Cannabis: quanto persiste nel corpo umano?

Date:

Share post:

Il consumo di cannabis è un tema di crescente interesse, sia a livello medico che ricreativo. Gli scienziati hanno recentemente compiuto passi significativi nel comprendere quanto a lungo il principio attivo della cannabis, il THC, rimanga tracciabile nel corpo umano. Questa ricerca ha importanti implicazioni per i test di droga, la sicurezza stradale e la salute generale dei consumatori di cannabis.

Un recente studio condotto da un gruppo di ricercatori ha portato alla luce una scoperta archeologica di rilievo: la prima prova concreta che i composti psicoattivi della cannabis, come il tetraidrocannabinolo (THC) e il cannabidiolo (CBD), possono persistere nelle ossa umane ben oltre la morte. In una precedente ricerca dello stesso team, furono rinvenute tracce di oppio in campioni di ossa craniche e tessuto cerebrale ben conservato. Questo ha spinto gli autori a estendere la loro indagine ai femori, ossa lunghe prelevate dai resti umani della cripta, per esaminare la presenza di sostanze associate all’uso di piante medicinali o ricreative.

 

Cannabis, quanto persiste nel corpo umano?

Gli studi condotti sul metabolismo del THC indicano che il corpo umano converte rapidamente il THC in metaboliti, in particolare il 11-nor-9-carbossi-THC (THC-COOH). Questo metabolita è spesso il bersaglio dei test di droga, poiché rimane più a lungo nel corpo rispetto al THC stesso. Uno degli aspetti più interessanti emersi dalla ricerca è la notevole variabilità individuale nel tempo di eliminazione del THC. Mentre alcuni individui possono eliminare il THC rapidamente, altri possono conservarlo nel loro sistema per periodi più prolungati. Fattori come il metabolismo individuale, la frequenza di consumo e la quantità assunta giocano un ruolo critico in questo contesto.

La via di assunzione della cannabis gioca un ruolo fondamentale nella durata della persistenza del THC nel corpo. Gli studi indicano che l’inalazione di fumo o vapori può portare a un’eliminazione più rapida rispetto all’assunzione orale, in quanto il fegato converte il THC in metaboliti in modo più efficiente quando assorbito attraverso il sistema respiratorio. La comprensione dei tempi di persistenza del THC è di particolare importanza per i test di droga, utilizzati comunemente in ambienti lavorativi o nelle forze dell’ordine. Gli esperti stanno cercando di stabilire limiti temporali più accurati per tali test, considerando la variabilità individuale e i diversi modi di consumo.

La relazione tra il consumo di cannabis e la guida sotto l’effetto della sostanza è un tema dibattuto. La scoperta dei tempi di persistenza del THC ha implicazioni rilevanti per la sicurezza stradale, poiché è necessario comprendere quanto tempo dopo il consumo la guida possa essere influenzata. Dall’altra parte, la ricerca sulla persistenza del THC ha implicazioni anche per l’uso medico della cannabis. Gli studiosi stanno esaminando come il tempo di permanenza del THC nel corpo possa influenzare la gestione del dolore cronico e altre condizioni mediche trattate con cannabis.

In conclusione, la scoperta dei tempi di persistenza del THC nel corpo è un passo significativo nel comprendere meglio gli effetti della cannabis sul corpo umano. Questa conoscenza è fondamentale per sviluppare politiche informate, implementare test di droga più accurati e fornire un quadro più completo per la sicurezza pubblica e la gestione della salute dei consumatori di cannabis. Tuttavia, è importante sottolineare che la ricerca in questo campo è in corso, e nuove scoperte potrebbero continuare a plasmare la nostra comprensione del rapporto tra il THC e il corpo umano.

Immagine di jcomp su Freepik

Annalisa Tellini
Annalisa Tellini
Musicista affermata e appassionata di scrittura Annalisa nasce a Colleferro. Tuttofare non si tira indietro dalle sfide e si cimenta in qualsiasi cosa. Corista, wedding planner, scrittrice e disegnatrice sono solo alcune delle attività. Dopo un inizio su una rivista online di gossip Annalisa diventa anche giornalista e intraprende la carriera affidandosi alla testata FocusTech per cui attualmente scrive

Related articles

Cecità e intestino: il collegamento tramite i batteri

L'importanza per la nostra salute che ha l'intestino sta venendo scoperta sempre di più negli ultimi. Rivesta un...

Protesi visive: un grande passo verso una nuova visione

Negli ultimi decenni, i progressi nella tecnologia delle protesi hanno portato a incredibili innovazioni nel campo della medicina...

Neanderthal Sorprendentemente Tecnologici: La Scoperta degli Antichi Adesivi Rivelati dagli Scienziati

La recente analisi di antichi strumenti risalenti a 40.000 anni fa ha gettato nuova luce sulla straordinaria abilità...

Aritmie Cardiache: l’innovativo impianto cardiaco ultra sottile

Le aritmie cardiache rappresentano una sfida significativa per i pazienti e i medici, richiedendo soluzioni innovative per il...