Covid-19: la risonanza magnetica rivela anomalie cerebrali post malattia

Date:

Share post:

Lo studio di neuroimaging ha rilevato dei cambiamenti cerebrali davvero significativi nelle persone con Long Covid. Questi cambiamenti erano soprattutto presenti nelle aree associate alla comprensione del linguaggio, alla cognizione e al controllo del nostro ritmo circadiano sei mesi dopo aver avuto la malattia. Utilizzando un tipo di risonanza magnetica gli esperti hanno scoperto questi cambiamenti nel nostro cervello.

Secondo i CDC circa un adulto su 5 sarà affetto da sintomi a lungo termine del Covid-19. I sintomi neurologici associati al Long Covid includono difficoltà di pensiero o concentrazione, mal di testa, problemi di sonno, vertigini, sensazione di formicolio, cambiamento dell’olfatto o del gusto e depressione o ansia. Gli ultimi studi hanno anche suggerito che il Covid-19 è associato ad alterazioni del cuore, polmoni e altri organi anche in pazienti asintomatici.

 

Covid-19, la risonanza magnetica ci rivela cambiamenti cerebrali dopo la malattia

Per questo studio, i ricercatori hanno utilizzato l’imaging ponderato per la suscettibilità per analizzare gli effetti che Covid-19 ha sul cervello. La suscettività magnetica indica quanto determinati materiali, come sangue, ferro e calcio, si magnetizzeranno in un campo magnetico applicato. Questa capacità aiuta a monitorare una serie di condizioni neurologiche, come ictus, tumori e malformazioni vascolari. Gli studi a livello di gruppo non si sono precedentemente concentrati sui cambiamenti di Covid-19 nella suscettibilità magnetica del cervello, nonostante diversi casi clinici segnalassero tali anomalie.

Il nuovo studio ha quindi evidenziato questo aspetto sugli effetti neurologici dell’infezione e riporta anomalie significative nelle persone sopravvissute alla malattia. I ricercatori hanno analizzato i dati di imaging ponderati per la suscettibilità di 46 pazienti guariti dall’infezione e 30 controlli sani. L’imaging è stato eseguito entro sei mesi dal recupero. Tra i pazienti con Long Covid, i sintomi più comunemente riportati sono stati affaticamento, disturbi del sonno, mancanza di attenzione e problemi di memoria. La suscettibilità può riflettere la presenza di quantità anormali di composti paramagnetici, mentre una minore suscettibilità potrebbe essere causata da anomalie come la calcificazione o la mancanza di molecole paramagnetiche contenenti ferro.

 

Stanchezza, insonnia, depressione sono collegati a precise aree del cervello

I risultati della risonanza magnetica hanno riportato che i pazienti che si sono ripresi da Covid-19 avevano valori di suscettibilità significativamente più alti nel lobo frontale e nel tronco cerebrale rispetto ai controlli sani. I cluster ottenuti nel lobo frontale mostrano principalmente differenze nella sostanza bianca. Queste regioni del cervello sono collegate a stanchezza, insonnia, ansia, depressione, mal di testa e problemi cognitivi. I ricercatori hanno anche trovato una differenza significativa nella regione del diencefalo ventrale destro del tronco encefalico.

Questa regione è associata a molte funzioni corporee cruciali, tra cui il coordinamento con il sistema endocrino per il rilascio di ormoni, la trasmissione di segnali sensoriali e motori alla corteccia cerebrale e la regolazione dei ritmi circadiani. Tuttavia, i punti temporali longitudinali nell’arco di un paio d’anni chiariranno se esiste un cambiamento permanente. I ricercatori stanno conducendo uno studio longitudinale sulla stessa coorte di pazienti per determinare se queste anomalie cerebrali persistono per un periodo di tempo più lungo.

Foto di Dmitriy Gutarev da Pixabay

Marco Inchingoli
Marco Inchingoli
Nato a Roma nel 1989, Marco Inchingoli ha sempre nutrito una forte passione per la scrittura. Da racconti fantasiosi su quaderni stropicciati ad articoli su riviste cartacee spinge Marco a perseguire un percorso da giornalista. Dai videogiochi - sua grande passione - al cinema, gli argomenti sono molteplici, fino all'arrivo su FocusTech dove ora scrive un po' di tutto.

Related articles

L’impatto emotivo del rifiuto è equivalente al dolore fisico

Il rifiuto, un'esperienza universale nell'interazione umana, ha dimostrato di avere un impatto emotivo profondo, spesso paragonabile al dolore...

Eclissi Solari nel Prossimo Decennio: 2026-2034

Tra il 2026 e il 2034, ci saranno diverse eclissi solari visibili in diverse parti del mondo, offrendo...

WhatsApp: arriva la sezione dei contatti online di recente

Un'interessante novità è stata scovata in queste ore all'interno dell'ultima beta dell'app WhatsApp per dispositivi Android. Di che...

Cambiamenti climatici: perché l’inflazione può influenzarli?

Negli ultimi decenni, l'inflazione è diventata una delle principali preoccupazioni economiche a livello globale. Allo stesso tempo, i...