Alzheimer: un nuovo studio sui farmaci per testare l’efficacia sulla prevenzione

Date:

Share post:

Un nuovo farmaco ancora in via di approvazione ha dato buoni risultati riguardo la riduzione del declino cognitivo nei pazienti con Alzheimer. Capire se veramente possa essere efficace per prevenire la condizione è la domanda in un nuovo studio clinico di lecanemab, un anticorpo monoclonale. L’unico sito del Michigan, presso l’Università del Michigan cerca partecipanti di età compresa tra 55 e 80 anni che abbiano livelli elevati o intermedi di una proteina chiamata amiloide nel cervello.

Lo screening iniziale del sangue determinerà la possibile presenza di amiloide, il cui accumulo è stato collegato all’Alzheimer. Questa è davvero l’occasione per anticipare il morbo di Alzheimer. Ovviamente ha un enorme impatto, sia in termini di tributo personale, tributo emotivo, tributo economico.  Evitare o rimuovere il fattore di rischio numero 1 è impossibile, ossia l’età.

 

Alzheimer, un possibile farmaco potrebbe prevenire la malattia

Ovviamente ci sono anche altri fattori come la predisposizione genetica è inevitabile e, quando le persone hanno sintomi, probabilmente hanno subito cambiamenti biologici per un decennio o più. Finanziato dal National Institutes of Health e da una filiale statunitense di Eisai, con sede a Tokyo, lo studio, chiamato studio AHEAD, ha più di 100 sedi in tutto il mondo e cerca 1.165 partecipanti dal Nord America. Trovare persone idonee è davvero impegnativo, in quanto la maggior parte dei marcatori non sono idonei. Poiché questo è uno studio su persone con cambiamenti biologici precoci dell’Alzheimer, ma assolutamente nessun deterioramento cognitivo, non sappiamo chi siano queste persone e loro non sanno chi sono.

Lo studio sembrerebbe essere il primo a reclutare una popolazione così giovane a rischio. Le prove fino ad oggi sono state di persone che hanno già l’Alzheimer. Un recente studio ha rilevato che il farmaco ha ridotto i marcatori di amiloide nella malattia di Alzheimer precoce e ha provocato un declino moderatamente inferiore delle misure cognitive e funzionali rispetto al placebo a 18 mesi, ma è stato associato a eventi avversi.  Questa informazione è arrivata dopo che è stato affermato che il lecanemab ha ridotto il declino clinico su scala cognitiva e funzionale del 27% rispetto a coloro che hanno ricevuto un placebo in uno studio su 1.795 persone con insorgenza precoce della malattia.

L’FDA esaminerà il nuovo farmaco e la sua efficacia a gennaio, anche se ha già approvato un farmaco simile, Aduhelm, prodotto dalle stesse aziende, nonostante prove contrastanti sulla sua efficacia. Gli effetti collaterali includono possibili mal di testa al momento dell’infusione o vampate di calore o brividi. C’è anche una piccola possibilità di accumulo di liquidi o perdite di vasi sanguigni nel cervello. A ottobre, la pubblicazione sulla salute Stat ha riferito che il trattamento ha contribuito alla morte di un partecipante allo studio di fase 3. È in corso un’indagine per scoprire quale ruolo potrebbe aver avuto il farmaco in studio.

Coloro che potrebbero prendere in considerazione la partecipazione devono anche sapere che il programma non è banale. A seconda della quantità di accumulo di amiloide nel cervello, le persone devono sottoporsi a infusioni del farmaco o di un placebo ogni due o quattro settimane. Lecanemab interferisce con la formazione di placche, ammassi anormali di amiloide, nel cervello. Queste placche sono una delle due principali patologie dell’Alzheimer. Entrambi hanno coinvolto proteine ​​mal ripiegate o mal gestite. Attualmente non esiste una cura per il morbo di Alzheimer, la causa più comune di perdita di memoria e altre capacità cognitive. Colpisce circa 190.000 adulti di età pari o superiore a 65 anni nel Michigan ed è una delle principali cause di morte nello stato.

Foto di Gerd Altmann da Pixabay

Marco Inchingoli
Marco Inchingoli
Nato a Roma nel 1989, Marco Inchingoli ha sempre nutrito una forte passione per la scrittura. Da racconti fantasiosi su quaderni stropicciati ad articoli su riviste cartacee spinge Marco a perseguire un percorso da giornalista. Dai videogiochi - sua grande passione - al cinema, gli argomenti sono molteplici, fino all'arrivo su FocusTech dove ora scrive un po' di tutto.

Related articles

Stati Uniti vs Apple: causa per monopolio illegale

Un mese di Marzo davvero ricco di novità per il mondo della tecnologia, ed anche di colpi di...

Batteri intestinali: la serotonina nei neonati combatte le allergie

La flora intestinale, comunemente nota come microbiota, ha guadagnato sempre più attenzione negli ultimi anni per il suo...

Profondo impatto delle avversità infantili sulla cognizione e sulla salute mentale

Le avversità infantili rappresentano un terreno fertile per le sfide cognitive e la salute mentale nell'età adulta. L'infanzia...

NASA: sparare il ghiaccio nell’atmosfera per combattere il cambiamento climatico

La NASA ha recentemente annunciato un progetto audace e senza precedenti per affrontare i cambiamenti climatici: sparare milioni...