Le Maldive costruiranno una città galleggiante per rispondere all’innalzamento del mare

Date:

Share post:

Una società olandese sta collaborando con il governo delle Maldive per costruire una città galleggiante in risposta all’innalzamento del livello del mare. Le Maldive rischiano di scomparire completamente a meno che il governo non riesca ad accedere ai finanziamenti per combattere l’innalzamento delle acque. Attualmente, l’80% del Paese si trova a un metro sotto il livello del mare.

Non possiamo aspettare“, ha avvertito il ministro degli Esteri delle Maldive Abdula Shahid lo scorso anno. “Per i piccoli stati, non è facile. Quando avremo il finanziamento, potremmo essere sott’acqua”, ha lamentato. Un anno dopo, il problema rimane e questa piccola nazione inizia a cercare alternative sostenibili. Pertanto, uno studio di architettura olandese sta lavorando con le Maldive per creare una città galleggiante di 200 ettari.

 

È ispirato dalle barriere coralline e alimentato da energia verde

Come suggerisce il nome, i Paesi Bassi non sono estranei alla situazione delle Maldive e i Docklands olandesi promettono di utilizzare la propria esperienza per aiutare il Paese che vive nel mezzo dell’Oceano Indiano e la cui economia dipende fondamentalmente dal turismo.

L’idea è che l’isola artificiale si trovi in una laguna di acqua calda a soli dieci minuti di barca da Malé, la capitale delle Maldive. La “Città galleggiante delle Maldive” sarà costruita lungo una rete flessibile e circondata da isole più grandi per spezzare la forza delle onde oceaniche.

Il progetto include anche la costruzione di strutture coralline artificiali all’interno e intorno ai quartieri per attirare la vita marina e proteggere ulteriormente la città dalle tempeste. La costruzione dovrebbe iniziare il prossimo anno e terminare nel 2027.

Inoltre, saranno costruiti una scuola e un ospedale, una rete di energia rinnovabile rifornirà la città.

Federica Vitale
Federica Vitalehttps://federicavitale.com
Ho studiato Shakespeare all'Università e mi ritrovo a scrivere di tecnologia, smartphone, robot e accessori hi-tech da anni! La SEO? Per me è maschile, ma la rispetto ugualmente. Quando si suol dire "Sappiamo ciò che siamo ma non quello che potremmo essere" (Amleto, l'atto indovinatelo voi!)

Related articles

Intelligenza Artificiale: ora è in grado di identificare 3 sottotipi di Parkinson

La malattia di Parkinson, un disturbo neuro degenerativo che colpisce milioni di persone in tutto il mondo, è...

C’è una donazione per te: attenzione all’e-mail truffa

Avete ricevuto un'e-mail in cui venite avvisati di essere stati scelti per ricevere una donazione molto generosa? Per...

Scoperta straordinaria: la psilocibina rimodella le reti cerebrali per settimane

La psilocibina, un composto psicoattivo trovato nei cosiddetti "funghi magici", ha catturato l'attenzione della comunità scientifica e del...

Le Tempeste Solari e il Rischio per le Reti Elettriche: Cosa Dovremmo Sapere

Il rischio che una tempesta solare possa distruggere le reti elettriche e i cavi sottomarini – e potenzialmente...