Disturbo da Stress Post-Traumatico: i ricordi traumatici vengono elaborati diversamente

Date:

Share post:

Il disturbo da stress post-traumatico (PTSD) è una condizione psicologica complessa che si sviluppa in risposta a eventi traumatici. Uno degli aspetti chiave nella comprensione del PTSD è l’elaborazione dei ricordi traumatici, che avviene in modo distintamente diverso rispetto alle esperienze non traumatiche. Secondo un nuovo studio, le persone affette da questa condizione elaborano questi ricordi in modo diverso.

Solitamente sperimentano flashback intrusivi e ricorrenti di eventi traumatici che sono spesso accompagnati da alti livelli di ansia e disagio emotivo. Quando le persone con disturbo da stress post-traumatico sperimentano un flashback , hanno la sensazione di rivivere l’evento traumatico nel momento presente, piuttosto che ripensarci come un tipico ricordo.

 

I ricordi traumatici sono elaborati in maniera differente dalle persone con il disturbo da stress post-traumatico

Durante un evento traumatico, il cervello attiva la risposta di “combatti o fuggiti”, coinvolgendo l’amigdala e altre regioni cerebrali. Questo processo accelera il consolidamento dei ricordi, rendendoli intensi e persistenti. Nel disturbo da stress post-traumatico, questo meccanismo può portare a una fissazione eccessiva su dettagli specifici dell’evento traumatico, contribuendo alla ricorrenza involontaria dei ricordi. Nel PTSD, l’amigdala, una parte del cervello coinvolta nelle risposte emotive, diventa iperattiva. Ciò significa che anche stimoli minimi possono scatenare una risposta di paura intensa, associata al ricordo traumatico. Questa iperattivazione contribuisce all’evitamento di situazioni e stimoli che potrebbero essere in qualche modo collegati all’evento traumatico.

L’ippocampo, responsabile della formazione di nuovi ricordi e della loro collocazione temporale, può subire danni nel PTSD. Questa disfunzione può portare a una mancanza di contestualizzazione temporale nei ricordi traumatici, causando la sensazione che l’evento traumatico sta accadendo ancora nel presente. Nel PTSD, la repressione dei ricordi traumatici può coesistere con la ricorrenza involontaria. Mentre alcuni individui cercano di evitare attivamente di pensare all’evento traumatico, i ricordi possono emergere improvvisamente e incontrollabilmente, causando un’angoscia significativa.

Studi neurobiologici suggeriscono che il PTSD può apportare modifiche nella plasticità cerebrale e nella comunicazione neuronale. Queste alterazioni possono contribuire alla persistenza dei ricordi traumatici e alle difficoltà nell’elaborarli in modo adatto. Approcci terapeutici come la terapia cognitivo-comportamentale (CBT) e l’EMDR (Eye Movement Desensitization and Reprocessing) sono progettati per aiutare gli individui affetti da PTSD a elaborare i ricordi traumatici in modo più adattivo. Queste terapie mirano a ridurre l’ipersensibilità emotiva e a promuovere una rielaborazione cognitiva dei ricordi traumatici.

La comprensione dell’elaborazione dei ricordi traumatici nel PTSD è un campo in evoluzione. La ricerca futura potrebbe esplorare nuovi approcci terapeutici e approfondire la nostra conoscenza delle basi neurobiologiche del modo in cui il cervello affronta e memorizza gli eventi traumatici. In conclusione, l’elaborazione dei ricordi traumatici nel PTSD è un processo complesso influenzato da molteplici fattori neurobiologici e psicologici. Comprendere questi meccanismi può guidare lo sviluppo di approcci terapeutici più efficaci per aiutare coloro che vivono con questa condizione a gestire i ricordi traumatici in modo più adattivo e a migliorare la loro qualità di vita.

Immagine di Freepik

Marco Inchingoli
Marco Inchingoli
Nato a Roma nel 1989, Marco Inchingoli ha sempre nutrito una forte passione per la scrittura. Da racconti fantasiosi su quaderni stropicciati ad articoli su riviste cartacee spinge Marco a perseguire un percorso da giornalista. Dai videogiochi - sua grande passione - al cinema, gli argomenti sono molteplici, fino all'arrivo su FocusTech dove ora scrive un po' di tutto.

Related articles

Amazon mette in guardia dalle truffe più recenti

Le truffe che utilizzano il nome di Amazon per ingannare e rubare soldi agli utenti si sono estremamente...

Misteriose “Geobatterie” Sul Fondo del Mare Producono Ossigeno e Potrebbero Spiegare l’Origine della Vita

Sul fondo dell'Oceano Pacifico, sparsi come patate metalliche, ci sono intriganti noduli che potrebbero essere più di semplici...

Nuova Speranza: la promettente terapia nella lotta al cancro al cervello

Negli ultimi anni, la ricerca oncologica ha compiuto passi da gigante, portando alla scoperta di nuove terapie e...

Apple lancerà una nuova applicazione per le password con iOS 18?

iOS 18 è indubbiamente l'aggiornamento di sistema più atteso degli ultimi anni, una versione che, dati alla mano,...