Endometriosi: potrebbe esserci un batterio dietro la condizione

Date:

Share post:

L’endometriosi è una di quella condizioni in cui non esiste al momento una reale risposta sul perché alcune ne soffrono e altri no. Secondo alcuni scienziati però, c’è un potenziale legame tra un tipo di batterio chiamato Fusobacterium e il suo sviluppo. In uno studio condotto da ricercatori dell’Università di Nagoya e di altre istituzioni in Giappone, sono stati analizzati campioni di tessuto di 79 donne con endometriosi e 76 donne sane, rivelando proprio una correlazione con questi batteri.

L’endometriosi si verifica quando cellule simili a quelle del rivestimento dell’utero crescono in altre aree del corpo. I ricercatori hanno trovato i batteri nell’endometrio, il tessuto che riveste l’interno dell’utero, suggerendo il suo coinvolgimento nello sviluppo dell’endometriosi. Hanno scoperto che il 64% dei pazienti con endometriosi presentava un’infiltrazione di Fusobacterium nell’endometrio, rispetto a meno del 10% dei controlli sani.

 

Un batterio dietro l’endometriosi

Ulteriori indagini hanno rivelato che proprio il Fusobacterium riesce attivare il segnale di un’altra sostanza chimica, la TGF-β, che attiva le cellule dormienti. I topi esposti a Fusobacterium hanno mostrato la presenza di cellule attive chiamate miofibroblasti transgelina-positivi, che sono associate alla creazione di tessuti e muscoli e possono contribuire all’endometriosi.

Di fatto questo batterio lo possiamo trovare normalmente all’interno della flora intestale e anche orale, ma in alcune specie ha la capacità di causare dei problemi di salute. I ricercatori hanno quindi condotto un trattamento antibiotico sui topi e ne hanno osservato l’efficacia nella prevenzione dell’endometriosi e nella riduzione delle lesioni correlate, suggerendo che prendere di mira i batteri potrebbe essere un potenziale approccio terapeutico. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per stabilire una relazione definitiva di causa ed effetto tra Fusobacterium ed endometriosi.

Related articles

Scoperto il gene colpevole: la nuova frontiera nella comprensione delle emicranie

L'emicrania, un disturbo neurologico debilitante che affligge milioni di persone in tutto il mondo, ha finalmente trovato una...

Il pensiero riflessivo potenzia il cervello adolescenziale contro la violenza

Il pensiero riflessivo, noto anche come pensiero critico, è la capacità di analizzare e valutare le proprie esperienze...

Marte: una pianta che potrebbe crescere sul pianeta rosso

L'idea ormai sembrerebbe quella di andare a popolare altri corpi celesti, e i motivi possono essere vari. Per...

iPhone SE 4 avrà lo stesso processo produttivo di iPhone 16

Il prossimo smartphone low-cost della mela morsicata, iPhone SE 4 sarà molto più simile ad iPhone 16 di...