Nuova truffa su Whatsapp non aprite questo link, emoji e riattivazione

Date:

Share post:

Avete ricevuto un messaggio in cui vi si avvisa che avete il vostro account WhatsApp bloccato? Oppure vi si avvisa di un imminente disattivazione o vi si invita a scaricare nuove ed accattivanti emoji? Come ben sappiamo, questa famosa piattaforma di messaggistica è spesso vittima di truffe. Solo qualche giorno fà, avevamo parlato dell’ ultima truffa che riguarda WhatsApp.

WhatsApp bloccato? Ecco perché  non è possibile.

Dovete sapere che dopo l’ abolizione del pagamento annuale, è impossibile vedere il nostro account WhatsApp bloccato o disabilitato senza un nostro diretto intervento.

Ricordiamo infatti che WhatsApp non richiede nessuna procedura di riattivazione dell’abbonamento, dalla scorsa primavera.  Inoltre il produttore ha promesso,  che nessun pagamento sarà  mai richiesto in futuro e che sarà completamente gratuito per sempre. Da qui,  possiamo dire con la massima certezza,  che messaggi che affermano il contrario sono assolutamente falsi.

Insomma si tratta sicuramente di una truffa ben orchestrata,  che ha come scopo il furto d’ informazioni sensibili e dati personali degli ignari utenti.  A render noto questo ennesimo tentativo è  l’ ormai famosa pagina facebook “Una vita da social” gestita dalla Polizia di Stato.

Le raccomandazioni sono sempre le solite, diffidate da link che vi giungono da chiunque, anche da contati fidati soprattutto se vi chiedono nome, cognome, email e la conferma dello stesso numero di telefono. Questi dati saranno utilizzati per attivare servizi a pagamento non richiesti che non sono affatto collegati con WhatsApp.

Related articles

Potere terapeutico della musica: esplorando i suoni per alleviare lo stress

La musica ha un potere incredibile di influenzare le nostre emozioni e il nostro stato d'animo. In un...

Il Futuro dell’Oceano Atlantico: Chiusura da Gibilterra e un Nuovo Anello di Fuoco in Vista

L'Oceano Atlantico, pur sembrando eterno nella nostra scala temporale, è soggetto al ciclo di Wilson che lo vede...

I nuovi iPad Pro saranno incredibilmente sottili

Manca oramai pochissimo al lancio della nuova generazione di iPad Pro e su internet stanno trapelando sempre più...

Alzheimer prima dei vent’anni: il caso

La maggior parte dei casi di Alzheimer si presentano oltre una certa età, di solito oltre ai 70...