Influenza aviaria: il virus H5N1 potrebbe rimanere contagioso nel latte almeno un’ora

Date:

Share post:

L’influenza aviaria H5N1, conosciuta anche come “influenza dei polli”, è un’infezione virale altamente patogena che colpisce principalmente gli uccelli, ma può occasionalmente infettare anche gli esseri umani e altri mammiferi. Questa malattia ha suscitato preoccupazione a livello globale a causa della sua alta mortalità negli esseri umani e del suo potenziale di causare pandemie. Tra i vari modi in cui il virus può essere trasmesso, la presenza del virus nel latte crudo rappresenta un rischio significativo per la salute pubblica. L’influenza aviaria A(H5N1) infetta principalmente gli uccelli ma talvolta può trasmettersi ai mammiferi. Gli scienziati hanno rilevato per la prima volta il virus nelle mucche negli Stati Uniti a marzo, e da allora è stato riscontrato in più di 60 mandrie di bovini in tutto il paese.

I ricercatori sapevano già che le mucche infette da H5N1 potevano diffondere il virus nel loro latte. All’inizio di quest’anno, la Food and Drug Administration (FDA) ha riferito che circa 1 su 5 prodotti lattiero-caseari al dettaglio in un campione era risultato positivo al materiale genetico H5N1. Tuttavia, nessuno dei virus rilevati in questi prodotti era “vivo” o infettivo, perché i prodotti erano pastorizzati. La pastorizzazione uccide la maggior parte dei virus e dei microbi.

 

Latte crudo, l’influenza aviaria può essere contagioso per almeno un’ora

Il latte crudo, non pastorizzato, è un alimento che può diventare un veicolo per vari patogeni, compresi virus come l’H5N1. Studi recenti hanno dimostrato che il virus dell’influenza aviaria H5N1 può rimanere contagioso nel latte crudo per almeno un’ora. Questo dato è particolarmente preoccupante per i consumatori di latte crudo e prodotti derivati, che potrebbero essere esposti a un’infezione attraverso il consumo di questi prodotti contaminati. Il latte crudo fornisce un ambiente nutritivo che può sostenere la sopravvivenza di vari microrganismi patogeni. L’H5N1, in particolare, può resistere nel latte grazie alla presenza di nutrienti e condizioni che possono proteggere il virus dalla degradazione. La temperatura del latte crudo, solitamente mantenuta fresca per preservarne la qualità, può ulteriormente contribuire alla sopravvivenza del virus.

La presenza dell’H5N1 nel latte crudo rappresenta un rischio significativo per la salute pubblica, specialmente in regioni dove il consumo di latte non pastorizzato è comune. Il contatto diretto con il latte infetto può portare a infezioni nell’uomo, con sintomi che vanno da lievi a gravi malattie respiratorie, e in alcuni casi, alla morte. Le persone più a rischio includono agricoltori, lavoratori in allevamenti avicoli, e consumatori di latte crudo. Per ridurre il rischio di trasmissione dell’H5N1 attraverso il latte crudo, è fondamentale implementare misure di controllo rigorose. La pastorizzazione del latte è una delle strategie più efficaci per eliminare il virus e altri patogeni. Questa pratica consiste nel riscaldare il latte a temperature sufficienti per un periodo specifico, distruggendo così i microrganismi patogeni senza alterare significativamente le proprietà nutritive del latte.

Un altro aspetto cruciale nella prevenzione della diffusione dell’H5N1 attraverso il latte crudo è l’educazione dei consumatori e degli agricoltori. Informare il pubblico sui rischi associati al consumo di latte crudo e sui benefici della pastorizzazione può contribuire a ridurre l’incidenza di infezioni. Campagne di sensibilizzazione e programmi di formazione per gli agricoltori possono migliorare le pratiche di gestione dell’igiene nelle fattorie e durante la mungitura. Un’efficace sorveglianza epidemiologica è essenziale per individuare rapidamente i focolai di H5N1 e prevenirne la diffusione. I governi e le autorità sanitarie dovrebbero implementare sistemi di monitoraggio per controllare la presenza del virus negli allevamenti avicoli e nel latte crudo. Test regolari e ispezioni possono aiutare a identificare precocemente le contaminazioni e a prendere misure appropriate per contenerle.

In sintesi, la capacità del virus H5N1 di rimanere contagioso nel latte crudo per almeno un’ora rappresenta un grave rischio per la salute pubblica. La pastorizzazione del latte, l’educazione del pubblico, e una sorveglianza rigorosa sono strategie chiave per prevenire la trasmissione del virus. Con misure adeguate, è possibile ridurre significativamente il rischio di infezioni e proteggere la salute delle comunità vulnerabili.

Immagine di freepik

Marco Inchingoli
Marco Inchingoli
Nato a Roma nel 1989, Marco Inchingoli ha sempre nutrito una forte passione per la scrittura. Da racconti fantasiosi su quaderni stropicciati ad articoli su riviste cartacee spinge Marco a perseguire un percorso da giornalista. Dai videogiochi - sua grande passione - al cinema, gli argomenti sono molteplici, fino all'arrivo su FocusTech dove ora scrive un po' di tutto.

Related articles

Recensione Epomaker Tide65: tastiera meccanica moderna ed innovativa

Epomaker Tide65 non vuole essere la solita e classica tastiera meccanica di cui abbiamo più volte fatto una recensione...

OMS: il talco è probabilmente cancerogeno per gli esseri umani

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha recentemente confermato che il talco è “probabilmente cancerogeno” per gli esseri umani....

Covid: Nuovi Contagi a Causa della Variante KP.3

La variante KP.3, altamente contagiosa e simile alla JN.1, sta causando un aumento dei casi di Covid, bloccando...

Connessione tra il disturbo bipolare e le aree cerebrali responsabili degli sbalzi d’umore

Il disturbo bipolare è una malattia mentale caratterizzata da estremi cambiamenti dell'umore, alternando episodi di mania e depressione....