Il rivoluzionario ‘mini-cervello’ cresce da tessuto reale con enorme potenziale

Date:

Share post:

Nel mondo della ricerca neuroscientifica, un notevole traguardo è stato raggiunto: la creazione di un “mini-cervello” organoide direttamente dal tessuto di un cervello fetale. Il recente studio pubblicato su Cell ha segnato un passo significativo nel campo della modellazione di cervelli umani in miniatura per la ricerca di laboratorio, superando sfide complesse e aprendo nuove vie di indagine.

A differenza dei metodi precedenti che coinvolgevano la proliferazione di cellule staminali, il team di ricercatori ha sviluppato un organoide cerebrale direttamente dal tessuto cerebrale fetale. Il risultato è una struttura auto-organizzante delle dimensioni di un chicco di riso, priva di pensieri, emozioni o coscienza, ma promettente come valido modello per la ricerca su malattie e disturbi cerebrali, soprattutto in bambini.

L’estrazione del tessuto cerebrale fetale, generalmente ottenuta tramite aborti facoltativi, presenta considerevoli implicazioni etiche, variando tra i Paesi. Tuttavia, questo nuovo approccio offre una prospettiva promettente per la comprensione di condizioni neurologiche come la microcefalia o il cancro al cervello infantile.

Prima di questa svolta, i “mini-cervelli” umani venivano coltivati ​​esclusivamente da cellule staminali, ma gli organoidi tissutali risultano più stabili nello stato di sviluppo, mantenendo una struttura nativa fissa nel tempo.

Nel corso dello studio, piccoli frammenti di tessuto cerebrale fetale hanno dimostrato la capacità di auto-organizzarsi in una struttura tridimensionale a strati, comprendente diversi tipi di cellule, tra cui neuroni e la particolarmente significativa glia radiale, caratteristica specifica dell’uomo non replicata nei modelli di roditori.

Questi organoidi cerebrali hanno sorprendentemente continuato a rispondere agli stessi segnali chimici di un cervello vivente, rimanendo attivi per oltre sei mesi – un periodo significativamente più lungo rispetto agli organoidi basati su cellule staminali.

Manipolando geneticamente gli organoidi per simularne la forma di tumori cancerosi, i ricercatori hanno anche testato farmaci, aprendo nuove strade nella ricerca sui trattamenti.

Il successo del team è stato attribuito in parte alle proteine prodotte dal tessuto cerebrale, che hanno creato una struttura favorevole all’auto-organizzazione delle cellule cerebrali in una complessa struttura tridimensionale.

Questo nuovo modello cerebrale derivato dai tessuti potrebbe rappresentare una svolta nella comprensione di come il cervello in via di sviluppo regola l’identità cellulare, offrendo speranza e ulteriori indizi per combattere le malattie dello sviluppo neurologico.

Immagine di kjpargeter su Freepik

Federica Vitale
Federica Vitalehttps://federicavitale.com
Ho studiato Shakespeare all'Università e mi ritrovo a scrivere di tecnologia, smartphone, robot e accessori hi-tech da anni! La SEO? Per me è maschile, ma la rispetto ugualmente. Quando si suol dire "Sappiamo ciò che siamo ma non quello che potremmo essere" (Amleto, l'atto indovinatelo voi!)

Related articles

Formaggio: buono per il gusto e ottimo per la salute mentale

Il formaggio, nel senso più generale del termine, è un alimento che piace ha una fetta enorme di...

Il misterioso boato sulla costa toscana: ipotesi di un bolide atmosferico

Il 20 giugno 2024, intorno alle 16:30, un forte boato è stato avvertito lungo la costa toscana, dalla...

Recensione Huawei Matepad 11.5″S: tablet dal display speciale

Huawei MatePad 11.5″S è sin da subito il tablet che punta a distinguersi dalla massa per la presenza...

Come il trauma modella la percezione delle immagini e la nostra visione del mondo

Il trauma è una potente forza modellatrice che può influenzare profondamente il nostro modo di vedere il mondo...