Resilienza degli anziani isolati: come la pandemia ha rivelato la forza della terza età

Date:

Share post:

Durante la pandemia di Covid-19, uno dei gruppi più vulnerabili e spesso trascurati è stato quello degli anziani. Considerati ad alto rischio di gravi complicazioni a causa del virus, molti anziani si sono trovati a dover affrontare un isolamento prolungato per proteggere la loro salute. Tuttavia, questa situazione ha rivelato un sorprendente livello di resilienza tra gli anziani isolati, dimostrando la loro capacità di adattarsi e trovare nuovi modi per affrontare le sfide. Gli anziani socialmente connessi in Inghilterra hanno sperimentato un peggioramento più marcato della qualità della vita e una maggiore solitudine durante la pandemia rispetto ai loro coetanei isolati.

La ricerca, analizzando i dati rilevati, ha scoperto che gli anziani isolati hanno dovuto affrontare meno interruzioni nella loro routine, offrendo loro una certa protezione contro gli effetti negativi della pandemia. Tuttavia, gli adulti socialmente isolati hanno riscontrato un calo maggiore dell’attività fisica e delle preoccupazioni finanziarie. Questi risultati sottolineano il complesso impatto delle connessioni sociali durante le crisi.

 

Pandemia, gli anziani isolati hanno una maggiore resilienza

Nonostante lo stereotipo che vede gli anziani come riluttanti all’uso della tecnologia, molti di loro hanno abbracciato strumenti digitali per mantenere i contatti con i propri cari. Videoconferenze, social media e app di messaggistica sono diventati mezzi essenziali per contrastare la solitudine. La tecnologia ha permesso agli anziani di partecipare virtualmente a riunioni familiari, celebrazioni e persino visite mediche, offrendo una connessione vitale in tempi di distanziamento sociale.

Le comunità locali hanno giocato un ruolo cruciale nel supportare gli anziani durante la pandemia. Volontari e organizzazioni di quartiere hanno offerto servizi di consegna di generi alimentari e medicinali, aiutando a soddisfare le esigenze quotidiane degli anziani isolati. Questo supporto ha non solo garantito la sicurezza fisica, ma ha anche fornito un sostegno morale significativo, dimostrando che la comunità può unire le forze nei momenti di crisi. La pandemia ha messo alla prova la salute mentale di tutti, ma gli anziani hanno mostrato una notevole resilienza psicologica. Molti hanno trovato conforto in attività come la lettura, il giardinaggio, la cucina e l’esercizio fisico. Queste attività non solo hanno riempito il tempo, ma hanno anche fornito un senso di scopo e realizzazione, aiutando a mantenere alto il morale.

Gli anziani hanno vissuto molteplici esperienze di vita, inclusi eventi storici significativi e altre crisi. Questa accumulazione di esperienze ha fornito loro una prospettiva unica e una capacità di affrontare le difficoltà con una mentalità di lungo termine. La saggezza derivata da decenni di vita ha giocato un ruolo cruciale nella loro capacità di mantenere la calma e la pazienza durante la pandemia. Le famiglie hanno riscoperto l’importanza di sostenere i propri membri anziani. Telefonate regolari, lettere e visite a distanza di sicurezza hanno rinforzato i legami familiari. Gli anziani hanno apprezzato questi gesti di cura e attenzione, che hanno contribuito a combattere la solitudine e a promuovere un senso di appartenenza.

 

La tecnologia può migliorare la loro qualità della vita

La pandemia ha accelerato l’innovazione nel settore della cura degli anziani. Servizi di telemedicina, assistenza virtuale e programmi di supporto psicologico sono stati implementati per rispondere alle esigenze emergenti. Queste innovazioni hanno dimostrato come la tecnologia può essere utilizzata per migliorare la qualità della vita degli anziani, offrendo loro strumenti per una maggiore autonomia e benessere. Infine, la pandemia ha portato a una riflessione più profonda sulla condizione degli anziani nella società. È diventato chiaro che gli anziani non sono solo una popolazione vulnerabile, ma anche una risorsa preziosa con una capacità incredibile di adattamento e resilienza. Riconoscere e valorizzare questa resilienza può portare a politiche e pratiche migliori per sostenere gli anziani in futuro, promuovendo un invecchiamento attivo e dignitoso.

In conclusione, la pandemia di Covid-19 ha rivelato una resilienza inaspettata negli anziani isolati, mettendo in luce la loro capacità di adattarsi alle circostanze difficili e di trovare modi nuovi e significativi per vivere. Questo periodo di sfide ha offerto l’opportunità di rivedere il nostro approccio all’invecchiamento e di apprezzare il valore e la forza degli anziani nelle nostre comunità.

Immagine di freepik

Annalisa Tellini
Annalisa Tellini
Musicista affermata e appassionata di scrittura Annalisa nasce a Colleferro. Tuttofare non si tira indietro dalle sfide e si cimenta in qualsiasi cosa. Corista, wedding planner, scrittrice e disegnatrice sono solo alcune delle attività. Dopo un inizio su una rivista online di gossip Annalisa diventa anche giornalista e intraprende la carriera affidandosi alla testata FocusTech per cui attualmente scrive

Related articles

TikTok fa marcia indietro: rimossa l’app che pagava gli utenti

Nell'ultimo periodo si è ampiamente discusso di TikTok, realtà che non sta vivendo un grande periodo negli Stati Uniti,...

Potere del Silenzio: rompere le barriere e dare voce ai pensieri nascosti

Il silenzio è una parte integrante della nostra vita quotidiana, spesso sottovalutato ma potente. Può essere un rifugio,...

Idrogeno Verde: futuro sostenibile o miraggio ecologico?

20Negli ultimi anni, l’idrogeno verde è emerso come una delle soluzioni più promettenti nel panorama delle energie rinnovabili....

Salute cognitiva: i modelli del sonno la influenzano nelle donne

Il sonno è una componente essenziale della salute generale, ma riveste un'importanza particolare per la salute cognitiva. Numerosi...