Gli scienziati identificano un nuovo tipo di risposta allo stress innescato dalla guida

Date:

Share post:

Tutti conoscono la sensazione fisica di essere in una macchina che accelera. Ma pochi sanno cosa potrebbe fare al nostro corpo. Gli scienziati hanno studiato gli effetti fisiologici dell’accelerazione in un piccolo esperimento, durante il quale ai partecipanti è stato chiesto di guidare semplicemente intorno alla stazione di Bryan-College, in Texas.

Le condizioni erano buone – poco traffico e bel tempo – ma, sebbene sembrasse un normale viaggio in macchina, i risultati dell’indagine hanno rivelato qualcosa di completamente diverso.

 

Lo studio

Secondo gli scienziati, il cui studio è stato pubblicato questo mese nell’Extended Abstracts of the 2021 CHI Conference on Human Factors in Computing Systems, circa la metà dei volontari ha sperimentato una forma di ipereccitazione, un’elevata risposta allo stress innescata da frequenti arresti e avanzamenti dal semplice guidare attraverso la città, anche a bassa velocità.

Nell’esperimento, 11 partecipanti hanno avuto la loro risposta allo stress monitorata da una termocamera installata nell’auto, che ha misurato i livelli di sudorazione perinasale (risposta involontaria indicativa dell’eccitazione del sistema nervoso simpatico). Contemporaneamente, un computer ha registrato l’accelerazione, la velocità, la forza frenante e la direzione del veicolo. “Gli eventi di accelerazione erano di tipo banale, ad esempio, come entrare in un’autostrada da un ingresso di accesso o iniziando a camminare dopo un semaforo rosso“, hanno scritto gli autori nel loro articolo. Nonostante la banalità, queste situazioni erano sufficienti a provocare reazioni di eccitazione all’accelerazione significativamente maggiori in circa la metà dei piloti.

Sono necessari studi più ampi per comprendere meglio questo fenomeno, nonché per cercare di capire quali possono essere le conseguenze a lungo termine.

Federica Vitale
Federica Vitalehttps://federicavitale.com
Ho studiato Shakespeare all'Università e mi ritrovo a scrivere di tecnologia, smartphone, robot e accessori hi-tech da anni! La SEO? Per me è maschile, ma la rispetto ugualmente. Quando si suol dire "Sappiamo ciò che siamo ma non quello che potremmo essere" (Amleto, l'atto indovinatelo voi!)

Related articles

Alzheimer: un sintomo precoce da non sottovalutare

L'Alzheimer è una patologia complessa e si può manifestare in diversi modi. I sintomi che si possono considerare...

Recensione del Ventilatore a Piantana LEVOIT LPF-R432: Freschezza Silenziosa e Potente

In estate, quando il caldo si fa insopportabile, trovare un po' di sollievo diventa una necessità. Il ventilatore...

Emicrania con Aura: la scoperta di un percorso terapeutico innovativo

L'emicrania con aura è una condizione debilitante che colpisce milioni di persone in tutto il mondo. Caratterizzata da...

Le emozioni possono influenzare il Ph dello stomaco

Le emozioni umane sono una parte essenziale della nostra vita quotidiana e possono avere un impatto significativo sul...