Le persone oltre i 40 anni dovrebbero lavorare solo 3 giorni a settimana

Date:

Share post:

A meno che tu non sia parte di una piccola minoranza di esseri umani, è probabile che ti piacerebbe lavorare di meno. Il lavoro diventa rapidamente un punto focale nella tua vita, cinque giorni alla settimana fino a quando non siamo in età pensionabile.

Se, come la maggior parte della gente, quest’idea non ti riempie di felicità, sarai felice di sapere che un nuovo studio ha dimostrato che le persone con più di 40 anni sono più produttive quando lavorano solo tre giorni alla settimana.

Lo studio in questione proviene dal Melbourne Institute Worker Paper e sembra indicare che la produttività delle persone diminuisce nel corso degli anni. Lo scopo della ricerca era analizzare le capacità cognitive di coloro di età superiore ai 40 anni.

 

Lo studio 

Lo studio ha coinvolto 3.000 volontari maschi e 3.500 femmine, con esperti che hanno esaminato la memoria, il ragionamento esecutivo e il ragionamento astratto.

I ricercatori hanno analizzato le strutture familiari e l’occupazione dei partecipanti, nonché il loro benessere economico e soggettivo. Gli è stato chiesto di svolgere compiti come leggere le cose all’indietro, leggere le parole ad alta voce e abbinare numeri e lettere sotto pressione temporale. I risultati hanno dimostrato che coloro che hanno lavorato 25 ore a settimana hanno fatto il meglio.

Secondo il professor Colin McKenzie, uno dei principali autori dello studio, il livello di stimolazione intellettuale è fortemente influenzato dall’orario di lavoro. Il lavoro è un motore di stimolazione per il cervello e, quindi, la causa principale di affaticamento, stanchezza e stress.

McKenzie crede anche che sia molto difficile specificare gli effetti di ogni lavoro e il modo in cui influiscono sulle capacità cognitive di una persona. Dice che le persone dovrebbero sempre scegliere il proprio lavoro in base alle proprie capacità cognitive.

Detto questo, Geraint Johnes, professore di economia presso la Lancaster University Management School, sostiene che i risultati dello studio non sono così evidenti. Dice: “La ricerca guarda solo agli over-40 e quindi non è possibile affermare che gli over-40 siano diversi dagli altri lavoratori.

Ciò che gli autori hanno scoperto è che il funzionamento cognitivo migliora fino al punto in cui gli operai lavorano 25 ore a settimana e diminuisce successivamente. In realtà, in un primo momento il declino è molto marginale. Oltre le 40 ore settimanali, il declino è molto più rapido.

Federica Vitale
Federica Vitalehttps://federicavitale.com
Ho studiato Shakespeare all'Università e mi ritrovo a scrivere di tecnologia, smartphone, robot e accessori hi-tech da anni! La SEO? Per me è maschile, ma la rispetto ugualmente. Quando si suol dire "Sappiamo ciò che siamo ma non quello che potremmo essere" (Amleto, l'atto indovinatelo voi!)

Related articles

Recensione Huawei Matepad 11.5″S: tablet dal display speciale

Huawei MatePad 11.5″S è sin da subito il tablet che punta a distinguersi dalla massa per la presenza...

Come il trauma modella la percezione delle immagini e la nostra visione del mondo

Il trauma è una potente forza modellatrice che può influenzare profondamente il nostro modo di vedere il mondo...

Attenzione agli agrumi: come prevenire il doloroso ‘Margarita Burn’ estivo

L'estate è la stagione del sole, delle giornate trascorse all'aperto e dei cocktail rinfrescanti. Tuttavia, è anche il...

Basso peso alla nascita e declino cognitivo: cause, effetti e interventi

Il basso peso alla nascita (BPN), generalmente definito come un peso inferiore a 5,5 chili, è una condizione...