Array

Hubble ha appena scoperto uno strano oggetto nel nostro sistema solare

Date:

Share post:

Gli astronomi, con l’ausilio del telescopio Hubble, hanno recentemente identificato due oggetti rocciosi dal comportamento strano. Orbitano uno intorno all’altro, a quanto pare lasciando dietro di sé una scia di materiale come fanno le comete.

Questo strano sistema, denominato 288P, è il primo asteroide binario classificato come una cometa. Esistono alcuni esempi di asteroidi singoli che spargono acqua e polvere lasciandosi alle spalle una coda “stile cometa”, ma questa è la prima volta che si ha notizia di due di questi oggetti in orbita uno intorno all’altro.

288P è stato osservato per la prima volta nel novembre 2006, al tempo si pensava fosse un asteroide, nel 2011 il telescopio Pan-STARRS ha ravvisato attività tipiche di una cometa. Gli astronomi non sapevano che 288P fosse non uno bensì due oggetti fino a che il telescopio Hubble non ha svelato il mistero nel settembre 2016.

telescopio hubble due strani oggetti via lattea galassia

Stando all’orbita degli oggetti, gli astronomi hanno capito che 288P è originario dalla cintura asteroidale. Con l’avvicinarsi al sole, l’acqua presente nei due oggetti si scioglie, caratteristica tipica di una cometa, secondo la Professoressa Jessica Agarwal (primo autore dello studio), 288P potrebbe avere 5000 anni d’età. I due oggetti distano 100 chilometri uno dall’altro e hanno circa medesima taglia e massa.

Tornando alla presenza di ghiaccio, questo elemento apre nuovi interrogativi perché il ghiaccio superficiale mostrato da 288P non potrebbe sopravvivere nella cintura asteroidale senza la protezione di uno strato di polvere. La scoperta di questo sistema binario è una coincidenza fortunata, si tratta infatti di un fenomeno dalle caratteristiche praticamente uniche. Per ora.

Fonte

Federica Vitale
Federica Vitalehttps://federicavitale.com
Ho studiato Shakespeare all'Università e mi ritrovo a scrivere di tecnologia, smartphone, robot e accessori hi-tech da anni! La SEO? Per me è maschile, ma la rispetto ugualmente. Quando si suol dire "Sappiamo ciò che siamo ma non quello che potremmo essere" (Amleto, l'atto indovinatelo voi!)

Related articles

Intelligenza Artificiale: ora è in grado di identificare 3 sottotipi di Parkinson

La malattia di Parkinson, un disturbo neuro degenerativo che colpisce milioni di persone in tutto il mondo, è...

C’è una donazione per te: attenzione all’e-mail truffa

Avete ricevuto un'e-mail in cui venite avvisati di essere stati scelti per ricevere una donazione molto generosa? Per...

Scoperta straordinaria: la psilocibina rimodella le reti cerebrali per settimane

La psilocibina, un composto psicoattivo trovato nei cosiddetti "funghi magici", ha catturato l'attenzione della comunità scientifica e del...

Le Tempeste Solari e il Rischio per le Reti Elettriche: Cosa Dovremmo Sapere

Il rischio che una tempesta solare possa distruggere le reti elettriche e i cavi sottomarini – e potenzialmente...