Oumuamua: astrofisico di Harvard crede che il misterioso asteroide sia stato inviato da extraterrestri

Date:

Share post:

Nell’ottobre 2017, l’astronomo canadese Robert Weryk ha fatto una scoperta sorprendente con il telescopio Pan-STARRS1 dell’Osservatorio Haleakala, alle Hawaii. Lo scienziato ha osservato uno strano oggetto allungato delle dimensioni di un campo da calcio che viaggia attraverso il sistema solare a 315.000 chilometri orari, trainato da una forza invisibile inspiegabile.

L’oggetto è stato successivamente soprannominato Oumuamua – “Messaggero delle stelle”, in hawaiano – e gli scienziati ritengono che potrebbe essere stato il primo visitatore al di fuori del sistema solare ad essere osservato direttamente.

Molte ipotesi hanno già provato a decifrare di cosa si trattasse, ma la proposta di Avi Loeb, astrofisico e professore all’Università di Harvard, è più insolita perché sostiene che l’oggetto sia una sonda inviata da una civiltà extraterrestre.

 

Extraterrestrial: The First Sign of Intelligent Life Beyond Earth

Nel suo nuovo libro, l’esperto esplora ancora una volta la sua ipotesi (avanzata nel 2019) e affronta anche la difficoltà di essere preso sul serio all’interno della comunità scientifica, anche quando si è accettato che le teorie non rispondono a tutte le domande poste dalle caratteristiche di Oumuamua. Loeb fornisce come esempio l’ipotesi che l’oggetto sia una palla di polvere, e sostiene che la sua strana traiettoria può essere spiegata dalla sua densità molto bassa. “Il problema è che non credo che qualcosa delle dimensioni di un campo da calcio che è una palla di polvere sopravvivrebbe a un viaggio di un milione di anni attraverso lo spazio interstellare“, spiega.

L’astrofisico ritiene che le spiegazioni basate sulle conoscenze scientifiche che abbiamo finora non siano sufficienti di fronte all’oggetto misterioso – ed è così che è arrivato all’ipotesi extraterrestre. Loeb suggerisce che Oumuamua sia una vela solare – una forma di propulsione di una nova spaziale che utilizza la radiazione solare a bassa pressione per generare movimento – inviata nel sistema solare da un altro sistema. Lo scienziato ritiene che questo spieghi l’accelerazione inaspettata dell’oggetto.

Se è solido, deve avere comunque uno spessore inferiore al millimetro, secondo i calcoli di Loeb, il quale ritiene che questa sia la conclusione più logica quando si seguono gli indizi che hanno escluso altre ipotesi più immediate.

Anche in questo modo, la comunità scientifica continua a dubitare della spiegazione di Loeb. Uno studio del 2019 ha affermato che non ci sono prove a sostegno di un legame alieno con Oumuamua perché le sue “proprietà sono coerenti con un’origine naturale“, proponendo piuttosto che l’oggetto sia un frammento di un blocco planetario che fluttua attraverso il nostro sistema solare.

Weryk, che ha scoperto l’oggetto, è scettico sulla teoria di Loeb, ritenendo piuttosto che si tratti solo di un “relitto di un altro sistema solare“. Ma l’astrofisico non è scoraggiato dalla sua mancanza di sostegno da parte di altri astronomi. “Il principio che mi guida è la modestia. Se non siamo arroganti, se siamo modesti, diremmo che la vita, così com’è, dovrebbe essere ordinaria“, si difende.

Loeb crede che sia tutta una questione di probabilità. “Sappiamo dai dati del satellite Kepler che circa la metà delle stelle simili al Sole ha un pianeta simile alla Terra a una distanza simile e che potrebbero avere acqua liquida e la chimica della vita come la conosciamo“.

Loeb conclude ricordando che anche altri campi di studio, come la materia oscura o la teoria delle stringhe, sono basati sulla speculazione, ma ciò non preclude l’esistenza di “comunità di centinaia di scienziati che lavorano per premiarsi a vicenda”.

Federica Vitale
Federica Vitalehttps://federicavitale.com
Ho studiato Shakespeare all'Università e mi ritrovo a scrivere di tecnologia, smartphone, robot e accessori hi-tech da anni! La SEO? Per me è maschile, ma la rispetto ugualmente. Quando si suol dire "Sappiamo ciò che siamo ma non quello che potremmo essere" (Amleto, l'atto indovinatelo voi!)

Related articles

Amazon mette in guardia dalle truffe più recenti

Le truffe che utilizzano il nome di Amazon per ingannare e rubare soldi agli utenti si sono estremamente...

Misteriose “Geobatterie” Sul Fondo del Mare Producono Ossigeno e Potrebbero Spiegare l’Origine della Vita

Sul fondo dell'Oceano Pacifico, sparsi come patate metalliche, ci sono intriganti noduli che potrebbero essere più di semplici...

Nuova Speranza: la promettente terapia nella lotta al cancro al cervello

Negli ultimi anni, la ricerca oncologica ha compiuto passi da gigante, portando alla scoperta di nuove terapie e...

Apple lancerà una nuova applicazione per le password con iOS 18?

iOS 18 è indubbiamente l'aggiornamento di sistema più atteso degli ultimi anni, una versione che, dati alla mano,...