Recensione Huawei Watch GT Runner: lo smartwatch perfetto per l’attività fisica

Date:

Share post:

Huawei ha da sempre creduto moltissimo sul mercato dei wearable in generale, dopo gli ottimi Huawei Watch GT 3 e Watch 3 (di cui vi abbiamo parlato qui), l’azienda ha da poco lanciato Huawei Watch GT Runner, un prodotto che eredita la maggior parte delle caratteristiche dei fratelli maggiori, puntando molto sulla parte del training. Vediamolo da vicino nella recensione completa.

 

Design e Estetica

Esteticamente il prodotto è decisamente gradevole e ben realizzato, le dimensioni della cassa sono pari a 46,4 x 46,4 x 11 millimetri, con un peso di circa 38,5 grammi (senza cinturino). Sebbene sia leggermente più grande della media, lo possiamo consigliare anche per un pubblico femminile, dato il suo essere abbastanza leggero e poco ingombrante, dato l’utilizzo di materiali che privilegiano queste due caratteristiche.

La cassa è composta da fibra polimerica (in altre parole plastica) completamente opaca, mentre il pannello anteriore ha un ottimo trattamento oleofobico, le impronte si vedono davvero pochissimo. Il controllo avviene, oltre che tramite il touchscreen, sfruttando due tasti, uno identificato da una corona ibrida girevole, impreziosita da un feedback aptico importante, e gradevole nell’esperienza quotidiana; il pulsante secondario è completamente programmabile via software, in modo da accedere in rapidità alle informazioni desiderate. Lo schermo è protetto da una corona in ceramica leggermente rialzata, in grado di attutire il colpo, mentre i sensori posteriori da una piccola cupola in vetro.

Il prodotto viene commercializzato con un cinturino in silicone morbido, uno dei più leggeri e traspiranti tra quelli che abbiamo mai provato negli ultimi anni. Ottima la scelta di integrare tantissimi fori per la regolazione, è adatto per un polso da 140 210 millimetri, se avete un braccio esile potreste dovervi spingere sino agli ultimi fori, ma è comunque completamente intercambiabile. Il silicone è di buona qualità, anche durante le attività fisiche non fa sudare troppo il braccio, come detto è altamente traspirante.

 

Hardware e Specifiche

Nella parte anteriore è stato integrato un ampio pannello touchscreen da 1,43 pollici, un AMOLED con risoluzione 466 x 466 pixel, e supporto al tocco ed allo scorrimento. La qualità è generalmente molto elevata, con dettagli precisi, nitidezza sopraffina, colori sgargianti ed una buona gamma cromatica; ciò che abbiamo particolarmente apprezzato riguarda il dettaglio che fornisce un incredibile colpo d’occhio. La luminosità massima è più che sufficiente per un utilizzo sotto la luce solare diretta (gestita alla perfezione da un sensore automatico); buono anche il touchscreen, gli input vengono recepiti alla perfezione, anche con mani bagnate.

 

Lo Huawei Watch GT Runner presenta certificazione IP68, per l’impermeabilità fino a 5 ATM e resistenza alla polvere. Sul lato è presente uno speaker per la riproduzione di musica/notifiche, nonché un microfono per le chiamate tramite lo smartphone (deve essere connesso per questa funzione); la qualità d’esecuzione è in linea con i modelli recensiti nelle scorse settimane.

sensori presenti sono i soliti: accelerometro, bussola, barometro (utile per misurare l’altitudine), giroscopio battito cardiaco. Quest’ultimo è stato migliorato per ridurre il più possibile l’interferenza della luce esterna, ed è affiancato da algoritmi riscritti per rendere la misurazione il più pulita possibile; il sensore di cui vi abbiamo appena parlato, sfrutta il TruSeen 5.0+ anche per stimare l’ossigeno nel sangue (definito comunemente SpO2), 24 ore su 24, non solo di notte per intenderci, ed è affiancato da un nuovo termometro pensato per misurare la sola temperatura cutanea. Come se tutto questo non bastasse, lo Huawei Watch GT Runner integra anche un GPS, per catturare la posizione senza l’ausilio dello smartphone.

La memoria interna di 4GB permette all’utente di salvare direttamente la musica al polso, e di ascoltarla sfruttando l’altoparlante integrato (il quale ha un buon volume, ed un dettaglio complessivamente discreto), oppure collegando direttamente gli auricolari via bluetooth.

 

Prestazioni, batteria e app

Il sistema operativo dello Huawei Watch GT Runner è esattamente lo stesso visto sull’ultimo Watch GT 3, dotato di una interfaccia ricchissima di colori, di informazioni ben strutturate ed organizzate, nonché un quadrante nel quale è possibile spaziare liberamente sfruttando la corona circolare. Il prodotto, sebbene integri Harmony OS, è perfettamente compatibile con AndroidiOS, garantendo la piena fruizione delle varie funzionalità.

Le misurazioni sono le classiche, sarà infatti possibile vedere il numero di passi percorsi, le calorie bruciate, le distanze e monitorare il sonno notturno. La precisione è in linea con gli altri prodotti Huawei, con tutte le differenze e specifiche di cui vi abbiamo già parlato. Le notifiche vengono ricevute alla perfezione da qualsiasi applicazione, il testo viene visualizzato senza interruzioni nella sua interezza, tranne che nel caso di Gmail, per la quale si potrà leggere solamente l’oggetto. Con gli ultimi aggiornamenti, Huawei ha introdotto la possibilità di rispondere ai messaggi, con risposte pre-impostate o emoji (ed è sicuramente un grosso passo in avanti).

Le modalità di allenamento sono oltre 100, l’agganciamento dei satelliti è assolutamente rapido, e dobbiamo ammettere non perdere mai il segnale, anche in zone abbastanza remote. Le misurazioni, i menù e tutto il resto, è in linea con i prodotti già recensiti del brand, portando tantissimi dati sul polso, interfacce chiare, facilmente raggiungibili ed interpretabili. Stesso discorso per l’applicazione ufficiale, Huawei Health, sfortunatamente la versione presente sul Play Store non è la più recente, ciò richiederà l’installazione via APK o tramite l’AppGallery della stessa Huawei.

La batteria è un componente da 455mAh, con ricarica tramite l’aggancio magnetico integrato posteriormente. L’autonomia è leggermente inferiore ad altri modelli, tuttavia per un utilizzo medio (con qualche allenamento e GPS attivo) si aggira attorno ai 7 giorni continuativi; la velocità di ricarica è abbastanza elevata, dato il supporto fino a 10 watt.

 

Huawei Watch GT Runner: conclusioni

In conclusione Huawei Watch GT Runner è uno smartwatch davvero molto interessante, dotato di un look decisamente più sportivo, che non sfigura comunque al polso di un elegante uomo in completo (per intenderci), mantenendo però esattamente gli stessi pregi/difetti dei modelli più quotati e costosi. L’aspetto più importante riguarda sicuramente l’estrema leggerezza, in questo modo potremo indossarlo 24 ore su 24 senza alcun tipo di problema, inoltre la presenza della memoria interna di 4GB, lo rende più utilizzabile standalone, sarà infatti possibile salvarvi la musica direttamente, collegare le cuffie, ed iniziare la propria attività con rilevamento del segnale GPS. Un ottimo dispositivo che a 299 euro di listino, diventa davvero indispensabile per gli amanti del fitness.

Huawei Watch GT Runner

299 euro
8.4

Design e Ergonomia

8.5/10

Display

9.0/10

Funzioni e Precisione

8.5/10

Applicazione

8.5/10

Batteria

7.5/10

Pros

  • Display eccellente
  • Applicazione mobile ricca e di facile lettura
  • Tutte le migliori funzioni
  • Leggerissimo

Cons

  • La batteria poteva essere migliore

Related articles

Intelligenza Artificiale: ora è in grado di identificare 3 sottotipi di Parkinson

La malattia di Parkinson, un disturbo neuro degenerativo che colpisce milioni di persone in tutto il mondo, è...

C’è una donazione per te: attenzione all’e-mail truffa

Avete ricevuto un'e-mail in cui venite avvisati di essere stati scelti per ricevere una donazione molto generosa? Per...

Scoperta straordinaria: la psilocibina rimodella le reti cerebrali per settimane

La psilocibina, un composto psicoattivo trovato nei cosiddetti "funghi magici", ha catturato l'attenzione della comunità scientifica e del...

Le Tempeste Solari e il Rischio per le Reti Elettriche: Cosa Dovremmo Sapere

Il rischio che una tempesta solare possa distruggere le reti elettriche e i cavi sottomarini – e potenzialmente...