Array

Le bandiere americane sulla luna: ormai si stanno disintegrando

Date:

Share post:

La prima bandiera ad esser stata piantata sulla luna risale al 1969, quando Neil Armstrong mise piede per primo sul suolo lunare e trascorse due ore e mezza al di fuori della navicella, esplorando quello che, fino ad allora, era territorio oscuro all’intera umanità.

apollo 11
Questo è un piccolo passo per un uomo, ma un grande balzo per l’umanità.

Secondo alcuni recenti studi, dopo 48 anni la famosa bandiera americana sta letteralmente cadendo a pezzi.
Attraverso le riprese del Lunar Reconnaissance Orbiter, un orbiter destinato allo studio della Luna lanciato nel 2009, viene mostrato come almeno cinque delle sei bandiere americane siano ancora in piedi, ma i cui colori sono stati stinti dai decenni di luce solare accecante.
Alcuni scienziati impegnati nel caso temono che le bandiere si possano trovare in condizioni anche peggiori, è probabile che alcune di esse siano ridotte a brandelli.

orbiter
In questa foto scattata dal Lunar Reconneissance Orbiter possiamo vedere il sito dell’allunaggio dell’Apollo 17, a destra il LRV (Lunar Rover Vehicle) ormai abbandonato e in alto quasi al centro l’ombra della bandiera USA, che risulta essere ancora in piedi.

Il motivo per cui le bandiere sulla luna si stanno disintegrando sono i raggi ultravioletti, che sulla luna non vengono filtrati da nessuna atmosfera, tenendo in considerazione il fatto che le stesse bandiere che furono piantate sul suolo lunare vennero prodotte, da un’azienda americana, in rayon (una fibra trasparente che si ottiene dalla cellulosa) la quale si deteriora proprio in base all’esposizione al sole.
Quelle celebri bandiere che accompagnarono le varie spedizioni degli astronauti americani sulla luna furono comprate dalla NASA alla Annin Flagmakers per soli 5 dollari e 50 cents (che corrispondono ad oggi a circa 30 dollari).
Quindi se si considera che il suolo lunare riceve raggi ultravioletti non filtrati nemmeno in parte da una atmosfera e che ciascun emisfero è esposto per circa due settimane ai potenti raggi solari (ricordiamoci che un giorno lunare dura quasi 28 giorni terrestri) viene fuori che ciascun lato della Luna rimane esposto per 14 giorni al sole con temperature superiori ai 100 gradi centigradi, e nei restanti 14 giorni domina il buio più profondo con temperature glaciali, circa -150 gradi). Ora capiamo bene, quindi, il perchè del deterioramento delle bandiere piantate.

luna

In merito alla questione è intervenuto anche Paul Spudis, un esperto ricercatore lunare che analizza gli evidenti dati rilasciati dall’orbiter:

“L’alternanza di 14 giorni di sole e temperature di 100 gradi centigradi, con 14 giorni di notte e temperature di -150 °C deve aver già di per sé alterato le caratteristiche del tessuto delle bandiere. A ciò si aggiungono i raggi ultravioletti, che fanno sbiadire i colori. È abbastanza probabile che oggi le bandiere americane portate sulla Luna dalle Missioni Apollo siano biancastre e in fase di disgregazione”.

E’ ormai praticamente confermata la tesi per cui, quei veri e propri simboli della conquista lunare da parte degli americani abbiano perso la propria identità, andando a sbiadire quasi tutti i loro colori e iniziando sgretolarsi.
La conferma assoluta relativamente alla completa distruzione delle bandiere, la avremo solo quando arriverà sulla luna ALINA, una macchina che atterrerà ad una distanza di poco più 2/3km dall’Apollo17, nata dalla collaboration tra Audi e SpaceX di Elon Musk. Con ALINA saremo in grado di fare un sopralluogo per vedere cosa resta del modulo lunare, degli strumenti di bordo, del rover e ovviamente della bandiera!

Matteo Gallone
Matteo Gallone
Mi chiamo Matteo Gallone, ho 21 anni e amo aggiornare i lettori di FocusTech con le ultime news sul mondo HiTech! Graduating student in Business & Economics presso l'Università di Roma "La Sapienza". Parallelamente agli studi universitari ho approfondito sempre più tutto ciò che riguarda lo scenario delle startup, la crescita e lo sviluppo di imprese innovative ed il ruolo della digitalizzazione nella moderna industria 4.0 Amo seguire l'evolversi del mondo tecnologico e la conseguente rivoluzione digitale, in particolar modo riguardo a fenomeni come: l'Internet of Things, Nanotech, BigData, Stampa 3D and so on...

Related articles

WhatsApp: arriva la sezione dei contatti online di recente

Un'interessante novità è stata scovata in queste ore all'interno dell'ultima beta dell'app WhatsApp per dispositivi Android. Di che...

Cambiamenti climatici: perché l’inflazione può influenzarli?

Negli ultimi decenni, l'inflazione è diventata una delle principali preoccupazioni economiche a livello globale. Allo stesso tempo, i...

Nuove specie di canguri giganti fossili scoperti in Australia e Nuova Guinea

Paleontologi della Flinders University hanno scoperto tre nuove e affascinanti specie di canguro gigante fossile provenienti da Australia...

Recensione Vasco Translator V4: un traduttore simultaneo in 108 lingue

Vasco Translator V4 è un piccolo dispositivo che apre le porte verso un mondo infinito di opportunità, la perfetta soluzione per...