Campi Flegrei: Il supervulcano italiano potrebbe eruttare di nuovo

Date:

Share post:

L’Italia è molto attiva dal punto di vista geologico, con molti vulcani, alcuni dei quali sono stati letali. Tuttavia, il più grande di essi non assomiglia affatto a un vulcano normale: il Campi Flegrei sembra una depressione. Si tratta di una caldera con un diametro compreso tra 12 e 14 chilometri, e una parte di essa si trova in mare. È un supervulcano e nuovi modelli suggeriscono che la sua crosta potrebbe avvicinarsi alla rottura, con la possibilità di una futura eruzione.

Il Campi Flegrei non ha avuto un’eruzione dal 1538, ma negli ultimi 70 anni è stato piuttosto agitato. Negli anni ’50, ’70 e ’80 ha avuto picchi di attività di due anni, e nell’ultimo decennio c’è stata una lenta ma costante crescita dell’attività. La città costiera di Pozzuoli, vicino al centro della caldera, è stata sollevata di quasi 4 metri, un fenomeno noto come bradisismo. Solo nel mese di aprile sono stati registrati 600 terremoti, il numero mensile più alto mai registrato.

Per sei anni, gli scienziati hanno utilizzato un modello per descrivere il comportamento del Campi Flegrei, sia per quanto riguarda i terremoti che l’innalzamento del terreno. Il supervulcano si è comportato come previsto dal modello. Secondo questo, alcune parti della crosta del vulcano sono state quasi portate al punto di rottura. Questo suggerisce che una rottura è probabile nel breve termine.

La nostra nuova ricerca conferma che il Campi Flegrei si sta avvicinando alla rottura. Tuttavia, ciò non significa che un’eruzione sia garantita. La rottura potrebbe aprire una fessura nella crosta, ma il magma deve ancora essere spinto nella posizione giusta affinché si verifichi un’eruzione“, ha dichiarato il professor Christopher Kilburn, autore principale dello studio e docente di Scienze della Terra all’University College di Londra. “È la prima volta che applichiamo il nostro modello, basato sulla fisica di come si rompono le rocce, in tempo reale a un vulcano.

I terremoti indicano una pressione crescente dal basso. Il modello dei terremoti suggerisce che la crosta non sta rispondendo in modo elastico; invece di allungarsi e piegarsi, si sta fratturando. Non si tratta dei terremoti più intensi che l’area abbia sperimentato negli ultimi decenni, ma la crosta è ora più debole. La resistenza alla trazione, ovvero lo stress massimo che un materiale può sopportare, è oggi di circa un terzo di quella che era nel 1984.

I nostri risultati mostrano che alcune parti del vulcano stanno diventando più deboli. Ciò significa che potrebbe rompersi anche se gli sforzi che lo stanno tirando a parte sono inferiori a quelli dell’ultima crisi 40 anni fa“, ha aggiunto il dottor Nicola Alessandro Pino dell’Osservatorio Vesuviano, che rappresenta l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) a Napoli.

 

L’eruzione più lunga

L’eruzione del 1538 è durata per 8 giorni, a partire dal lunedì 30 settembre. È iniziata con il ritiro del mare e un significativo innalzamento del terreno, superiore a quanto si era verificato nei decenni precedenti, due giorni prima dell’eruzione. Monte Nuovo, il camino vulcanico da cui si è verificata l’eruzione, si è completamente formato entro il 2 ottobre. Monte Novo è uno dei 24 crateri e edifici vulcanici del supervulcano, la maggior parte dei quali si trova sott’acqua.

Nonostante l’interessante modello, ci sono ancora molte cose che non conosciamo su quello che sta accadendo. È molto importante scoprire il più possibile, dal momento che attualmente circa 360.000 persone vivono sul tetto del supervulcano. Monitorare i suoi movimenti e modellare le possibilità è cruciale per la loro sicurezza.

Non possiamo vedere cosa sta accadendo sottoterra. Dobbiamo invece decifrare gli indizi che il vulcano ci offre, come i terremoti e l’innalzamento del terreno“, ha spiegato la dottoressa Stefania Danesi dell’INGV di Bologna.

In conclusione, il Campi Flegrei è un supervulcano geologicamente attivo in Italia. Gli studi e i modelli suggeriscono che la sua crosta potrebbe avvicinarsi alla rottura, aumentando il rischio di un’eruzione futura. È fondamentale continuare a monitorare da vicino il supervulcano e adottare misure precauzionali per garantire la sicurezza delle persone che vivono nella sua area di influenza. La ricerca scientifica continua a fornire preziose informazioni per comprendere meglio il comportamento dei vulcani e prevedere potenziali eventi catastrofici.

Federica Vitale
Federica Vitalehttps://federicavitale.com
Ho studiato Shakespeare all'Università e mi ritrovo a scrivere di tecnologia, smartphone, robot e accessori hi-tech da anni! La SEO? Per me è maschile, ma la rispetto ugualmente. Quando si suol dire "Sappiamo ciò che siamo ma non quello che potremmo essere" (Amleto, l'atto indovinatelo voi!)

Related articles

Intolleranza Alimentare: come riconoscerla, conseguenze e test attendibili

L'intolleranza alimentare è una condizione che colpisce molte persone in tutto il mondo e può avere effetti significativi...

Demenza e la consapevolezza della condizione

La demenza, il termine più generico per raggruppare diverse patologie con sintomi sostanzialmente uguali, è una condizione che...

Cometa di Halley: un affascinante viaggio di ritorno sulla Terra

La Cometa di Halley, uno degli spettacoli celesti più affascinanti e misteriosi, sta per iniziare il suo viaggio...

Soneva Fushi, il primo resort ‘Mosquito Free’ alle Maldive: un paradiso senza zanzare

Alle Maldive, nel cuore dell'Atollo Baa, c'è un angolo di paradiso chiamato "Soneva Fushi". Un resort situato su...