Caffè: berlo può aiutare a ridurre colesterolo e glicemia

Date:

Share post:

Il caffè è una bevanda amata da milioni di persone in tutto il mondo, grazie al suo aroma irresistibile e al suo effetto energizzante. Tuttavia, recenti scoperte hanno evidenziato che il caffè può offrire benefici ancora più sorprendenti quando viene consumato senza un ingrediente aggiuntivo. Questo segreto per una bevanda ancora più salutare può avere un impatto significativo sulla salute metabolica, abbattendo la glicemia e il colesterolo. Molti non sanno che è pure in grado di scaldare le mani e i piedi.

È fantastica per migliorare la circolazione sanguigna e risulta una vera alleata per immagazzinare energia. Ed è per questo motivo che è molto consigliata a tutte le donne che soffrono di dolori mestruali molto forti. Il caffè contiene una miscela complessa di composti bioattivi, tra cui caffeina, acidi clorogenici e polifenoli, che possono influenzare diversi aspetti della salute. Studi scientifici hanno dimostrato che il consumo moderato di caffè è associato a una riduzione del rischio di malattie cardiovascolari e diabete di tipo 2.

 

Caffè, berlo senza questo ingrediente può ridurre il colesterolo e glicemia

Gli acidi clorogenici presenti nel caffè sono stati collegati a una riduzione del colesterolo LDL (“cattivo”) nel sangue. Questi composti possono aiutare a prevenire l’ossidazione delle lipo proteine a bassa densità, riducendo così il rischio di accumulo di placca nelle arterie e di malattie cardiovascolari. La caffeina presente nel caffè può influenzare anche il metabolismo del glucosio. Studi hanno dimostrato che la caffeina può aumentare la sensibilità all’insulina e migliorare il metabolismo del glucosio, aiutando così a controllare la glicemia.

Molti degli effetti benefici del caffè sulla salute metabolica sono ottenuti quando il caffè è consumato senza l’aggiunta di zucchero. Lo zucchero aggiunto al caffè può annullare alcuni dei suoi effetti positivi, poiché può contribuire all’aumento dei livelli di zucchero nel sangue e al deterioramento della salute metabolica. Per coloro che desiderano un caffè dolce senza aggiungere zucchero, esistono alternative dolcificanti naturali, come lo stevia o l’eritritolo, che possono essere utilizzati al posto dello zucchero. Queste alternative possono fornire il dolce desiderato senza gli effetti negativi dello zucchero aggiunto.

Per massimizzare i benefici per la salute metabolica, è consigliabile consumare il caffè in modo moderato, generalmente non più di tre o quattro tazze al giorno. È anche importante evitare l’aggiunta di zucchero o di dolcificanti artificiali che possono annullare gli effetti positivi del caffè sulla salute. Consumato con moderazione e senza aggiunta di zucchero, il caffè può offrire una serie di benefici per la salute metabolica, contribuendo a ridurre il rischio di malattie cardiovascolari e diabete di tipo 2. Incorporare il caffè senza zucchero nella routine quotidiana potrebbe essere un passo semplice ma efficace verso un migliore benessere metabolico.

Immagine di denamorado su Freepik

Annalisa Tellini
Annalisa Tellini
Musicista affermata e appassionata di scrittura Annalisa nasce a Colleferro. Tuttofare non si tira indietro dalle sfide e si cimenta in qualsiasi cosa. Corista, wedding planner, scrittrice e disegnatrice sono solo alcune delle attività. Dopo un inizio su una rivista online di gossip Annalisa diventa anche giornalista e intraprende la carriera affidandosi alla testata FocusTech per cui attualmente scrive

Related articles

L’Aumento Senza Precedenti della CO2: Un Allarme per il Clima Globale

L'aumento dell'anidride carbonica (CO2) nell'atmosfera è oggi un fenomeno di grande preoccupazione per scienziati e ambientalisti di tutto...

L’autismo e i microbi intestinali: una connessione profonda

L'autismo è un disturbo neurosviluppale complesso che colpisce la comunicazione sociale, i comportamenti ripetitivi e la capacità di...

Prospettive sulla terapia genica per la sindrome del “bambino bolla”

La sindrome del "bambino bolla", scientificamente nota come epidermolisi bollosa (EB), è una malattia genetica rara e devastante...

Nuova speranza per il cancro al cervello: scoperta nell’immunoterapia

Il cancro al cervello, una malattia complessa e spesso devastante, ha da tempo sfidato gli sforzi della comunità...