Array

Apple lancia CareKit per monitorare il proprio stato di salute

Date:

Share post:

In occasione dell’evento all’Hall Town di Cupertino, Apple ha presentato CareKit, un nuovo software progettato per aiutare gli sviluppatori nel realizzare applicazioni che consentano alle persone di gestire attivamente le proprie condizioni di salute. Le nuove app permetteranno ai pazienti di tenere traccia dei piani di assistenza sanitaria, dei sintomi e dei farmaci assunti, fornendo approfondimenti che aiutino a comprendere meglio il proprio stato di salute. Grazie al sistema di condivisione delle informazioni con medici, infermieri e familiari, CareKit porterà le persone ad assumere un ruolo attivo sulla salute.

CareKit: nuove applicazioni per monitorare la salute

Jeff Williams, Direttore Operativo di Apple, ha spiegato che la scelta di investire ancora sulla salute delle persone deriva non solo dai grandi benefici che questo può portare, ma anche dal profondo impatto che ResearchKit ha avuto sul piano della ricerca medica, evidenziando come molti degli stessi principi potrebbero aiutare la cura individuale. CareKit rappresenta un sistema innovativo e si pone il compito di dare alle persone gli strumenti giusti per comprendere al meglio tutto ciò che riguarda la loro salute.

carekit_researchkit_schemi_salute

CareKit sarà rilasciato come framework open source il mese prossimo, contenente i primi quattro moduli, progettati dalla Mela per permettere agli sviluppatori di realizzare le prime applicazioni. I quattro moduli in questione sono:

  • Care Card: aiuta le persone a tenere traccia dei proprio piano di assistenza sanitaria e altri elementi, come l’assunzione di farmaci o il completamento di un esercizio di riabilitazione. Le attività potranno essere monitorate automaticamente e registrate grazie ai sensori dell’Apple Watch.
  • Symptom Tacker: consente agli utenti di registrare facilmente i propri sintomi e il proprio stato di salute, come il monitoraggio della temperatura corporea per valutare la presenza di possibili infezioni o la misurazione del dolore o fatica. In questa sezione potrebbero essere inclusi sondaggi, foto della progressione di una ferita e molto altro.
  • Insight Dashboard: permette di creare una mappa dei sintomi in relazione al trattamento farmacologico in atto.
  • Connect: sarà presente anche un sistema di condivisione delle informazioni, in linea diretta con il proprio medico o con un membro della famiglia, per aggiornarli circa il proprio stato di salute.

    CareKit_apple_salute

Il punto di forza di CareKit è dato dall’importante ruolo assunto da ResearchKit nelle ricerca medica. Infatti, le applicazioni sono il sistema migliore ed economico per l’esecuzione di studi clinici di alta qualità, spiegano Ray Dorsey, MD, e David M.Levy, Professore Ordinario di Neurologia presso l’università del Rochester Medical Center. La speranza è che CareKit darà il suo contributo nel colmare il divario tra i risultati delle ricerche e un nuovo trattamento per la cura di malattie neurodegenerative, come il morbo di Parkinson.

carekit_monitoraggio_salute

Dall’altra parte anche gli sviluppatori potranno dare il loro contributo nel consentire ai pazienti di essere seguiti nel progresso post operatorio, nel monitoraggio della salute sulla propria poltrona di casa, nel controllo del diabete, della salute mentale e molto altro.

Sage Bionetworks e l’Università di Rochester stanno usando CareKit per trasformare gli studi basati su ResearchKit in uno strumento prezioso per migliorare l’informazione dei pazienti riguardo la condizione di salute e il trattamento farmacologico da seguire. Anche il Texas Medical Center sta progettando applicazioni per orientare e sostenere i percorsi di cura per oltre 8 milioni di pazienti, con lo scopo di incrementare la loro salute attraverso una connettività migliorata. Il Beth Israel Deaconess Medical Center fornirà invece ai pazienti un quadro più chiaro per la gestione delle cure croniche attraverso dispositivi di controllo che memorizzino i dati in modo sicuro in HealthKit.

carekit_mappa_sintomi

Già alcune applicazioni sono pronte ad avviare la propria attività, come One Drop, Start e Glow. La prima è indirizzata agli affetti da diabete, e consente loro di avere un approccio migliore nella cura della propria patologia. Start aiuta le persone a comprendere l’effettiva funzionalità dei propri antidepressivi. Infine, Glow incorporerà tutti i moduli di CareKit applicandoli alle gravidanze, per guidare le mamme durante l’intero percorso fino alla nascita.

Gianluca Belloni
Gianluca Belloni
Influencer, Blogger e Studente di Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, appassionato di tecnologia, web marketing, fotografia, viaggi e lifestyle. Ho iniziato a lavorare con internet nel 2012 quando ho acquistato il mio primo MacBook, ma la mia passione per le cose da "nerd" nasce quando ero bambino. Mi piace condividere le mie idee e opinioni riguardo ciò che mi appassiona, ma soprattutto restare informato e informare sulle ultime novità in campo tecnologico.

Related articles

Recensione Fujifilm Instax Mini 99: una instant camera dal sapore vintage

Fujifilm Instax Mini 99 è l'ultima instant camera dell'azienda nipponica, rappresentante un chiaro messaggio d'amore alla fotografia del passato,...

Neurogenesi: migliorarla per il trattamento del Parkinson

Il morbo di Parkinson è una malattia neuro degenerativa caratterizzata dalla perdita di neuroni dopaminergici nella substantia nigra,...

La recente tempesta solare è stata così intensa che si è fatta sentire sul fondo del mare

Una potente tempesta solare ha generato aurore spettacolari visibili alle quali in molti hanno avuto la fortuna di...

Alcol: quanto tempo impiega il nostro cervello per riparare i danni?

L'alcol è una sostanza che può avere effetti profondamente negativi sul cervello umano, causando danni che possono variare...