Verità sulla dieta dei nostri antenati: perché i ‘meatfluencer’ sbagliano?

Date:

Share post:

Negli ultimi anni, il fenomeno dei “meatfluencer” ha guadagnato popolarità sui social media, promuovendo una dieta basata principalmente sul consumo di carne. Questi influencer sostengono che una dieta ricca di carne sia più naturale per l’essere umano, spesso citando l’argomento che “siamo sempre stati onnivori”. Tuttavia, un esame più attento della storia dell’alimentazione umana e delle evidenze scientifiche dimostra che questa affermazione è fuorviante e che la dieta dei nostri antenati era molto più varia e complessa di quanto suggerito dai “meatfluencer”.

Gli esseri umani sono, biologicamente, onnivori, il che significa che possiamo digerire e trarre nutrimento sia da fonti animali che vegetali. Questo adattamento onnivoro ha permesso alla nostra specie di sopravvivere e prosperare in una vasta gamma di ambienti. Tuttavia, la proporzione di carne e vegetali nella dieta umana ha variato notevolmente nel corso della storia, in risposta a fattori ambientali, tecnologici e culturali.

 

Meatfluencer, esaltare la dieta dei nostri antenati anche se sbagliano

Le prime evidenze archeologiche suggeriscono che i nostri antenati preistorici consumassero una dieta molto diversificata. Gli studi sui resti fossili dentali e gli strumenti da taglio trovati in vari siti indicano che gli ominidi consumavano una vasta gamma di piante, frutti, semi e, sì, anche carne. Tuttavia, la caccia non era sempre una fonte di cibo affidabile e la raccolta di piante e frutti era probabilmente una componente essenziale della dieta quotidiana.

Con l’avvento dell’agricoltura, circa 10.000 anni fa, la dieta umana subì una trasformazione radicale. La coltivazione di cereali, legumi e altri vegetali divenne una fonte primaria di nutrimento. Questo cambiamento non solo aumentò la disponibilità di cibo, ma permise anche la formazione di comunità più stabili e dense, influenzando significativamente l’evoluzione della nostra dieta. Durante questo periodo, la carne continuava a essere consumata, ma il suo ruolo nella dieta variava a seconda della regione e della cultura.

La diversità delle diete umane storiche contraddice l’idea di una dieta unicamente basata sulla carne come proposta dai “meatfluencer”. Inoltre, studi recenti nel campo della nutrizione e della biologia evolutiva indicano che una dieta ricca di vegetali è associata a una migliore salute a lungo termine. Le diete ad alto contenuto di carne rossa e lavorata sono state collegate a un aumento del rischio di malattie cardiovascolari, diabete e alcuni tipi di cancro.

 

La dieta ricca di carne può avere un impatto ambientale

Un altro punto cruciale da considerare è l’impatto ambientale di una dieta ricca di carne. La produzione di carne è una delle principali cause di deforestazione, perdita di biodiversità e emissioni di gas serra. Promuovere una dieta equilibrata, che includa una varietà di fonti proteiche vegetali, non è solo una scelta salutare, ma anche sostenibile per il pianeta. Infine, la narrazione dei “meatfluencer” ignora la complessità culturale dell’alimentazione umana. La dieta è sempre stata influenzata dalle tradizioni, dalle credenze religiose e dalle condizioni socio-economiche. Ridurre la nostra storia alimentare a un semplice consumo di carne è una semplificazione eccessiva che non rende giustizia alla ricchezza e alla diversità delle pratiche alimentari umane.

In conclusione, sebbene gli esseri umani siano onnivori per natura, ciò non significa che una dieta prevalentemente a base di carne sia la più naturale o salutare. La storia dell’alimentazione umana è un mosaico complesso di adattamenti e innovazioni, che riflette la nostra capacità di prosperare grazie a una dieta varia ed equilibrata. I “meatfluencer” farebbero bene a considerare questa complessità prima di promuovere regimi alimentari estremi basati su interpretazioni parziali della nostra storia evolutiva.

Immagine di jcomp su Freepik

Marco Inchingoli
Marco Inchingoli
Nato a Roma nel 1989, Marco Inchingoli ha sempre nutrito una forte passione per la scrittura. Da racconti fantasiosi su quaderni stropicciati ad articoli su riviste cartacee spinge Marco a perseguire un percorso da giornalista. Dai videogiochi - sua grande passione - al cinema, gli argomenti sono molteplici, fino all'arrivo su FocusTech dove ora scrive un po' di tutto.

Related articles

Recensione Epomaker Tide65: tastiera meccanica moderna ed innovativa

Epomaker Tide65 non vuole essere la solita e classica tastiera meccanica di cui abbiamo più volte fatto una recensione...

OMS: il talco è probabilmente cancerogeno per gli esseri umani

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha recentemente confermato che il talco è “probabilmente cancerogeno” per gli esseri umani....

Covid: Nuovi Contagi a Causa della Variante KP.3

La variante KP.3, altamente contagiosa e simile alla JN.1, sta causando un aumento dei casi di Covid, bloccando...

Connessione tra il disturbo bipolare e le aree cerebrali responsabili degli sbalzi d’umore

Il disturbo bipolare è una malattia mentale caratterizzata da estremi cambiamenti dell'umore, alternando episodi di mania e depressione....