Diabete di tipo 2: il possibile ruolo del sale

Date:

Share post:

Quando si parla di diabete, ovviamente si va a pensare agli zuccheri e alle code dolci in generali. Un nuovo studio sta aggiungendo anche qualcos’altro, ovvero il sale, un’ipotesi a cui sono arrivati dopo aver esaminato i dati clinici di oltre 400.000 adulti. Si tratta quindi di una ricerca osservazionale, quindi con diversi limiti legati alla certezza della correlazione tra le due cose, ma offre un nuovo spunto di analisi del fenomeno.

Tra il gruppo di persone da cui sono stati presi i dati, quasi 13.000 hanno sviluppato il diabete di tipo 2 nei dodici anni in cui lo studio è andato avanti. Tra questi, molti hanno confermato di usare quasi sempre il sale e in generale la popolazione media ne usa più della quantità giornaliera indicata dal servizio sanitario nazionale, 8 grammi contro i 6 indicati.

 

Sale e diabete: c’è una vera correlazione?

Una grossa falla di questo studio sul diabete è che di fatto non riesce a fornire risposte neanche vaghe se si ipotizza un rischio minore nel momento che si consuma in media 1 o 2 grammi di sale al giorno. L’unica cosa che sostanzialmente si è vista è che una maggiore presenza di sale nelle urine era collegata a un rischio maggiore di soffrire della suddetta patologia.

Il collegamento in tal senso deriva dal fatto che questi livelli aumentati possono fare riferimento all’ormone dello stress, il cortisolo. Quest’ultimo è legato anche all’aumento della pressione sanguigna e proprio a una ridotta efficacia dell’insulina, un problema legato quindi al diabete di tipo 2. La risposta quindi non è certa, ma c’è da dire che diminuire il sale fa comunque più bene che male.

Related articles

VPS Game, i server virtuali per il gaming

Il mondo del gaming ha fatto notevoli passi in avanti negli ultimi anni. Passi da gigante che oggi...

Amazon mette in guardia dalle truffe più recenti

Le truffe che utilizzano il nome di Amazon per ingannare e rubare soldi agli utenti si sono estremamente...

Misteriose “Geobatterie” Sul Fondo del Mare Producono Ossigeno e Potrebbero Spiegare l’Origine della Vita

Sul fondo dell'Oceano Pacifico, sparsi come patate metalliche, ci sono intriganti noduli che potrebbero essere più di semplici...

Nuova Speranza: la promettente terapia nella lotta al cancro al cervello

Negli ultimi anni, la ricerca oncologica ha compiuto passi da gigante, portando alla scoperta di nuove terapie e...