Perché proviamo ansia climatica?

Date:

Share post:

Il cambiamento climatico ha suscitato una crescente preoccupazione e ansia in molte persone in tutto il mondo. Ti senti ansioso per il cambiamento climatico? Non sei solo. Il legame che sperimentiamo con il nostro ambiente e le conseguenze che vediamo sulla natura e sulle vite umane sembrano essere al centro di questa ansia.

In un articolo pubblicato su Nature Climate Change, le ricercatrici di psicologia Anne van Valkengoed e Linda Steg sostengono che l’ansia che molte persone sperimentano a causa del riscaldamento accelerato della Terra è una risposta “sana ed empatica” alla perdita incalcolabile di milioni di specie e vite umane. Man mano che siamo testimoni degli effetti devastanti del cambiamento climatico, nasce una profonda preoccupazione per le conseguenze globali e sociali che coinvolgono gli animali, le popolazioni vulnerabili e l’equilibrio del nostro pianeta. Dunque, come si manifesta questa ansia climatica e quali strategie possono essere utilizzate per alleviarla e trovare speranza nell’azione collettiva?

 

Tensioni climatiche: empatia, preoccupazione e gestione

Secondo le ricercatrici, l’ansia climatica non si manifesta solo per paure personali, come suggerito in precedenza, ma per la preoccupazione per le “conseguenze globali e sociali del cambiamento climatico e gli impatti sugli animali e sulle popolazioni vulnerabili“.

Nel Nord globale, molte persone sperimentano ansia climatica principalmente a causa della preoccupazione per gli altri e per il mondo naturale. Questa empatia genera ansia e ha implicazioni chiave su come le persone possono affrontarla.
È importante riconoscere che per coloro che vivono in nazioni insulari a bassa altitudine, gli impatti diretti del cambiamento climatico, come l’aumento del livello del mare, gli uragani più intensi e le mareggiate cicloniche, sono la loro preoccupazione immediata e legittima. Questi effetti stanno già colpendo duramente e spostando intere comunità. Tuttavia, per coloro che osserviamo da lontano, l’ansia climatica sorge dalla preoccupazione per il loro futuro e quello delle generazioni più giovani, che affrontano condizioni climatiche sempre più estreme.

Per affrontare l’ansia climatica, gli operatori sanitari suggeriscono che le persone possono beneficiare nel trovare modi per ridurre la propria esposizione ai pericoli climatici anziché semplicemente gestire i sentimenti di ansia. Iniziare a pianificare azioni personali di adattamento climatico può essere un potente rimedio per ridurre in modo sostenibile l’ansia climatica. Essere proattivi può aiutare le persone a riacquistare il senso di controllo e unirsi a iniziative guidate dalla comunità favorisce le connessioni, che possono essere un balsamo o il primo raggio di speranza.

Tuttavia, si riconosce che molte persone non dispongono delle risorse finanziarie per spostarsi o rinforzare le proprie abitazioni di fronte agli impatti del cambiamento climatico. Inoltre, i risultati delle azioni collettive richiedono tempo per realizzarsi. Pertanto, è necessario sviluppare ulteriori strategie per affrontare i sentimenti associati al cambiamento climatico, come il dolore che molti scienziati condividono mentre lavorano insieme per passare a fonti di energia rinnovabile e porre fine ai combustibili fossili.
Poiché va quasi detto che vedere i governi e le aziende ridurre le emissioni per affrontare la causa principale del cambiamento climatico contribuirebbe notevolmente a alleviare l’ansia delle persone riguardo al percorso del nostro pianeta. È importante capire che sebbene alcune persone sentiranno il calore del cambiamento climatico più di altre, l’empatia per i nostri compagni planetari ci spinge verso un futuro migliore per tutti.

 

Conclusione

L’ansia climatica è una risposta empatica e comprensibile alla perdita e al pericolo che il nostro pianeta sta affrontando a causa del cambiamento climatico. Riconoscere questa empatia e comprendere le sue implicazioni è fondamentale per affrontarla in modo efficace. Sebbene non possiamo sbarazzarci del cambiamento climatico globale, possiamo intraprendere azioni proattive e unirci a iniziative comunitarie per ridurre la nostra esposizione ai pericoli climatici. Inoltre, è necessario esercitare pressioni sui governi e sulle aziende affinché intraprendano azioni concrete per affrontare la causa principale del cambiamento climatico. Solo così potremo alleviare l’ansia e costruire un futuro migliore per tutti.

Federica Vitale
Federica Vitalehttps://federicavitale.com
Ho studiato Shakespeare all'Università e mi ritrovo a scrivere di tecnologia, smartphone, robot e accessori hi-tech da anni! La SEO? Per me è maschile, ma la rispetto ugualmente. Quando si suol dire "Sappiamo ciò che siamo ma non quello che potremmo essere" (Amleto, l'atto indovinatelo voi!)

Related articles

Recensione Epomaker Tide65: tastiera meccanica moderna ed innovativa

Epomaker Tide65 non vuole essere la solita e classica tastiera meccanica di cui abbiamo più volte fatto una recensione...

OMS: il talco è probabilmente cancerogeno per gli esseri umani

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha recentemente confermato che il talco è “probabilmente cancerogeno” per gli esseri umani....

Covid: Nuovi Contagi a Causa della Variante KP.3

La variante KP.3, altamente contagiosa e simile alla JN.1, sta causando un aumento dei casi di Covid, bloccando...

Connessione tra il disturbo bipolare e le aree cerebrali responsabili degli sbalzi d’umore

Il disturbo bipolare è una malattia mentale caratterizzata da estremi cambiamenti dell'umore, alternando episodi di mania e depressione....