Le alghe: il cibo vegano del futuro che fa bene alla salute

Date:

Share post:

Le alghe potrebbero essere il cibo del futuro, soprattutto per i vegani, grazie alle loro notevoli proprietà potrebbero infatti aiutare a sopperire alcune carenze nutrizionali. I ricercatori hanno infatti scoperto che le microalghe sono, non solo di buon sapore e perfette da mangiare, ma anche ottime fonti di vitamine, minerali e altri nutrienti.

 

Le più comuni alghe da aggiungere ai nostri piatti

Le più comuni tra le alghe adatte al consumo sono quelle già presenti da secoli nella cucina orientale come la wakame (Undaria pinnatifida) e l’alga kombu (Saccharina japonica), entrambe appartenenti alla famiglia delle laminariali.

Ad esse si aggiungono moltissime altre specie di alghe, appartenenti a famiglie diverse, e delle microalghe come la spirulina e la clorella. La spirulina in realtà è impropriamente definita alga, in quanto si tratta di un cianobatterio, mentre la clorella è un alga verde unicellulare.

Tra i composti considerati benefici per la nostra salute presenti nelle alghe, vi è anche la taurina, recentemente al centro di alcuni studi che la collegherebbero a un minor invecchiamento. L’alga nori, quella che si usa per il sushi, è una buona fonte di taurina. L’alga nori in realtà indica comunemente varie specie di alghe del genere Porphyra. Le principali specie utilizzate a scopo alimentare sono: Porphyra tenera (Porphyra umbilicalis), Porphyra yezoensi, Porphyra haitanensis, Porphyra pseudolinearis, Prophyra kunideai, Porphyra arasaki e Porphyra seriata.

 

I benefici per la salute e per la dieta

Alison Smith, professoressa di scienze vegetali all’Università di Cambridge e autrice principale dello studio appena pubblicato, afferma che i minuscoli organismi ricchi di proteine che le microalghe, potrebbero essere particolarmente utili per i vegani, poiché molte diete a base vegetale mancano di nutrienti essenziali, che le alghe possono fornire.

Come spiega Smith “le diete basate esclusivamente su prodotti vegetali sono ottime su molti livelli, ma presentano alcune carenze, e una delle più importanti di queste è la mancanza di vitamina B12. Molti vegani preferirebbero non avere integratori chimici e vorrebbero ottenere la loro vitamina B12 come parte naturale della loro dieta.  Non si può ottenere dalle piante, ma abbiamo scoperto che alcune alghe sono ricche fonti di questa vitamina”.

Una mancanza di vitamina B12 può causare una serie di disturbi neurologici, immunitari e infiammatori, specialmente tra le donne incinte. Oltre alla B12, le microalghe sono buone fonti di aminoacidi essenziali, acidi grassi come omega-3, omega-6 e omega-7, oltre a vitamine tra cui A, D ed E.

Foto di NoName_13 da Pixabay

Valeria Magliani
Valeria Magliani
Instancabile giramondo, appassionata di viaggi, di scoperte e di scienza, ho iniziato l'attività di web-writer perché desideravo essere parte di quel meccanismo che diffonde curiosità e conoscenza. Dobbiamo conoscere, sapere, scoprire e viaggiare, il più possibile. Avremo così una vita migliore, in un mondo migliore.

Related articles

Hai vinto una box UEFA EURO 2024: attenzione alla truffa

In occasione dell'inizio del campionato europeo di calcio 2024, i malintenzionati del web hanno pensato bene di creare...

Recensione Epomaker DynaTab 75X: una tastiera meccanica davvero unica

Epomaker Dynatab 75X non è la classica tastiera meccanica del brand orientale di cui vi abbiamo parlato ampiamente nel...

Scoperti Sette Pianeti Erranti: Misteriosi e Inquietanti

I pianeti erranti sono corpi celesti che non orbitano attorno a una stella. A differenza della Terra e...

Metodo Boost con vitamina B6: speranza per la salute del cervello

Il metodo Boost con vitamina B6 sta guadagnando attenzione crescente nel campo della salute del cervello. Questa vitamina,...