Nuova ipotesi sulla formazione dei più grandi diamanti extraterrestri mai trovati

Date:

Share post:

Gli scienziati dell’Università di Francoforte che hanno scoperto i più grandi diamanti extraterrestri mai trovati ora smentiscono una teoria sulla loro formazione, presentando un’altra ipotesi per la loro genesi.

La posta in gioco sono diamanti fino a diversi micrometri che sono stati scoperti nelle ureiliti – un raro tipo di meteorite caratterizzato dalla loro concentrazione di carbonio relativamente elevata sotto forma di grafite e nano-diamanti – in Marocco e Sudan.

Successive analisi dei diamanti trovati rivelano strati di lonsdaleite (un polimorfo di carbonio esagonale) in nanodiamanti, una modifica che avviene solo attraverso l’applicazione di una pressione elevata e improvvisa. Nelle rocce sono stati trovati anche altri minerali che hanno rivelato i tipici segni di pressione d’urto.

I nostri nuovi studi approfonditi mostrano che questi rari diamanti extraterrestri sono stati formati da un’immensa pressione d’urto, che si è verificata quando un grande asteroide o anche un pianeta più piccolo si è scontrato con la superficie del corpo originale dell’ureilite“, ha spiegato il professor Frank Brenker of Geo-sciences dell’università tedesca e coautore dello studio.

Il nuovo studio, i cui risultati sono stati recentemente pubblicati sulla rivista scientifica PLOS ONE, respinge la teoria secondo cui questi diamanti – simili a quelli trovati nelle viscere del pianeta Terra – potrebbero essere stati formati da una pressione continua all’interno di un protopianeta delle dimensioni di Marte o anche da Mercurio in un primo periodo del Sistema Solare, come è stato ammesso fino ad ora. Secondo Brenker, furono “all’epoca forze immense e distruttive” a dare origine a questi minerali.

Ph. credit: Robin Canup/Southwest Research Institute

Federica Vitale
Federica Vitalehttps://federicavitale.com
Ho studiato Shakespeare all'Università e mi ritrovo a scrivere di tecnologia, smartphone, robot e accessori hi-tech da anni! La SEO? Per me è maschile, ma la rispetto ugualmente. Quando si suol dire "Sappiamo ciò che siamo ma non quello che potremmo essere" (Amleto, l'atto indovinatelo voi!)

Related articles

Recensione Fujifilm Instax Mini 99: una instant camera dal sapore vintage

Fujifilm Instax Mini 99 è l'ultima instant camera dell'azienda nipponica, rappresentante un chiaro messaggio d'amore alla fotografia del passato,...

Neurogenesi: migliorarla per il trattamento del Parkinson

Il morbo di Parkinson è una malattia neuro degenerativa caratterizzata dalla perdita di neuroni dopaminergici nella substantia nigra,...

La recente tempesta solare è stata così intensa che si è fatta sentire sul fondo del mare

Una potente tempesta solare ha generato aurore spettacolari visibili alle quali in molti hanno avuto la fortuna di...

Alcol: quanto tempo impiega il nostro cervello per riparare i danni?

L'alcol è una sostanza che può avere effetti profondamente negativi sul cervello umano, causando danni che possono variare...