Un nuovo studio mappa lo sviluppo dei 20 disturbi psichiatrici più comuni

Date:

Share post:

Vediamo come vanno le cose“. Così si dicono spesso gli psichiatri dopo che a un paziente è stato diagnosticato il primo disturbo, non perché la diagnosi non sia corretta, ma perché gli psichiatri sanno che le diagnosi psichiatriche hanno la tendenza a cambiare nel corso degli anni.

Infatti, al 47% dei pazienti psichiatrici viene diagnosticata una diagnosi diversa entro 10 anni dalla prima diagnosi. Questo è il risultato di un nuovo studio che mappa lo sviluppo diagnostico di oltre 180.000 pazienti psichiatrici in Danimarca.

Uno dei ricercatori alla base dello studio è il Professore Associato di Ricerca Clinica presso il Dipartimento di Medicina Clinica Anders Jørgensen. Non è sorpreso dai risultati ottenuti. “I disturbi mentali sono dinamici. Cambiano nel corso di una vita. Pertanto, non sono sorpreso dal relativamente grande sviluppo diagnostico in questi pazienti“, afferma Anders Jørgensen.

Lo studio mostra quale sviluppo è probabile e quale è improbabile per le 20 diagnosi mentali più comuni. I più incerti, cioè quelli che hanno maggiori probabilità di cambiare, includono le diagnosi di psicosi acuta, dipendenza e depressione.

I più certi, cioè quelli che hanno meno probabilità di cambiare, includono le diagnosi di disabilità funzionale, disabilità fisiche a lungo termine senza causa fisica, disturbi alimentari e disturbi sessuali come ridotto interesse sessuale o disfunzione erettile senza causa fisica.

Lo studio è utile dal momento in cui a un paziente viene diagnosticato il suo primo disturbo, in quanto consente ai medici di consultare lo sviluppo diagnostico di 10 anni di altri pazienti. “I medici che vogliono pianificare il giusto corso di trattamento ed essere in grado di dire ai pazienti cosa possono aspettarsi hanno bisogno di queste cifre. In definitiva, speriamo che possa aiutare a migliorare il trattamento e garantire un follow-up basato sull’evidenza. Più si conosce il probabile decorso della malattia, migliore sarà probabilmente il trattamento“, afferma Anders Jørgensen.

Lo studio è limitato ai pazienti trattati nel sistema sanitario psichiatrico. Ciò significa che le persone che si rivolgono al proprio medico di base e si rivolgono a uno psicologo non sono incluse nello studio. “Guardiamo solo le persone che sono state diagnosticate negli ospedali psichiatrici e che in genere sperimentano decorsi di malattia più gravi rispetto a quelli che prendono un appuntamento con il loro medico di famiglia“, afferma Anders Jørgensen.

 

La depressione è una delle diagnosi più incerte

Tra le tre diagnosi più comuni analizzate nello studio, i pazienti a cui è stato diagnosticato un singolo episodio di depressione hanno il rischio più elevato di ricevere la diagnosi di un nuovo disturbo entro 10 anni. “Secondo lo studio, i pazienti con questa diagnosi hanno una probabilità del 60% di ricevere una nuova malattia entro 10 anni“, afferma la professoressa associata Terese Sara Høj Jørgensen della Sezione di medicina sociale del Dipartimento di sanità pubblica.

Ma i numeri possono ingannare. Perché alla maggior parte (20 percento) di coloro a cui viene diagnosticato un singolo episodio di depressione viene successivamente diagnosticata una depressione periodica, il nome delle depressioni ricorrenti. “Non sorprende che un singolo episodio di depressione possa trasformarsi in depressioni ricorrenti“, afferma Anders Jørgensen.

Accanto alla depressione periodica, il disturbo della personalità e i disturbi della reazione allo stress sono le diagnosi che più probabilmente seguono una diagnosi di depressione. Un disturbo da reazione allo stress si verifica quando un incidente grave come il divorzio o la morte induce il paziente a sviluppare un disturbo mentale simile allo stress o alla depressione.

Anders Jørgensen spera che i nuovi dati possano aiutare a migliorare il trattamento per le persone che soffrono di depressione. “A differenza dei pazienti che sperimentano la loro prima psicosi, attualmente non abbiamo un’opzione di trattamento uniforme per i pazienti che sperimentano la loro prima depressione. Potremmo prendere in considerazione lo sviluppo di tale opzione e le nostre cifre possono supportare lo sviluppo di un trattamento efficace“, afferma Anders Jørgensen.

 

Cosa ha comportato lo studio?

Utilizzando i dati del registro danese, i ricercatori hanno identificato pazienti psichiatrici di età pari o superiore a 18 anni con diagnosi di uno dei 20 disturbi mentali più comuni. Questo ha dato loro un gruppo di 184.949 individui.

I ricercatori hanno osservato come le diagnosi dei pazienti sono cambiate da quando è stata data la prima diagnosi. Hanno usato la cosiddetta analisi di sequenza per analizzare lo sviluppo.

Sviluppo tipico per le tre diagnosi più comuni analizzate nello studio

Depressione: al 60% di coloro a cui viene diagnosticato un singolo episodio depressivo viene diagnosticato un nuovo disturbo entro 10 anni. Il 20% sviluppa depressione periodica, il 10% un disturbo da stress e il 6% un disturbo della personalità.

Dipendenza: al 52% viene diagnosticato un nuovo disturbo entro 10 anni. L’otto per cento sviluppa un  disturbo da stress , il cinque per cento un disturbo della personalità e il cinque per cento schizofrenia. La categoria include tutte le diagnosi di dipendenza come alcol, oppioidi, cannabis ecc. Alcune forme di dipendenza sono più incerte di altre.

Disturbo da reazione allo stress: al 36% viene diagnosticato un nuovo disturbo entro 10 anni. L’otto per cento sviluppa un singolo episodio depressivo, il sette per cento un disturbo della personalità e il sei per cento una depressione periodica.

Federica Vitale
Federica Vitalehttps://federicavitale.com
Ho studiato Shakespeare all'Università e mi ritrovo a scrivere di tecnologia, smartphone, robot e accessori hi-tech da anni! La SEO? Per me è maschile, ma la rispetto ugualmente. Quando si suol dire "Sappiamo ciò che siamo ma non quello che potremmo essere" (Amleto, l'atto indovinatelo voi!)

Related articles

La misteriosa sindrome di Avana non ha risposte

Da meno di una decina di anni si parla di una misteriosa sindrome legata alla capitale di cuba,...

Solitudine nella mezza età: divario crescente tra Stati Uniti ed Europa

Nella società contemporanea, la solitudine nella mezza età si presenta come un fenomeno sempre più diffuso, con un...

Partecipa all’Ora della Terra: Spegni le Luci e Fai la Differenza!

Questo sabato sera, tra le 20:30 e le 21:30, è tempo di fare la differenza per il nostro...

Metformina in gravidanza: effetti contrastanti sullo sviluppo del cervello

La metformina, un farmaco comunemente prescritto per il trattamento del diabete di tipo 2, ha suscitato un dibattito...