Aviaria nei gatti: diversi casi in Polonia

Date:

Share post:

L’avaria è conosciuta per essere l’influenza dei volatili, ma può anche colpire altri animali. Di recente, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha segnalato dei casi ufficiale tra più di venti gatti in Polonia. Si tratta di un prima volta a livello di numeri di esemplari coinvolti e una regione così circoscritta del pianeta, ma finora non si registrano casi tra le persone.

A preoccupare, relativamente parlando, sono ulteriori esemplari morti da quanto sono arrivate le segnalazioni. Si parla di oltre 45 gatti trovati defunti in 13 regioni diversi della Polonia e a 29 di questi è stata trovata traccia del virus dell’aviaria, H5N1. Quest’ultima è la variante più recente avvistata finora che è stata vista in altri animali  e in diverse parti del mondo.

 

L’aviaria colpisce i gatti in Polonia

La preoccupazione attuale delle autorità sanitarie, tra cui l’Organizzazione Mondiale della Sanità, è un aumento dei contagi tra gli animali, soprattutto tra quelli che hanno uno stretto contatto con le persone. Un passaggio del genere potrebbe voler dire la presenza di una mutazione pericolosa che potrebbe a sua volta far partire un’ulteriore pandemia. Di fatto l’aviaria viene monitorato da molti anni sempre perché c’è il rischio di uno scenario del genere.

Nel 2003 il virus dell’aviaria riuscii a far morire 900 persone mentre allo stesso tempo morirono centinaia milioni di volatili in tutto il mondo. Nell’uomo non riuscì a diffondersi così velocemente da diventare un effettivo pericolo, ma non è detto che un giorno non possa succedere. Attualmente questo rischio non c’è però la situazione può cambiare velocemente.

Related articles

Basso peso alla nascita e declino cognitivo: cause, effetti e interventi

Il basso peso alla nascita (BPN), generalmente definito come un peso inferiore a 5,5 chili, è una condizione...

WhatsApp: in arrivo funzioni AR per migliorare le videochiamate

WhatsApp intende migliorare sensibilmente le videochiamate tra utenti! Scovate all'interno dell'ultima beta dell'app per dispositivi Android, tracce di...

Procrastinare: essere ottimisti potrebbe essere un buon antidoto

La procrastinazione, il rimandare compiti e decisioni a un momento successivo, è un fenomeno comune che può influenzare...

AI Rileva il Parkinson Sette Anni Prima dei Sintomi con Precisione del 100%

Un recente studio pubblicato su Nature Communications ha rivelato un progresso significativo nella diagnosi precoce del morbo di...