Il microbioma: la chiave per comprendere la stanchezza cronica

Date:

Share post:

La stanchezza cronica è un disturbo debilitante e complesso che colpisce milioni di persone in tutto il mondo. Fino a poco tempo fa, la causa di questo disturbo era sconosciuta e molte persone venivano erroneamente etichettate come ipocondriache o affette da disturbi psicologici. Tuttavia, negli ultimi anni, gli studi scientifici hanno iniziato a suggerire che il microbioma intestinale potrebbe svolgere un ruolo chiave nella comprensione e nel trattamento della stanchezza cronica.

Il microbioma è l’insieme dei microrganismi che risiedono nel nostro corpo, in particolare nell’intestino. Questa comunità di batteri, virus e funghi svolge un ruolo essenziale nella salute umana, influenzando una vasta gamma di processi fisiologici, compreso il sistema immunitario e il metabolismo. Questa condizione nota anche come sindrome da affaticamento cronico, è una condizione caratterizzata da una stanchezza debilitante e persistente, che non migliora con il riposo. Fino ad ora, le cause della stanchezza cronica sono state ampiamente dibattute e comprese solo in modo limitato.

 

Stanchezza cronica, il microbioma potrebbe essere la chiave per comprenderla al meglio

Ricerche recenti hanno dimostrato che il microbioma intestinale potrebbe influenzare il funzionamento del sistema nervoso centrale e il sistema immunitario, entrambi coinvolti nella stanchezza cronica. Studi condotti su pazienti affetti da questa condizione hanno evidenziato alterazioni significative nella composizione del microbioma intestinale, con una diminuzione della diversità microbica e un aumento dei batteri dannosi. Queste modifiche possono innescare una risposta infiammatoria cronica e influenzare negativamente il funzionamento del cervello.

La disbiosi intestinale, che indica un disequilibrio nella composizione del microbioma, è stata associata alla stanchezza cronica. Uno studio pubblicato ha dimostrato che i pazienti affetti da stanchezza cronica presentano un’alterazione significativa della flora batterica intestinale rispetto ai soggetti sani. In particolare, sono stati riscontrati livelli più elevati di batteri nocivi e una diminuzione dei batteri benefici. Questa condizione potrebbe influire sul metabolismo dei nutrienti e sulla produzione di sostanze chimiche che regolano l’umore e l’energia, contribuendo alla stanchezza cronica.

 

Un importante meccanismo di regolazione dell’omeostasi

L’infiammazione cronica è un fattore chiave nella patogenesi della stanchezza cronica. Il microbioma intestinale può influenzare l’infiammazione sistemica attraverso la produzione di sostanze chimiche infiammatorie. La presenza di batteri dannosi nell’intestino può innescare una risposta immunitaria esagerata, che porta a un’infiammazione persistente. Questo stato infiammatorio cronico può contribuire alla stanchezza, interferendo con il metabolismo energetico e la funzione cerebrale. L’asse intestino-cervello, la comunicazione bidirezionale tra l’intestino e il cervello, è un importante meccanismo di regolazione dell’omeostasi.

Il microbioma intestinale influenza questa comunicazione attraverso la produzione di metaboliti e la segnalazione neuroendocrina. Alterazioni del microbioma possono disturbare l’asse intestino-cervello, influenzando il funzionamento del sistema nervoso centrale e contribuendo alla stanchezza cronica. La comprensione del ruolo del microbioma nella stanchezza cronica ha aperto nuove prospettive terapeutiche. Alcuni trattamenti sperimentali si stanno concentrando sulla modulazione del microbioma intestinale per alleviare i sintomi della stanchezza cronica. L’uso di probiotici, prebiotici e fecal microbiota transplantation (FMT) sono alcune delle strategie terapeutiche in studio. Tuttavia, è importante sottolineare che la ricerca in questo campo è ancora in fase preliminare e ulteriori studi sono necessari per valutare l’efficacia e la sicurezza di queste terapie.

Foto di menenio da Pixabay

Annalisa Tellini
Annalisa Tellini
Musicista affermata e appassionata di scrittura Annalisa nasce a Colleferro. Tuttofare non si tira indietro dalle sfide e si cimenta in qualsiasi cosa. Corista, wedding planner, scrittrice e disegnatrice sono solo alcune delle attività. Dopo un inizio su una rivista online di gossip Annalisa diventa anche giornalista e intraprende la carriera affidandosi alla testata FocusTech per cui attualmente scrive

Related articles

Russare: un silenzioso segnale di rischio per l’ipertensione

Il russare è un disturbo del sonno comune che colpisce milioni di persone in tutto il mondo. Spesso...

Denti: scoperto un farmaco che gli permette di ricrescere

Gli scienziati giapponesi hanno recentemente fatto una scoperta rivoluzionaria nel campo della medicina dentale: un farmaco che potrebbe...

Controlla i dettagli del tuo pacco: attenzione alla truffa SMS

In questi giorni, diversi utenti stanno ricevendo uno strano messaggio da parte del noto corriere Bartolini. In questo,...

Recensione Ventilatore a Torre Levoit Classic LTF-F362-WUK, ideale per chi cerca efficienza e silenziosità

E ora che il caldo ha veramente iniziato a farsi sentire, abbiamo testato il ventilatore a torre Levoit...