Vitamina D: non un segreto per non invecchiare

Date:

Share post:

Invecchiare è un processo irreversibile, almeno allo stato attuale e con le nostre conoscenze, ma sicuramente è rallentabile. Come ci sono molti aspetti che possono di fatto accelerare di molto il naturale decorso del nostro corpo, ci sono accorgimenti che aiutano a rallentarlo. Tra questi sembrerebbe esserci la vitamina D. Detto così non dovrebbe neanche sembrare una scoperta notevole, ma alcuni ricercatori hanno cercato di capire perché effettivamente è così e non lo è.

La vitamina D di per sé è fondamentale per la crescita muscolare e ossea, due aspetti che vanno dalla parte opposta quando si invecchia. Da qui viene naturale pensare di aggiungere alla dieta un’integrazione extra di questa sostanza possa limitare i danni dovuti al tempo. I dati clinici raccolti non mostrano assolutamente un effetto benefico su questi aspetti, come la perdita di tessuto osseo, ma neanche una capacità di guarigione del suddetto.

 

La vitamina D non è così efficace

Le parole di Carmelinda Ruggiero dell’Università di Perugia: “Ad oggi, le prove sono scarse negli esseri umani e si basano principalmente su studi preclinici Modelli. Nonostante l’interesse per l’integrazione di vitamina D come strategia a sostegno della longevità umana e alcune prove sul suo potenziale nel modulare i segni distintivi dell’invecchiamento, siamo ancora lontani dal punto di trasferimento dalla panchina al letto.”

Oltre a questo, quando si parla di assumere qualcosa, seppur non dannosa, arrivando a superare una certa quantità si passa tranquillamente a rischiare. Questo vale soprattutto per l’interazione che la vitamina D può avere su altri farmaci, come quelli per il colesterolo. Considerando che con l’avanzare delle età i farmaci che si prendono aumentano, il rischio c’è.

Related articles

L’Aumento Senza Precedenti della CO2: Un Allarme per il Clima Globale

L'aumento dell'anidride carbonica (CO2) nell'atmosfera è oggi un fenomeno di grande preoccupazione per scienziati e ambientalisti di tutto...

L’autismo e i microbi intestinali: una connessione profonda

L'autismo è un disturbo neurosviluppale complesso che colpisce la comunicazione sociale, i comportamenti ripetitivi e la capacità di...

Prospettive sulla terapia genica per la sindrome del “bambino bolla”

La sindrome del "bambino bolla", scientificamente nota come epidermolisi bollosa (EB), è una malattia genetica rara e devastante...

Nuova speranza per il cancro al cervello: scoperta nell’immunoterapia

Il cancro al cervello, una malattia complessa e spesso devastante, ha da tempo sfidato gli sforzi della comunità...