Scoperta un’antica oasi a forma di cuore in Egitto per San Valentino

Date:

Share post:

Mentre sorvolava l’Egitto, un astronauta della Stazione Spaziale Internazionale ha fotografato un’antica oasi a forma di cuore al confine tra il fiume Nilo e il deserto occidentale. Questa spettacolare immagine è stata pubblicata proprio durante la festa degli innamorati, San Valentino, dall’Osservatorio della Terra della NASA. Conosciuta come l’ Oasi del Faiyum, si estende su più di 1.200 chilometri quadrati ed era formata dall’antico fondale del lago Moeris.

Sebbene questa regione oggi non è cosi popolata, l’oasi ha sostenuto la vita umana per 8.000 anni ed è stata la base delle più ambiziose imprese ingegneristiche dell’antichità. Come già detto l’oasi era un lago scintillante che deve la sua esistenza alle inondazioni stagionali del Nilo; Uno dei primi progetti idrologici nazionale al mondo.

 

Egitto, un’antica oasi a forma di cuore catturata dalla Stazione Spaziale Internazionale

Grazie proprio a questi lavori di ingegneria dell’antichità, il restante fondale del lago rimane un’oasi fertile in grado di supportare villaggi, città, frutteti e fattorie situate nelle regioni vicine che compongono l’oasi. Fornisce risorse a molte specie di uccelli e pesci, nonché alla gazzella cornuta snella in via di estinzione. Bahr Yussef, che collega il Nilo all’Oasi del Faiyum, si formò originariamente come propaggine naturale del fiume. Nel 2300 aC fu ampliato e approfondito in un canale per aiutare a regolare il flusso verso l’oasi. Il canale trasporta acqua dolce e sedimenti nell’area prima di sfociare nel lago Qarun.

Quando le piene del Nilo erano troppo basse, i sovrani dell’antico Egitto a volte prendevano misure audaci. Ci sono prove che una successione di faraoni vissuti circa 4.000 anni fa ha affrontato frontalmente una carenza d’acqua particolarmente grave allargando il Bahr Yussef per restituire manualmente l’acqua alla regione. L’antica civiltà egizia è forse la più conosciuta, ma in questa regione generalmente arida sono pochi i siti con lunghe testimonianze sedimentarie. Questo importante sito detiene potenzialmente uno dei record di cambiamenti ambientali più lunghi al mondo derivanti dagli impatti sia delle civiltà antiche che del clima.

 

Importante sito per l’irrigazione

Per le sue dimensioni e profondità, il lago Moeris era in grado di ricevere lo straripamento del Nilo durante il suo innalzamento e prevenire l’allagamento di città a valle come Menfi. Alla caduta del fiume, le acque del lago defluivano nuovamente attraverso il canale che collegava il fiume al lago, e queste acque erano disponibili per l’irrigazione.  La cattura delle dighe che controllano il canale, e l’uso sconsiderato o doloso del bacino, potrebbero privare gran parte del Basso Egitto di qualsiasi bacino irriguo, poiché tale irrigazione utilizzava solo le acque superficiali del Nilo alluvione.

L’importanza della fortezza al comando del regolatore del canale cessò quando i regni si riunirono. L’abbandono del lago Moeris è causato principalmente dal fatto che il ramo di Lahoun del Nilo è diminuito di dimensioni e ridotto l’uso del bacino. Dal 230 aC il canale fu abbandonato e l’area inondata dal lago Moeris divenne la provincia di Fayoum com’è oggi. Le conchiglie del Nilo si trovano ancora nell’area di Fayoum vicino ai limiti dell’antico lago Moeris.

Ph. Credit: NASA

Marco Inchingoli
Marco Inchingoli
Nato a Roma nel 1989, Marco Inchingoli ha sempre nutrito una forte passione per la scrittura. Da racconti fantasiosi su quaderni stropicciati ad articoli su riviste cartacee spinge Marco a perseguire un percorso da giornalista. Dai videogiochi - sua grande passione - al cinema, gli argomenti sono molteplici, fino all'arrivo su FocusTech dove ora scrive un po' di tutto.

Related articles

Scoperto il gene colpevole: la nuova frontiera nella comprensione delle emicranie

L'emicrania, un disturbo neurologico debilitante che affligge milioni di persone in tutto il mondo, ha finalmente trovato una...

Il pensiero riflessivo potenzia il cervello adolescenziale contro la violenza

Il pensiero riflessivo, noto anche come pensiero critico, è la capacità di analizzare e valutare le proprie esperienze...

Marte: una pianta che potrebbe crescere sul pianeta rosso

L'idea ormai sembrerebbe quella di andare a popolare altri corpi celesti, e i motivi possono essere vari. Per...

iPhone SE 4 avrà lo stesso processo produttivo di iPhone 16

Il prossimo smartphone low-cost della mela morsicata, iPhone SE 4 sarà molto più simile ad iPhone 16 di...