Array

Ecco il bracciale che aiuterà i non vedenti a “vedere” gli oggetti

Date:

Share post:

Gli studenti di un’università privata del Nicaragua ha creato un braccialetto che permetterà alle persone non vedenti di individuare gli oggetti utilizzando frequenze radio e vibrazioni. Una nuova tecnologia in grado di aiutare chi ha problemi di vista e che si pone di diritto sul mercato dei wearable in modo deciso, e non per il consueto fattore moda. 

Il bracciale, creato da un gruppo di studenti di ingegneria e medicina presso l’Università Cattolica Unica, è un dispositivo che funziona grazie alla relazione tra la vibrazione del bracciale stesso e la distanza tra la persona e l’oggetto da raggiungere. Ne spiega il funzionamento lo studente Kevin Morales, uno dei creatori.

Così sarà il bracciale una volta completato

L’oggetto, per essere facilmente identificato, dovrà avere un adesivo o una decalcomania con un microchip che attiverà il movimento e lo renderà individuabile dal resto degli oggetti circostanti.

Internet

Se la persona non vedente è a 20 metri di distanza, il bracciale emette una vibrazione ripetendola quattro volte ogni 10 secondi; se si trova ad una distanza di 10 metri, la vibrazione aumenterà di cinque volte ogni 10 secondi.

Internet

Insomma, più la persona si avvicinerà all’oggetto, più la vibrazione sarà costante. In tal modo, la persona potrà pianificare gli oggetti che desidera cercare.

L’idea del bracciale nasce con la richiesta formulata dalla Fondazione Telethon per il concorso “Ideaton”, a fine maggio. L’iniziativa ha caratteristiche accademiche, ma ha trovato il sostegno del pubblico. tanto che “potrebbe essere adattata per le strade pubbliche e per i centri commerciali“. Una bella iniziativa, nonché un modo per mettere la tecnologia a disposizione delle persone con questo tipo di problemi.

Related articles

Svelando i Misteri dell’Universo: Una Rovesciante Visione del Cosmo

Nell'oscurità profonda dello spazio cosmico, si cela un mistero ancora più grande della nostra comprensione: i tachioni. Queste...

Scoperte rivoluzionarie sull’accumulo di proteine nell’Alzheimer

L'Alzheimer continua a rappresentare una delle sfide più significative per la salute pubblica del nostro tempo. Mentre la...

ChatGPT: altruismo e cooperazione oltre la media umana?

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS) solleva interrogativi sul comportamento...

WhatsApp: presto si potrà mettere mi piace agli stati

Gli aggiornamenti di stato di WhatsApp continuano ad arricchirsi di novità. Dopo aver avviato lo sviluppo di una...