Array

Samsung Cina richiamerà 1.858 Note 7 per i dovuti controlli

Date:

Share post:

Un terminale questo Galaxy Note7 per il quale ci si aspettava di certo una notevole e ragguardevole attenzione da parte del pubblico, che di certo non auspicava, invece, di andare in contro ad un insuccesso così clamoroso, fatto di esplosioni, richiami in azienda e perdite sia in quello che è il breve periodo (ovvero la campagna di richiamo che costerà a Samsung oltre $1 miliardo di dollari), sia a lungo termine a causa di previsioni di analisti davvero poco rassicuranti cui, inoltre, si aggiunge ora l’insoddisfazione ed una marcata assenza di fiducia nei confronti del brand.

Il mercato italiano, sino ad oggi, non ha potuto conoscere il terminale (la sua introduzione era fissata per lo scorso 2 Settembre 2016) ma, i suoi effetti negativi si sono manifestati nei mercati che per primi sono riusciti ad aggiudicarsi lo sfortunato Note 7, ovvero Stati Uniti, Corea ed ora anche la Cina, che recentemente ha disposto il rientro in azienda di oltre 1.858 unità presumibilmente a rischio, così come dichiarato su Reuters.

L’amministrazione generale, la quale ha il compito di supervisionare le attività ed attuare le fasi di richiamo ed ispezione ha perciò disposto il rientro dei terminali, che comunque nulla hanno a che vedere con quelli rilasciati e segnalati qui, per i quali i problemi di esplosione in fase di ricarica non sortiscono alcun effetto, essendo questi stati equipaggiati con nuovi moduli batteria certificati.Samsung Galaxy Note 7

Le unità incriminate sono state, infatti, vendute in Cina attraverso il vettore online del sito Samsung di riferimento in tempo antecedente rispetto a quello di vendita avviato a partire dallo scorso 1 Settembre 2016. In Cina, infatti, i dispositivi conformi adottano ora moduli proprietari ATL, che abbiamo avuto modo di trattare in altra separata sede. Nessuna preoccupazione, quindi, per tutti quegli utenti che hanno acquisito il nuovo Note 7 dopo la data ufficiale di commercializzazione. Resta, ad ogni modo, ferma la possibilità di poter operare un controllo diretto dei terminali in modo da togliersi ogni ragionevole dubbio.

LEGGI ANCHE: Galaxy Note 7: Samsung avvia controllo IMEI, per Hong Kong e la Cina

In Italia, ricordiamolo, il reintegro dei Note 7 certificati con batteria ATL China è previsto per il prossimo 19 Settembre 2016. In attesa della sua uscita, diteci se siete ancora disposti a rivolgervi al brand per l’acquisto del vostri terminali mobili.

Federica Vitale
Federica Vitalehttps://federicavitale.com
Ho studiato Shakespeare all'Università e mi ritrovo a scrivere di tecnologia, smartphone, robot e accessori hi-tech da anni! La SEO? Per me è maschile, ma la rispetto ugualmente. Quando si suol dire "Sappiamo ciò che siamo ma non quello che potremmo essere" (Amleto, l'atto indovinatelo voi!)

Related articles

Progetto MEGLIO: utilizzare la fibra ottica per monitorare i terremoti in Italia

L'Italia, nota per la sua bellezza e la sua storia ricca, è anche un paese sismicamente attivo. Per...

Goldeno: La scoperta rivoluzionaria di un oro a singolo strato atomico

Da secoli, l'oro ha affascinato l'umanità con la sua bellezza e il suo valore intrinseco. Ma ora, gli...

Tè Kukicha: un tesoro giapponese per la salute, quasi più del matcha

Il Tè Kukicha, noto anche come "Tè dei Rametti" o "Tè Twig", è una varietà unica e salutare...

WhatsApp: arriva un nuovo modo per trasferire file

Qualche tempo fa, vi abbiamo parlato di una nuova funzione WhatsApp in via di sviluppo riguardante una modalità...