Little Foot e il nuovo dibattito sulla evoluzione della specie umana

Date:

Share post:

La teoria dell’evoluzione continuerà a rimanere una teoria per diversi motivi e uno di questi è proprio il fatto che la linea evolutiva non è completa e la lista degli ominidi continua ad allungarsi . Lo studio dei resti molte volte risulta difficile e le cause principali sono ovviamente lo stato di conservazione come nel caso di Little Foot.

Questo particolare ominide, Piccolo Piede in italiano, è stato scoperto più di 20 anni fa in una grotta nel Sudafrica. L’analisi è andata avanti a rilento per via del guscio di pietra che lo racchiudeva; riuscire a liberarlo senza rovinare le ossa è risultato un processo lungo e complicato. In ogni caso l’analisi fatta è stata spiegata in quattro diversi articoli pubblicati dal paleoantropologo Ronald Clarke.

 

Australopithecus prometheus

Questo è il nome della specie proposta per il ricercatore per questo particolare ominidi; l’altra possibilità sostenuta da altre figure è invece Australopithecus africanus. Quest’ultima è una specie già nota, ma Little Foot è da considerare il primo del suo genere. L’A. prometheus è stato ipotizzato nel 1948, ma venne accantonato già nel 1955; con la comparsa di tali resti, o meglio l’analisi, Clarke ha voluto riproporre tale etichetta.

L’ominide è una femmina adulta integra quasi al 90%. Apparentemente è vissuta almeno un milione di anni fa proprio accanto all’A. africanus per almeno alcune centinaia di migliaia di anni. Questo aspetto e i dati proposti dalle ossa sono per molti altri esperti la prova che non si tratti di una specie a se stante.

La particolarità degli arti di Little Foot indica la capacità di camminare rette, ma che predilige scalare e muoversi sugli alberi. L’aspetto è molto simile ad un altro Australopithecus ovvero l’afarensis il quale è vissuto circa 3,6 milioni di anni fa. Quest’ultimo ha vissuto in Africa orientale e questo indica come due ominidi diversi si siano evoluti in modo diverso nella stessa epoca.

Related articles

AIFA avverte sui rischi dei medicinali contro il raffreddore contenenti pseudoefedrina

L'Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa) ha recentemente emesso un'allerta riguardante l'uso di medicinali comunemente impiegati nel trattamento del...

Ciclotimia: una visione approfondita dei sintomi e delle opzioni di trattamento

La ciclotimia è un disturbo dell'umore caratterizzato da fluttuazioni cicliche nell'umore che non raggiungono i livelli estremi associati...

Potere terapeutico della musica: esplorando i suoni per alleviare lo stress

La musica ha un potere incredibile di influenzare le nostre emozioni e il nostro stato d'animo. In un...

Il Futuro dell’Oceano Atlantico: Chiusura da Gibilterra e un Nuovo Anello di Fuoco in Vista

L'Oceano Atlantico, pur sembrando eterno nella nostra scala temporale, è soggetto al ciclo di Wilson che lo vede...