Metamateriali Microscopici MIT: La Scienza che Sfida gli Impatti Supersonici

Date:

Share post:

Il MIT sta guidando la ricerca sulla resistenza agli impatti supersonici grazie a una tecnologia pionieristica: i metamateriali microscopici. In uno studio pubblicato recentemente su Proceedings of the National Academy of Sciences, gli ingegneri del MIT hanno presentato un nuovo approccio per testare la resilienza di queste innovative strutture, aprendo la strada a soluzioni protettive avanzate per varie applicazioni.

I metamateriali sono materiali progettati con architetture microscopiche che conferiscono loro proprietà eccezionali. Gli ingegneri del MIT hanno sospeso minuscoli reticoli di metamateriali tra strutture di supporto microscopiche, poi hanno sparato microparticelle a velocità supersoniche per testare la resilienza degli impatti. L’esperimento ha rivelato che alcune architetture metamateriali sono più resistenti agli impatti supersonici rispetto alle loro controparti solide.

Carlos Portela, professore di sviluppo professionale britannico e Alex d’Arbeloff in ingegneria meccanica al MIT, sottolinea l’importanza della microstruttura, affermando che

“la microstruttura del materiale è importante, anche con una deformazione ad alto tasso.”

Il team mira a identificare strutture resistenti agli urti per creare rivestimenti o pannelli leggeri e protettivi per veicoli spaziali, veicoli, caschi e altro.

Gli esperimenti del MIT coinvolgono microparticelle sparate a velocità supersoniche per testare la resilienza di vari metamateriali. Le immagini catturate con telecamere ad alta velocità mostrano che i metamateriali reticolati resistono agli impatti, mentre i materiali solidi mostrano crepe e danni più gravi.

Il lavoro del MIT si basa su esperimenti precedenti su materiali ultraleggeri a base di carbonio. Questi nuovi test mirano a identificare rapidamente architetture di metamateriali resilienti per sviluppare soluzioni avanzate. Gli ingegneri sono entusiasti della possibilità di eseguire molti di questi esperimenti su un banco di lavoro, accelerando la convalida di materiali nuovi e ad alte prestazioni.

In futuro, il team prevede di utilizzare questo approccio per identificare nuovi progetti di metamateriali adatti a dispositivi protettivi, indumenti, rivestimenti e pannelli più resistenti e leggeri, aprendo nuove prospettive nell’ambito della sicurezza e della protezione.

Foto di JJ Ying su Unsplash

Federica Vitale
Federica Vitalehttps://federicavitale.com
Ho studiato Shakespeare all'Università e mi ritrovo a scrivere di tecnologia, smartphone, robot e accessori hi-tech da anni! La SEO? Per me è maschile, ma la rispetto ugualmente. Quando si suol dire "Sappiamo ciò che siamo ma non quello che potremmo essere" (Amleto, l'atto indovinatelo voi!)

Related articles

Scoperto il gene colpevole: la nuova frontiera nella comprensione delle emicranie

L'emicrania, un disturbo neurologico debilitante che affligge milioni di persone in tutto il mondo, ha finalmente trovato una...

Il pensiero riflessivo potenzia il cervello adolescenziale contro la violenza

Il pensiero riflessivo, noto anche come pensiero critico, è la capacità di analizzare e valutare le proprie esperienze...

Marte: una pianta che potrebbe crescere sul pianeta rosso

L'idea ormai sembrerebbe quella di andare a popolare altri corpi celesti, e i motivi possono essere vari. Per...

iPhone SE 4 avrà lo stesso processo produttivo di iPhone 16

Il prossimo smartphone low-cost della mela morsicata, iPhone SE 4 sarà molto più simile ad iPhone 16 di...