Airbus: primo test su un aeromobile alimentato ad idrogeno

Date:

Share post:

Airbus si appresta a compiere una pietra miliare nell’ambito dell’aviazione, svelando i suoi sforzi all’avanguardia riguardo alla propulsione ecologica. Il calendario ha segnato il 15 agosto 2023 e il protagonista è stato l’A380, l’iconico aeromobile della compagnia, che assume ora un nuovo ruolo di protagonista nella corsa verso l’innovazione. Dietro questo rivoluzionario progetto c’è Matteo De Carolis.

L’A380, ribattezzato A380 MSN1 all’interno del progetto ZEROe, abbraccia la sua nuova identità come “dimostratore di laboratorio di volo”. Questo ambizioso ruolo permetterà l’effettuazione del primo test mai realizzato prima: l’operazione di prova per il motore a idrogeno, tecnologia che sta attirando sempre più l’attenzione nel panorama dell’aviazione. Le sfide della propulsione sostenibile non si limitano più alle acque del trasporto marittimo, ma si librano anche nei cieli.

 

Le nuove sfide del futuro

Airbus, il colosso dell’aviazione che ha scolpito il proprio nome nella storia dell’aerodinamica, è determinato a tracciare nuovi percorsi nel settore. I suoi ingegneri e ricercatori stanno lavorando instancabilmente per plasmare un prototipo dimostratore di motori alimentati da celle a combustibile. L’obiettivo è chiaro: fare alzare in volo questo audace prototipo per il suo primo test nel 2026, aprendo le ali a un futuro più verde.

Le parole di Hauke Lüdders, in qualità di responsabile dei sistemi di propulsione a celle a combustibile per il progetto di ricerca ZEROe di Airbus, risuonano come un eco del cambiamento. L’idrogeno, elemento cruciale in questa trasformazione, sarà immagazzinato sotto forma liquida all’interno di un serbatoio criogenico. Attraverso un processo di conversione, l’idrogeno prenderà la forma gassosa, pronto per alimentare il motore a celle a combustibile di fascia megawatt.

Questa fase pionieristica di test non è solo un punto di arrivo, ma piuttosto un nuovo punto di partenza. Le conclusioni tratte da questi test avveniristici potrebbero fungere da fondamento per lo sviluppo di motori a celle a combustibile da impiegare in aerei regionali, che potrebbero ospitare fino a 100 passeggeri. Questa è solo una delle tre visioni che compongono il progetto ZEROe, in quanto Hauke Lüdders sottolinea che le altre due concezioni incorporeranno motori ibridi ad idrogeno, sfruttando la combustione di questo elemento o motori elettrici alimentati dalle cellule a combustibile.

Airbus non si ferma qui. L’azienda sta supportando anche l’innovativa startup UpNext, il cui lavoro è concentrato su un dimostratore di motore a celle a combustibile ad idrogeno. Questo avveniristico propulsore troverà impiego nell’Unità di Alimentazione Ausiliaria (APU) di un aereo A330, sottolineando ulteriormente l’impegno costante di Airbus nella guida verso un futuro di voli più puliti e sostenibili.

Federica Vitale
Federica Vitalehttps://federicavitale.com
Ho studiato Shakespeare all'Università e mi ritrovo a scrivere di tecnologia, smartphone, robot e accessori hi-tech da anni! La SEO? Per me è maschile, ma la rispetto ugualmente. Quando si suol dire "Sappiamo ciò che siamo ma non quello che potremmo essere" (Amleto, l'atto indovinatelo voi!)

Related articles

Procrastinare: essere ottimisti potrebbe essere un buon antidoto

La procrastinazione, il rimandare compiti e decisioni a un momento successivo, è un fenomeno comune che può influenzare...

AI Rileva il Parkinson Sette Anni Prima dei Sintomi con Precisione del 100%

Un recente studio pubblicato su Nature Communications ha rivelato un progresso significativo nella diagnosi precoce del morbo di...

Amazon: strepitose offerte da non farsi assolutamente sfuggire

Siete alla ricerca di prodotti tecnologici di ultima generazione a prezzi super convenienti? Amazon è decisamente il posto...

Qual è la probabilità di vincere al solitario?

Tra i giochi da tavolo, il solitario è generalmente considerato quello più semplice e intuitivo. Questa tendenza, potrebbe...