Felicità: portiamola nella nostra vita con questi semplici consigli

Date:

Share post:

La felicità è uno dei desideri più profondi dell’essere umano, ma spesso sembra sfuggire dalle nostre mani. Tuttavia, ci sono abitudini rivoluzionarie che possiamo adottare per coltivare e portare più felicità nella nostra vita. Possiamo anzi affermare che la ricerca della felicità è ciò che muove i nostri passi, che guida le nostre scelte e che, in qualche modo, segna il nostro destino. La gratitudine è un potente strumento per aumentare la felicità. Ogni giorno, prendiamoci un momento per riflettere su ciò per cui siamo grati.

Focalizzarsi sulle cose positive nella vita aiuta a spostare l’attenzione dai problemi e dalle preoccupazioni, favorendo un senso di apprezzamento per le piccole gioie. Possiamo tenere un diario della gratitudine, annotando almeno tre cose per cui siamo grati ogni giorno, o semplicemente dedicare alcuni minuti a meditare sulla gratitudine. Sappiamo bene e celo dicono un po’ tutti che il cibo ci rende felici, ma ovviamente parliamo di cibo sano. Una dieta sana, ricca di cibi fibre e vitamine, composta da cereali integrali, frutta e verdura fresca, priva di alimenti super grassi e altamente trasformati: questo regime alimentare, che potrebbe sembrare noioso e poco gratificante per il palato, racchiude in realtà il segreto di una vita felice.

 

Felicità, ecco come portarla nella nostra vita con dei consigli

Al contrario mangiare spesso cibi zuccherati o trasformati invece ci porta dentro un circolo vizioso di dipendenza come l’alcol o il fumo. Tuttavia la scarica di dopamina generata da questi cibi dura sempre di meno, sostituita in fretta da una sensazione di tristezza e di malinconia, e noi dobbiamo ricorrere all’assunzione di altri dolciumi o prodotti calorici per sentirci nuovamente appagati. A poco a poco, non avvertiamo più il gusto del cibo, che diventa solo una valvola di sfogo delle nostre frustrazioni o dello stress accumulato durante la giornata. Tornare a un’alimentazione sana e genuina, disintossicarsi dal cibo spazzatura e dallo stimolo della fame nervosa, è un processo lungo che richiede tempo ma che ci condurrà a una relazione sempre più serena e felice con ciò che abbiamo nel piatto.

Le connessioni umane sono fondamentali per la felicità duratura. Investiamo tempo ed energia per coltivare relazioni significative con amici, familiari e partner. Cerchiamo di stabilire connessioni profonde e autentiche, basate sulla fiducia, la comprensione reciproca e il sostegno reciproco. Dedichiamo del tempo di qualità agli altri, ascoltiamo attentamente e mostriamo interesse genuino per le loro vite. Le relazioni significative arricchiscono la nostra esistenza e ci aiutano a sperimentare gioia e felicità condivise. Anche di fare esercizio fisico se ne parla molto e può portarci alla felicità. Muoversi fa bene al nostro corpo a tutte le età: allontana il rischio di malattie e morte precoce, ci dona un aspetto fisico tonico, ci rende più energici e capaci di compiere tante attività. Ma non solo,  praticare sport rilascia nel nostro organismo una benefica dose di dopamina di alta qualità e ci fa sentire meglio anche dal punto di vista psicologico, ecco perché, dopo ogni allenamento, ci sentiamo stranamente felici.

 

Cercare la realizzazione personale

Per sperimentare una felicità autentica, è essenziale cercare il significato e la realizzazione personale. Chiediamoci cosa ci appassiona, quali sono i nostri valori fondamentali e cosa desideriamo realizzare nella vita. Poi, lavoriamo verso questi obiettivi con impegno e determinazione. Troviamo modi per mettere in pratica i nostri talenti, impegnamoci in attività che ci ispirano e contribuire al bene degli altri. La sensazione di realizzazione personale e il vivere una vita allineata con i valori sono fonti di felicità duratura. Viviamo le nostre giornate animati dalla fretta, dalla folle smania di svolgere l’infinita serie di compiti scritti sulla nostra to do list.

Siamo così proiettati verso il futuro, verso la prossima azione da compiere, che non riusciamo più a goderci il presente, a vivere consapevolmente l’attimo in cui ci troviamo ora. Questo, ovviamente, pregiudica molto la nostra percezione della felicità. Siamo in vacanza ma pensiamo già a quando dovremo tornare al lavoro, siamo a cena con la famiglia ma la nostra mente è proiettata altrove, non ci godiamo il weekend o la passeggiata perché stiamo già pensando a quello che viene dopo. Il consiglio è di fermarsi un attimo a riflettere e a contemplare la bellezza del momento presente con consapevolezza: la felicità è fatta di momenti semplici, di cose semplici, ed esiste già adesso nella nostra vita, solo che siamo troppo distratti per accorgercene.

Foto di Pexels da Pixabay

Annalisa Tellini
Annalisa Tellini
Musicista affermata e appassionata di scrittura Annalisa nasce a Colleferro. Tuttofare non si tira indietro dalle sfide e si cimenta in qualsiasi cosa. Corista, wedding planner, scrittrice e disegnatrice sono solo alcune delle attività. Dopo un inizio su una rivista online di gossip Annalisa diventa anche giornalista e intraprende la carriera affidandosi alla testata FocusTech per cui attualmente scrive

Related articles

Basso peso alla nascita e declino cognitivo: cause, effetti e interventi

Il basso peso alla nascita (BPN), generalmente definito come un peso inferiore a 5,5 chili, è una condizione...

WhatsApp: in arrivo funzioni AR per migliorare le videochiamate

WhatsApp intende migliorare sensibilmente le videochiamate tra utenti! Scovate all'interno dell'ultima beta dell'app per dispositivi Android, tracce di...

Procrastinare: essere ottimisti potrebbe essere un buon antidoto

La procrastinazione, il rimandare compiti e decisioni a un momento successivo, è un fenomeno comune che può influenzare...

AI Rileva il Parkinson Sette Anni Prima dei Sintomi con Precisione del 100%

Un recente studio pubblicato su Nature Communications ha rivelato un progresso significativo nella diagnosi precoce del morbo di...