La variante EG.5 del COVID-19: cosa la rende così diversa?

Date:

Share post:

Negli ultimi mesi, una nuova variante del coronavirus ha attirato l’attenzione negli Stati Uniti e ha causato un aumento dei casi di COVID-19 e delle ospedalizzazioni a livello nazionale. Conosciuta come EG.5 o ‘Eris’, questa variante dell’omicron è stata identificata come la causa predominante dei casi attuali di COVID-19. Sebbene non sembri causare sintomi gravi da sola, la sua capacità di eludere gli anticorpi delle persone precedentemente infettate o vaccinate ha suscitato preoccupazioni tra gli esperti e la comunità medica.

 

EG.5: rapida diffusione e aumento delle ospedalizzazioni negli USA

Secondo i dati forniti dai Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie (CDC) fino al 5 agosto, le infezioni da variante EG.5 costituivano il 17,3% di tutti i casi di COVID-19 negli Stati Uniti. Nonostante il suo impatto sulla gravità dei sintomi non sembri essere più forte rispetto ad altre varianti, la sua rapida diffusione è coincisa con un marcato aumento delle ospedalizzazioni per COVID-19 nel Paese. Nella prima settimana di agosto, le ospedalizzazioni per COVID-19 sono aumentate del 12,5%, con un totale di 9.056 persone ricoverate in ospedale a causa della malattia.

Gli esperti di epidemiologia indicano che, a differenza delle varianti precedenti, l’EG.5 è più resistente agli anticorpi generati da infezioni precedenti o vaccinazioni, il che ha contribuito in modo significativo all’aumento delle visite al pronto soccorso e delle ospedalizzazioni.

 

Impatto dell’EG.5 sull’immunità

La variante EG.5 non sembra causare sintomi più gravi rispetto ad altre varianti del virus, ma la preoccupazione sta nella sua capacità di eludere l’immunità acquisita, rendendola una sfida maggiore per gli sforzi di controllo e prevenzione.

Si è ipotizzato che l’aumento delle ospedalizzazioni potrebbe essere il risultato di vari fattori, tra cui la graduale diminuzione dell’immunità nel tempo e l’influenza di ondate di calore che hanno colpito gli Stati Uniti quest’anno. Nonostante queste preoccupazioni, è importante sottolineare che i tassi attuali di ospedalizzazione rimangono relativamente bassi rispetto a momenti critici della pandemia.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha classificato la variante EG.5 come una variante sotto sorveglianza, suggerendo che il suo comportamento e la sua diffusione stanno venendo attentamente monitorati in tutto il mondo.

 

Sfide e precauzioni in mezzo alle incertezze

Anche se esistono ancora alcune incertezze riguardo alla nuova variante EG.5, come il suo vero contributo all’aumento generale dei casi e delle ospedalizzazioni, gli esperti sanitari avvertono di non cadere nel panico. Alcuni epidemiologi suggeriscono che fattori come l’aumento delle infezioni potrebbero essere legati a condizioni climatiche, come ondate di calore che hanno portato più persone a rifugiarsi in edifici con aria condizionata, favorendo la diffusione del virus.

Davanti a questi sviluppi, è consigliabile rimanere informati e seguire le raccomandazioni degli ufficiali sanitari. Le linee guida attuali, che includono sorveglianza costante, attenzione ai sintomi e rimanere aggiornati con i vaccini, rimangono essenziali per ridurre al minimo il rischio di infezione e diffusione del virus.

Protezione adattata contro il COVID-19

Per quanto riguarda la risposta medica, è stato annunciato un nuovo richiamo monovalente per i vaccini contro il COVID-19. A differenza dei richiami precedenti, questa versione si basa sulla variante XBB. Anche se potrebbe non corrispondere completamente alla variante in circolazione, gli esperti sono fiduciosi che offrirà comunque una protezione adeguata. Prima che questo richiamo possa essere distribuito, deve ricevere l’approvazione della Food and Drug Administration (FDA) e avere il sostegno della raccomandazione dei CDC.

Si prevede che sarà disponibile in autunno, coincidendo con l’aumento stagionale dei casi e delle ospedalizzazioni. Anche se ci si aspetta che il richiamo sia pronto entro la fine di settembre, la sua disponibilità diffusa potrebbe ritardare fino a metà ottobre.

Federica Vitale
Federica Vitalehttps://federicavitale.com
Ho studiato Shakespeare all'Università e mi ritrovo a scrivere di tecnologia, smartphone, robot e accessori hi-tech da anni! La SEO? Per me è maschile, ma la rispetto ugualmente. Quando si suol dire "Sappiamo ciò che siamo ma non quello che potremmo essere" (Amleto, l'atto indovinatelo voi!)

Related articles

Anker Solix Solarbank 2: capacità maggiorata e microinverter integrato

Anker Solix è a tutti gli effetti uno dei marchi leader per le soluzioni elettriche da balcone o da giardino, consapevole del...

Narcisismo nelle donne: impatti sulla violenza da parte del partner e sul bullismo

Il narcisismo è una condizione psicologica caratterizzata da un senso esagerato di importanza personale, necessità di ammirazione e...

Nankurunaisa: la filosofia giapponese del “Con il tempo si sistema tutto”

Il Giappone è una terra ricca di cultura, tradizione e saggezza millenaria. Tra le numerose espressioni e concetti...

Cellule staminali intestinali: una rivoluzione nella medicina rigenerativa

Negli ultimi anni, la scoperta e lo studio delle cellule staminali hanno aperto nuove prospettive nella medicina rigenerativa,...