I delfini imparano a usare alcuni strumenti con gli amici

Date:

Share post:

I delfini imparano ad usare gli strumenti non solo con i loro genitori, ma anche con i loro coetanei. Lo ha concluso una nuova indagine condotta dagli scienziati dell’Università di Leeds, nel Regno Unito. Secondo il nuovo studio, i cui risultati sono stati pubblicati questa settimana sulla rivista scientifica specializzata Current Biology, è con i loro “amici” che i delfini imparano come usare conchiglie vuote per pescare.

Il nostro studio mostra che il comportamento del foraggiamento, in cui i delfini pescano all’interno di gusci vuoti, si diffonde attraverso l’apprendimento sociale tra colleghi molto stretti“, ha spiegato l’autore principale dello studio, Sonja Wild. “Questo è sorprendente, perché i delfini e altri denti con le balene di solito seguono la strategia di imitare le loro madri per imparare a cercare cibo“, ha continuato il ricercatore dell’Università britannica.

 

Ma cosa imparano esattamente i delfini dai loro colleghi?

Fondamentalmente, questi esemplari seguono la loro preda, che di solito è pesce, e usano conchiglie vuote lasciate sul fondo del mare. Quando il pesce entra nel guscio, i delfini ne approfittano e ne introducono il muso, salendo con esso in superficie, dove lo svuotano in modo che la preda cada loro in bocca.

La scoperta “sottolinea le somiglianze tra i cetacei – il gruppo che comprende delfini, balene focene – e grandi scimmie quando si tratta di trasmettere comportamenti culturali“, ha aggiunto Michael Krützen, coautore del lavoro e scienziato dell’Università di Zurigo, in Svizzera, che ha avviato le indagini.

La ricerca ora pubblicata è il risultato di studi condotti tra il 2007 e il 2018 nella Baia degli squali, in Australia. Durante questo periodo, gli scienziati hanno identificato più di 1.000 delfini indo-pacifici (Tursiops aduncus) e registrato 5.300 incontri di campioni. Inoltre, il team è stato anche in grado di osservare il comportamento di cercare cibo con la buccia in 42 momenti diversi.

Federica Vitale
Federica Vitalehttps://federicavitale.com
Ho studiato Shakespeare all'Università e mi ritrovo a scrivere di tecnologia, smartphone, robot e accessori hi-tech da anni! La SEO? Per me è maschile, ma la rispetto ugualmente. Quando si suol dire "Sappiamo ciò che siamo ma non quello che potremmo essere" (Amleto, l'atto indovinatelo voi!)

Related articles

Scoperto il gene colpevole: la nuova frontiera nella comprensione delle emicranie

L'emicrania, un disturbo neurologico debilitante che affligge milioni di persone in tutto il mondo, ha finalmente trovato una...

Il pensiero riflessivo potenzia il cervello adolescenziale contro la violenza

Il pensiero riflessivo, noto anche come pensiero critico, è la capacità di analizzare e valutare le proprie esperienze...

Marte: una pianta che potrebbe crescere sul pianeta rosso

L'idea ormai sembrerebbe quella di andare a popolare altri corpi celesti, e i motivi possono essere vari. Per...

iPhone SE 4 avrà lo stesso processo produttivo di iPhone 16

Il prossimo smartphone low-cost della mela morsicata, iPhone SE 4 sarà molto più simile ad iPhone 16 di...