risposte alle domande su quante verdure crude e cotte mangiavano in media ogni giorno, insieme alla probabilità che fossero ricoverati in ospedale per infarto, ictus o CVD grave e il rischio di morte. Inoltre sono stati presi in considerazione lo stato socio economico, l’attività fisica e la dieta. I ricercatori hanno cercato di capire se questi fattori esterni potessero essere collegati al rischio di queste malattie e il consumo di verdura.

 

Tenere in considerazione alcuni fattori esterni

Il rischio di morte per CVD era inferiore di circa il 15% per quelli con l’assunzione di verdure più alta rispetto a quella più bassa. Tuttavia, questo effetto apparente è stato sostanzialmente attenuato quando sono stati presi in considerazione i possibili fattori socioeconomici, nutrizionali, sanitari e medici. Quando questi fattori sono stati presi in considerazione, l’efficacia delle verdure sul rischio di malattie cardiache era diminuita di oltre l’80%. Secondo i ricercatori gli studi futuri dovranno tener presente se particolari tipi di verdure e la loro cottura potrebbero influenzare il rischio di queste malattie.

Seguire una dieta equilibrata e mantenere un peso sano rimane una parte importante per mantenere una buona salute e ridurre il rischio di malattie importanti, inclusi alcuni tumori. È ampiamente raccomandato di consumare almeno cinque porzioni di una varietà di frutta e verdura ogni giorno.

Foto di Christine Sponchia da Pixabay

Annalisa Tellini
Annalisa Tellini
Musicista affermata e appassionata di scrittura Annalisa nasce a Colleferro. Tuttofare non si tira indietro dalle sfide e si cimenta in qualsiasi cosa. Corista, wedding planner, scrittrice e disegnatrice sono solo alcune delle attività. Dopo un inizio su una rivista online di gossip Annalisa diventa anche giornalista e intraprende la carriera affidandosi alla testata FocusTech per cui attualmente scrive

Related articles

Acqua potabile: per il prossimo secolo sarà dimezzata sulla Terra

Il cambiamento climatico influenza sostanzialmente tutto che c'è sul nostro pianeta. E tra tutto questo c'è ovviamente l'acqua,...

Alzheimer: un sintomo precoce da non sottovalutare

L'Alzheimer è una patologia complessa e si può manifestare in diversi modi. I sintomi che si possono considerare...

Recensione del Ventilatore a Piantana LEVOIT LPF-R432: Freschezza Silenziosa e Potente

In estate, quando il caldo si fa insopportabile, trovare un po' di sollievo diventa una necessità. Il ventilatore...

Emicrania con Aura: la scoperta di un percorso terapeutico innovativo

L'emicrania con aura è una condizione debilitante che colpisce milioni di persone in tutto il mondo. Caratterizzata da...